Dieci terribili momenti di terrorismo contro Cuba

Print Friendly, PDF & Email

La rivoluzione cubana ha vissuto sotto assedio permanente: militare, economico, finanziario, commerciale, mediatico. L’impero americano è stato implacabile contro il piccolo arcipelago che ha dimostrato che è possibile essere dignitosi e con principi in questo mondo.

Tutto è stato testato contro Cuba. Soprattutto, e ferocemente, il terrorismo che mutila e uccide. Una politica del Terrorismo di Stato iniziata poco dopo il 1° gennaio 1959, quando gli Stati Uniti hanno aperto le porte alla banda di criminali, torturatori e malversatori che hanno lasciato Cuba e fondato il loro ovile a Miami, culla e seme della mafia terrorista anticubana. Assassini e torturatori ripugnanti come Esteban Ventura, Pilar García, Orlando Piedra, Hernando Hernández, Julio Laurent, Lutgardo Martín Pérez, Ángel Sánchez Mosquera, Rolando Masferrer, Conrado Carratalá, Merob Sosa, Alberto del Río Chaviano, Leopoldo Pérez Coujil, Irenaldo García Báez, José María Salas Cañizares e molti altri, e ladri sfacciati come alcuni dei principali collaboratori politici del dittatore Fulgencio Batista, hanno trovato subito o in seguito un rifugio pacifico negli Stati Uniti.

Non appena è stata proclamata la Legge di riforma agraria, l’impero ha organizzato, finanziato e incoraggiato piani che includevano gli attacchi ai principali leader di Cuba e il terrorismo. Gli archivi storici registrano circa 60 dirottamenti di aerei o tentativi in questi 60 anni; oltre 50 bombardamenti con esplosivi e fosforo vivo contro zuccherifici cubani e aree urbane popolate, da parte di piccoli aerei che sono partiti e sono tornati impunemente negli Stati Uniti; 110 attentati dinamitardi, la detonazione di 200 bombe, 950 incendi e 6 deragliamenti in meno di 6 mesi, prima dell’aprile 1961, quando avvenne l’invasione mercenaria della Baia dei Porci; più di 600 tentativi di attacco contro Fidel Castro e altri leader della Rivoluzione; una guerra biologica che ha tolto la vita a bambini e anziani e ha causato danni materiali incalcolabili alla nostra economia.

Dal 1959 al 1998, su un totale di circa 560 atti di terrore commessi da questi gruppi neofascisti contro Cuba, circa 296, più della metà, si sono verificati nel territorio degli Stati Uniti.

A seguito di 681 azioni terroristiche e dell’invasione mercenaria di Playa Girón, che sono state provate e documentate, 3.478 donne, uomini e bambini sono morti. Altri 2.099 sono diventati disabili.

Cubadebate ricorda dieci dei più terribili atti di terrorismo contro Cuba incoraggiati e finanziati dagli Stati Uniti. Era la prova inconfutabile della natura criminale di uno Stato che si proclamava paladino dei diritti umani e poliziotto mondiale.

1. Esplosione a vapore La Coubre

Nel 1960, numerosi atti di terrorismo sono stati compiuti contro strutture pubbliche come cinema, teatri, scuole e negozi, con l’obiettivo di diffondere il panico e il terrore tra la popolazione. La più criminale e sanguinosa delle azioni intraprese in quell’anno fu il bombardamento, il 4 marzo dello stesso anno, del piroscafo francese La Coubre, nel porto dell’Avana, nel momento in cui si stavano scaricando le munizioni acquistate in Belgio per l’esercito ribelle. Questo attacco criminale ha causato 101 morti, tra cui diversi francesi, più di 200 feriti e numerose persone scomparse.

2. Sabotaggio contro El Encanto Store

Un fatto noto è stato il sabotaggio terroristico, il 13 aprile 1961, del più grande grande magazzino del paese, El Encanto, situato nel centro della capitale. Questo attacco ha causato la morte dell’operaio Fe del Valle, la distruzione totale dell’edificio e messo in pericolo un gran numero di case cubane. Erano i giorni precedenti l’invasione mercenaria della Baia dei Porci, sconfitta in meno di 72 ore sulle sabbie di Playa Girón.

3. Gli omicidi di Conrado Benitez, Manuel Ascunce e altri bambini, giovani e contadini cubani.

Il popolo cubano ricorda con singolare tristezza gli omicidi del 1961 del maestro Conrado Benítez e del contadino Eliodoro Rodríguez, il 5 gennaio; del maestro Delfín Sen Cedré, in ottobre; e del maestro Manuel Ascunce Domenech e del contadino Pedro Lantigua, il 26 novembre, crimini commessi per far fallire la Campagna di alfabetizzazione.

