FINCIMEX denuncia nuovi danni provocati dal blocco

Print Friendly, PDF & Email

FINCIMEX, entità finanziaria cubana, ha denunciato, oggi, sulla sua pagina Facebook un nuovo pregiudizio al suo servizio, dovuto all’impatto diretto ed extraterritoriale del blocco USA contro Cuba.

Il comunicato dell’entità informa quanto segue:

Ancora una volta FINCIMEX si vede nella necessità di annunciare all’opinione pubblica danni  diretti contro il servizio di rimesse familiare a Cuba, da parte del governo USA.

L’inclusione, nel giugno 2020, di FINCIMEX nella lista dell’OFAC delle entità ristrette continua a generare nel settore bancario internazionale timori ad accettare operazioni dirette all’entità e tendenze a limitarne la portata.

Indipendentemente dal fatto che le operazioni abbiano origine nella valuta EURO e non contengano flussi da società USA, il settore bancario è sotto pressione da parte del blocco USA, che continua a dimostrare la sua extraterritorialità a 62 anni dalla sua attuazione.

Il sito WEB aisremesascuba.com si è visto impossibilitato nel mantenere i propri standard di servizi ed ha dovuto ritardare il periodo di accredito delle rimesse ad 8 giorni, a causa della difficoltà di trovare istituti finanziari che autorizzino il livello di operazioni quotidiane per far fronte alla crescente domanda del servizio.

Ancora una volta, le misure coercitive del governo USA contro l’attività finanziaria del nostro paese, danneggia in primo luogo il popolo cubano.

FINCIMEX si adopera per superare gli ostacoli imposti al fine di fornire un miglior servizio alla popolazione, con la certezza di ritornare agli standard abituali del sito, in termini di tempi di consegna delle rimesse.

Si ribadisce che tutti i bonifici contrattualizzati verso il paese verranno accreditati in modo sicuro, in nessun caso con rischio di perdita del trasferimento.

FINCIMEX si scusa per gli inconvenienti causati e ribadisce il suo impegno per la qualità dei suoi servizi, l’attenzione ai clienti e il miglioramento continuo nella sua gestione.

Fonte: CUBADEBATE

Traduzione: cubainformazione.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: