Il turismo che Cuba prevede e prepara

Print Friendly, PDF & Email

Mentre il mondo celebra oggi la Giornata Mondiale del Turismo, Cuba affronta l’impatto di Covid-19 e si prepara a riprendere l’industria dei viaggi e la tendenza al rialzo in quel settore.

Gli esperti del Ministero del Turismo (Mintur) credono che le possibilità sono molte, soprattutto grazie alla speranza generata dai vaccini del paese contro la pandemia, e un ordine che è stato pianificato per diversi anni.

Il turismo inclusivo è al primo posto nell’agenda, come sarà segnato nella Giornata Mondiale del Turismo nel 2021.

Dagli anni 50 fino al trionfo della rivoluzione cubana nel 1959, la crescita degli arrivi turistici era in gran parte legata al controllo delle famiglie mafiose americane sul gioco d’azzardo, la prostituzione e il traffico di droga.

Questo segmento statunitense era associato alle alte sfere dei governi dell’epoca, secondo gli storici come il defunto Enrique Cirules (in diversi suoi libri).

Il numero di turisti è cresciuto da 166.000 nel 1950 al record di 275.000 nel 1957 per un tasso annuo dell’otto per cento, secondo ricercatori come il professore locale José Luis Perelló.

Dal 1959 al 1989, le spiagge furono convertite all’uso popolare e furono creati nuovi centri e strutture turistiche, approfittando delle bellezze naturali, con l’obiettivo di promuovere il relax della gente.

Fino agli anni 70 del secolo scorso, il turismo internazionale è diminuito considerevolmente e ha prevalso il turismo nazionale. A partire dagli anni 70, il turismo si è sviluppato con i paesi del campo socialista. Questo fu il periodo in cui fu creato l’Istituto Nazionale del Turismo e del Tempo Libero (Intur).

Durante questo periodo, l’arrivo di visitatori stranieri è cresciuto da 96.600 nel 1978 a 275.000 nel 1989, raddoppiando nel quinquennio 1986-1990 la cifra dei cinque anni precedenti.

Così, dal 1990 al 1994, Cuba ha mostrato un riorientamento verso il turismo internazionale.

Come tale è stato creato il Ministero del Turismo (Mintur), che governerà questo tipo di attività fino ad oggi. Nel 1989, l’afflusso di turisti stranieri ha eguagliato quello del periodo pre-rivoluzionario.

Gli arrivi di visitatori stranieri sono cresciuti a Cuba nel 1990-2009 con un tasso medio del 10,8 per cento, mentre nei Caraibi (1990-2008) questo tasso è stato del 3,6 per cento.

Nel 1990, Cuba riceveva il tre per cento dei turisti che viaggiavano verso i Caraibi, e nel 2008 la sua quota era cresciuta al 12,6 per cento. Nel 2012, un totale di due milioni 838.652 visitatori sono stati ricevuti, un numero record.

Il settore alberghiero è cresciuto fino a più di 71.000 camere in circa 300 stabilimenti distribuiti in tutta l’isola, con un’enfasi speciale sugli hotel a quattro e cinque stelle, e una predominanza di alloggi all-inclusive.

Dal 2016, il crescente turismo di Cuba ha attirato più di quattro milioni di visitatori stranieri all’anno, e alla fine del 2019, quando inizia la guerra di Covid-19, l’isola era molto vicina alla cifra record di cinque milioni.

Nonostante la malattia, il processo di investimento non si è fermato, con una spinta per le strutture a L’Avana, e uno sforzo da parte delle autorità ora porta 15 novembre come la riapertura dichiarata del turismo sull’isola.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Giancarlo nonis ha detto:

    Appena possibile spero di partire per Cuba, magari con Italia-Cuba.