In questo periodo, diversi adolescenti e bambini furono assassinati con l’obiettivo di seminare il terrore e di scoraggiare il sostegno alla Rivoluzione tra i contadini e i lavoratori agricoli. Questi sono stati i casi dei crimini commessi contro la vita di diversi bambini della città di Bolondrón: Yolanda e Fermín, di 11 e 13 anni, Albinio Sánchez Rodríguez, di 10 anni, e Reinaldo Núñez-Bueno, di 22 mesi.

Molti documenti ora declassificati dimostrano il legame storico tra il governo degli Stati Uniti e le bande che operano nel nostro Paese. Nell’ottobre 1961, l’ispettore generale della CIA Lyman Kirkpatrick presentò un rapporto segreto che faceva riferimento a un’azione segreta, nota come Operazione Silenzio, in cui, per ordine del governo statunitense, la CIA effettuò 12 operazioni per fornire armi, munizioni ed esplosivi alle bande armate che operano nel nostro paese.

Nello stesso documento, e in riferimento all’enorme centro istituito dalla CIA in Florida per svolgere attività segrete contro Cuba, Kirkpatrick riconobbe che dal gennaio 1960, quando contava 40 persone, il Bureau si espanse a 588 entro il 16 aprile 1961, diventando uno dei più grandi nei servizi clandestini.

4. Tentato dirottamento di un aereo Il-18 e omicidio del pilota e della guardia

A titolo di esempio, citeremo quanto accaduto il 27 marzo 1966. Un terrorista, usando un’arma da fuoco, cercò di dirottare negli Stati Uniti un aereo IL-18 della Cuban Aviation Company, dove furono sempre ricevuti come eroi, con 97 persone a bordo, di cui 14 bambini. Fallendo il suo tentativo, a causa del comportamento coraggioso e determinato del capitano, che si rifiutò di dirottare la nave e atterrò all’aeroporto internazionale dell’Avana, il dirottatore uccise il pilota e il custode e ferì gravemente il copilota.

5. Subdolo attacco contro la città di Boca de Samá

Il 12 ottobre 1971 ci fu un attacco a regola d’arte alla città di Boca de Samá, sulla costa settentrionale dell’ex provincia di Oriente. Questa vigliacca azione contro un piccolo villaggio cubano ha causato due morti e feriti ad altri abitanti del villaggio, tra cui due bambini.

6. Attacco alle navi cubane in Cayo Largo 17 e Cayo Largo 34

Il 4 ottobre 1973, i pescherecci cubani Cayo Largo 17 e Cayo Largo 34, furono attaccati da due cannoniere comandate da terroristi, che uccisero il pescatore Roberto Torna Mirabal e abbandonarono il resto dell’equipaggio, su gommoni, senza acqua e senza cibo.

7. V. Sabotaggio contro l’aereo di Cubana de Aviación a Barbados il 6 ottobre 1976

Familiares de las víctimas del sabotaje terrorista organizado por Luis Posada Carriles, el 6 de octubre de 1976.

Il 6 ottobre 1976 si verificò l’atto terroristico più mostruoso e ripugnante commesso in quel periodo: l’esplosione a metà volo di un aereo della Cubana de Aviación con 73 persone a bordo, tra cui 57 cubani, 11 giovani della Guyana (6 dei quali selezionati per studiare medicina a Cuba) e 5 cittadini della Repubblica Popolare Democratica di Corea. Sono tutti morti.

L’attentato all’aereo civile cubano è stato commesso da due mercenari di nazionalità venezuelana, ingaggiati da due dei più noti terroristi di origine cubana: Orlando Bosch Ávila (autore di 321 atti terroristici), che, nonostante il parere contrario del Dipartimento di Giustizia, ha ricevuto una speciale autorizzazione dal presidente Bush Sr. a risiedere negli Stati Uniti e vive a Miami dal 1990; e Luis Posada Carriles, attualmente in prigione a Panama per aver tentato di assassinare il capo di Stato cubano. Entrambi erano stati reclutati dalla CIA dal 1960 e si erano specializzati in sofisticate tecniche di sabotaggio con ogni tipo di mezzo. I due terroristi di cui sopra erano allora membri dell’organizzazione CORU (Coordinamento delle Organizzazioni Rivoluzionarie Unite), fondata nel giugno 1976 dallo stesso Orlando Bosch, che ha unificato diverse organizzazioni terroristiche. Il CORU ha aumentato considerevolmente le sue azioni terroristiche non solo contro Cuba, ma anche contro altri 24 Paesi in Europa, America Latina e America Centrale.

8. Omicidio del diplomatico cubano Felix Garcia a New York City l’11 settembre.

Quell’11 settembre 1980, il diplomatico cubano accreditato presso l’Onu, Felix Garcia, insieme ad alcuni compagni cileni, commemorava la resistenza del presidente Salvador Allende al colpo di Stato che, in collusione con il governo degli Stati Uniti, Augusto Pinochet assassinò.

