Il mondo si oppone, ma il “democratico” Biden estende la legge a sostegno del blocco

Print Friendly, PDF & Email

Il presidente USA, Joe Biden, ha firmato ieri l’estensione, per un altro anno, della Legge sul Commercio con il Nemico, uno degli statuti della Casa Bianca che sostiene il blocco economico, commerciale e finanziario illegittimo contro Cuba.

Il documento firmato da Biden recita che “il proseguimento dell’esercizio di queste norme nei confronti di Cuba per un anno è nell’interesse nazionale degli Stati Uniti” e fissa la data della nuova revisione al 14 settembre 2022.

Il ripetuto prolungamento del blocco ignora il rifiuto della maggioranza assoluta dei Paesi del mondo (187 contro 2), espresso tutti gli anni all’ONU, rispetto a una politica di genocidio che il governo degli Stati Uniti ha opportunisticamente intensificato, nel tenace tentativo di far arrendere il popolo cubano a causa della fame, delle malattie e della miseria.

L’ultimo rapporto di Cuba in quel caso registra che i danni accumulati ammontano a 147.853,3 milioni di dollari ed esemplifica come, solo tra aprile e dicembre 2020, il blocco abbia causato perdite dell’ordine di 3.586,9 milioni di dollari.

Nel commentare la notizia, la vice presidentessa USA Kamala Harris, che prima delle elezioni aveva dichiarato che le nuove sanzioni contro Cuba introdotte da Donald Trump sarebbero state allentate in caso di una vittoria di Joe Biden, ha invece ribadito il ruolo del suo paese come “gendarme del mondo” che agisce al di sopra delle decisioni prese all’ONU ed ha detto: “L’embargo è dovuto ad una legge degli Stati Uniti; è necessario un atto del Congresso per revocarlo oppure è necessario che il (nostro) presidente stabilisca che a Cuba ci sia un governo democraticamente eletto. Non ci aspettiamo che nessuna di queste cose accada in tempi brevi”.

Cuba è attualmente l’unico paese al mondo sanzionato in base a questa legge, la quale autorizza il presidente USA a imporre e mantenere restrizioni economiche a Stati considerati ostili.

Fonte: Granma

Traduzione: cubainformazione.it

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Marco Rognoni ha detto:

    Ribadisco la mia opinione, BIDEN è solo uno sporco ipocrita opportunista che dopo aver finito il casino iniziato dal suo degno predecessore
    (TRUMP) in Afganistan, per paura che gli tolgano l’ incarico di presidente di sotto il culo, lecca il culo a repubblicani e alla mafia Cubana di Miami… che schifo..