Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba – Circolo Cecilia Sánchez Manduley – Verona

Print Friendly, PDF & Email

COMUNICATO STAMPA

Non c’è nulla di più squalificante che politicizzare la pandemia in atto e diffusa fra tutti i paesi del mondo, mettendo ognuno di essi, pur con diverse tempistiche, in condizioni di difficoltà nella sua gestione. I tentativi di delegittimare questo o quel governo, con argomenti che non avrebbero bisogno di sterili polemiche, non solo non servono a nessuno ma nemmeno rendono un buon servizio alla verità delle cose.

Nell’articolo apparso sul giornale l’Arena del 29/08/2021 (“Non abbiamo farmaci e posti letto”) si affermano cose talmente prive di senso, ancorché del tutto decontestualizzate dalla realtà cubana, da ritenere che gli estensori del testo abbiano altre finalità, ben diverse da quelle descritte nel loro intervento. Infierire sulle difficoltà di un paese (Cuba), che come tanti altri si trova ad affrontare la variante Delta del nuovo Coronavirus, variante con una contagiosità 10 volte superiore a quel ceppo originario che inizialmente ha colpito anche l’Italia, è cinico e francamente ininfluente sulla solidarietà che invece dovremmo mettere in campo in queste situazioni. La critica è sempre legittima, purché non ci si limiti a generiche boutade buone per tutte le stagioni, da annoverarsi perlopiù tra le fake news mal riuscite.

Criticare il sistema sanitario cubano, ripetutamente elogiato dall’OMS per l’eccellenza del suo livello, è velleitario; non riconoscere che il numero di Professionisti Sanitari è a Cuba percentualmente il triplo di quelli che abbiamo in Italia è una mistificazione. Il Ministero di Salute Pubblica ha sviluppato un servizio di sanità territoriale (casa per casa) all’avanguardia. Esiste un sistema nazionale di ricerca di elevatissima qualità, formato da numerosi laboratori: l’Istituto di Ingegneria Genetica e Biotecnologia (CIGB), l’Istituto Finlay dei Vaccini (IFV), il Centro di Immunologia Molecolare (CIM), BioCuba Farma, il Centro Nazionale Biopreprati (BioCen), il Centro di Immuno Ensayo (CIE). Ciò ha permesso al paese di sviluppare in brevissimo tempo 5 candidati vaccinali di cui tre già autorizzati all’uso in emergenza (stessa formula usata per i vaccini somministrati in Italia).

Ad oggi sono state somministrate quasi 13 milioni di dosi e quasi 4 milioni di cittadini hanno completato il ciclo vaccinale, ciclo che a Cuba prevede anche la terza dose. Corre l’obbligo di far notare che Cuba è l’unico Paese di tutta l’America Latina ad aver sviluppato, prodotto e somministrato in proprio più vaccini. Al di là del COVID 19, Cuba produce il 90% dei vaccini con i quali immunizza regolarmente la sua popolazione, oltre ad una quantità importante di farmaci frutto della sua ricerca. La situazione pandemica è, come già accennato, caratterizzata dalla presenza del 100% di variante Delta. Questa nell’ultimo periodo ha determinato circa 8000 positivi al giorno, individuati grazie a circa 50.000 tamponi giornalieri. Tutti i “pazienti” vengono assistiti sia a casa che in ospedale.

Negli ultimi mesi, conseguentemente all’aumento dei casi positivi è aumentato il numero dei pazienti ricoverati in terapia intensiva classificati in critici e gravi, purtroppo anche i decessi nelle ultime settimane contano mediamente una cinquantina di vittime. Ad oggi a Cuba ci sono stati circa 5000 morti da Sars Cov 2 (in Italia circa 130.00, negli USA 620.000 in Brasile oltre 500.000). Non c’è assolutamente bisogno di fosse comuni, tantomeno di farneticazioni inerenti un loro utilizzo. Ogni giorno il Direttore Nazionale di Epidemiologia, Dr. Francisco Duran Garcia, in una diretta nazionale di quasi un’ora, informa dettagliatamente la popolazione sul numero dei nuovi positivi, in quale provincia e Municipio sono stati individuati, sul numero dei nuovi ospedalizzati e deceduti, quanti sono stati i dimessi, oltre ad altre statistiche più dettagliate per territorio e comunità.

Tutto ciò nonostante l’inumano Blocco economico, commerciale e finanziario a cui l’isola è sottoposta da oltre 60 anni. In questo ambito Cuba ha dovuto costruire ex novo i respiratori per i pazienti in terapia intensiva poiché la compagnia produttrice, su pressione degli Stati Uniti, ha rifiutato di consegnare quanto già contrattato. Cuba non ha possibilità (sempre per colpa del Blocco) di acquistare antibiotici, eparina e altri farmaci che qualsiasi altra nazione potrebbe procurarsi con semplicità. Da anni inoltre l’isola non può acquistare farmaci antitumorali pediatrici, grazie al Blocco voluto dagli USA. Le attrezzature seguono la stessa sorte e così anche i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI), che comunque non mancano in quanto Paesi di tutti i continenti, Associazioni solidali con Cuba tra cui l’Associazione Nazionale di Amicizia Italia Cuba, mediCuba-Europa ed altri gruppi solidali si adoperano per fornire l’isola del necessario.

Se si vuole combattere politicamente Cuba non crediamo siano questo il terreno né la modalità più indicate. Il furore ideologico che spesso si trasforma in odio non appartiene alla nostra cultura solidale, per cui ne prendiamo le distanze. Se invece si vuole aiutare Cuba si può fare molto. Gli Amici veronesi di Cuba lo hanno fatto anche recentemente lanciando una campagna di raccolta fondi solidale con una conferenza stampa svoltasi il 4 agosto al Liston 12, evento al quale sia l’Arena (quotidiano e TV) che Telenuovo hanno dato grande risalto. Una conferenza stampa apolitica alla quale ha presenziato la Sindaca di Crema Stefania Bonaldi, elogiando la brigata di sanitari cubani intervenuta nella sua città col fine aiutare la cittadinanza in una fase di assoluta necessità ed estrema criticità. Ringraziando al contempo il Governo cubano per lo spirito solidale dimostrato. La lotta al blocco ed il sostegno materiale per l’Associazione Nazionale di Amicizia Italia Cuba rappresentano la via trasparente e leale per aiutare la popolazione cubana.

Enzo Pescatori, Segreteria Nazionale ANAIC
Dennis Vincent Klapwijk, Segretario ANAIC Verona
Pietro Agnelli, Tesoriere ANAIC Verona

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Alina Lopez ha detto:

    Grazie a voi per combatere queste stupide bugie! ABAJO el BLOQUEO GENOCIDA y CRIMINAL contra CUBA!! PATRIA O MUERTE mil millones de veces!!