Ha anche distribuito alcune copie dell’ultimo numero della rivista “Bohemia” in diversi luoghi di incontro degli emigranti, e anche dei controrivoluzionari, affinché potessero conoscere le importanti conquiste del socialismo a Cuba.

Ma più tardi, durante la giornata e davanti a un semaforo rosso, ha dovuto fermare l’auto che stava guidando, un momento sfruttato da un individuo armato che, mirando a Felix, ha premuto il grilletto con rabbia e odio. Quattro proiettili assassini gli hanno tolto la vita. È stato il primo diplomatico accreditato presso l’Onu ad essere ucciso negli Stati Uniti.

Il terrorista che gli ha sparato è Eduardo Arocena, leader dell’organizzazione di ultra-destra cubano-americana Omega 7, che per anni ha operato negli Stati Uniti nella più totale impunità.

Il Centro per la ricerca storica sulla sicurezza dello Stato (CIHSE) ha documentato 581 aggressioni contro le rappresentanze cubane all’estero, una cifra che è rappresentata nella sala della CIA all’interno del Memoriale della Denuncia, e che negli ultimi anni è stata superata con fatti nuovi, come quello avvenuto il 30 aprile 2020 contro l’ambasciata del nostro Paese a Washington.

9. Introduzione dell’epidemia di dengue che ha ucciso 101 bambini

Nel maggio 1981 si cominciarono a segnalare casi di pazienti infettati dal virus della Dengue-2, popolarmente noto come febbre emorragica di Dengue, da un ceppo del virus che era geneticamente distante da quelli allora in circolazione in altri paesi caraibici e che, invece, era legato a ceppi di laboratorio sviluppati solo in strutture nordamericane. In poche settimane è scoppiata un’epidemia di una malattia mai esistita prima nel Paese, raggiungendo un numero senza precedenti di 344.203 persone infette. In totale sono morte 158 persone a causa dell’epidemia, tra cui 101 bambini.

Le indagini e gli studi approfonditi effettuati hanno dimostrato che l’epidemia è stata introdotta deliberatamente in territorio cubano da agenti terroristi al servizio del governo degli Stati Uniti. Secondo le dichiarazioni dell’esperto statunitense, il colonnello Phillip Russell, durante il XIV Congresso Internazionale dell’Oceano Pacifico, gli specialisti statunitensi in guerra biologica erano stati gli unici ad ottenere una varietà della zanzara Aedes Aegypti che era significativamente associata alla trasmissione del virus della Dengue-2.

Nel processo del 1984 negli Stati Uniti contro Eduardo Arocena, capo dell’organizzazione terroristica Omega 7, Arocena confessò di aver introdotto germi a Cuba e riconobbe che il virus emorragico della Dengue era stato introdotto nell’isola da gruppi con sede negli Stati Uniti.

Giorni prima che la malattia cominciasse a manifestarsi a Cuba, l’esercito degli Stati Uniti immunizzò il personale della base navale di Guantánamo con un vaccino che includeva la protezione contro la Dengue-2. Ciò significa che non si è registrato un solo caso di malattia in quell’enclave militare, che invece ha colpito in modo significativo il resto del territorio nazionale, senza alcuna eccezione.

Se non fosse stato per il colossale sforzo intrapreso da tutto il nostro popolo e dal governo, decine di migliaia di persone sarebbero morte, la stragrande maggioranza delle quali bambini. In poco più di quattro mesi siamo riusciti a sconfiggere un’epidemia che secondo molti esperti ci sarebbero voluti anni per debellarla. Anche l’impatto economico fu notevole.

10. Bombe in hotel cubani per colpire il turismo

La Cuban American National Foundation (CANF), finanziatricem di campagne politiche di diversi legislatori e persino presidenti statunitensi, ha assunto l’organizzazione e il finanziamento di azioni terroristiche contro Cuba nel 1992. Nel servizio, sotto gli ordini e con i soldi della CANF, sono stati reclutati diversi terroristi nei paesi dell’America centrale, che hanno piazzato bombe nelle strutture turistiche cubane per la raccolta di una ricompensa. Nel 1997, hanno fatto esplodere sette bombe in alberghi e strutture turistiche del paese. In uno di questi attacchi è morto il giovane turista italiano Fabio Di Celmo. L’obiettivo era chiaro: rovinare l’industria del turismo cubano, che già si stava affermando come il principale settore economico del Paese.

Il terrorismo contro Cuba non appartiene al passato. Al contrario, il discorso odioso e aggressivo dell’attuale amministrazione statunitense è un terreno fertile per nuove azioni terroristiche, come dimostra il mitragliamento dell’ambasciata cubana a Washington il 30 aprile 2020, o come testimonia questo post di Red Verdad:

Fonte: Cubadebate

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...