Fidel all’ONU, cinque ore per la storia

Print Friendly, PDF & Email

Il primo discorso del leader cubano Fidel Castro all’Assemblea Generale dell’ONU ha avuto luogo 61 anni fa (ieri) ed è ancora tra i più critici della filosofia della guerra.

Il discorso ha occupato l’attenzione del forum per quasi cinque ore ed è uno dei discorsi più lunghi mai pronunciati in plenaria.

Ma non è stata la lunghezza del discorso che spiccava di più tra le prime parole del leader della rivoluzione cubana davanti al più grande organismo dell’ONU, è stato il suo attacco alla brutale filosofia della guerra, concordano gli analisti.

La denuncia di numerose azioni del governo degli Stati Uniti contro la Rivoluzione cubana e l’uso della forza attraverso la crescente corsa agli armamenti sono stati gli argomenti centrali del discorso, che ha provocato ripetute acclamazioni e applausi.

Fidel Castro (1926-2016) ha criticato il modo in cui la guerra viene usata per monopolizzare i paesi sottosviluppati e rubare le loro risorse, e ha criticato la politica degli Stati Uniti verso Cuba e altre nazioni in America Latina, Asia e Africa.

“Le guerre, fin dall’inizio dell’umanità, sono sorte, fondamentalmente, per una ragione: il desiderio di alcuni di espropriare altri della loro ricchezza. Scompare la filosofia dell’espropriazione e la filosofia della guerra sarà scomparsa”, ha sottolineato.

Ha anche mostrato come la corsa agli armamenti è sempre stata un grande affare per i monopoli, che come i corvi “si nutrono dei cadaveri che le guerre ci portano”.

Quando il leader arrivò a New York il 19 settembre 1960, era allora il giovane primo ministro cubano, il campione di una rivoluzione nascente che ostacolava i piani di Washington.

Nelle sfere di potere degli Stati Uniti, l’animosità contro la rivoluzione cubana era cresciuta. Fidel denunciò persino l’umiliante trattamento dell’Hotel Shelburne e decise di alloggiare con la sua delegazione all’Hotel Theresa, situato in uno dei quartieri più poveri di New York: Harlem.

Fu escluso dalle riunioni e dagli incontri ufficiali, ma trovò sostegno, ammirazione e un caldo benvenuto da parte degli abitanti di Harlem, la maggior parte dei quali erano afro-americani.

Al Theresa Hotel, che ha chiuso nel 1967 e ora ospita uffici, ha ospitato il sostenitore dei diritti civili Malcolm X, ha incontrato per la prima volta il leader sovietico Nikita Khrushchev, e ha avuto incontri con il presidente egiziano Gamal Abdel Nasser e il primo ministro indiano Jawaharlal Nehru.

Manifestazioni spontanee sono nate sotto il balcone della sua stanza, dove ha appeso una bandiera cubana e una volta ha parlato a migliaia di sostenitori della Rivoluzione. Era anche circondato da provocazioni e rivolte da parte di piccoli gruppi che si opponevano al processo di cambiamento che stava iniziando sull’isola.

Mentre le autorità statunitensi assumevano un atteggiamento apertamente ostile, ad Harlem Fidel trovò un’atmosfera amichevole, circondato dalla comunità povera e afroamericana che lo accolse e si ricorda ancora di lui.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: