Gli Stati Uniti, una bomba a orologeria contro Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Parte di un volto, ridotto a due occhi “impressionanti, come se fossero vivi”, fu l’ultima immagine che un bambino vide di suo padre, vittima del sabotaggio del piroscafo francese La Coubre nel marzo 1960.

Secondo il racconto dell’infermiera Gloria Azoy, che ha curato i feriti dell’incidente nel porto dell’Avana, ha raccolto quei resti e li ha fasciati. “Più tardi, un bambino si è avvicinato a me cercando di trovare informazioni sul suo padre scomparso. L’ho guardato e ho capito subito chi stava cercando”, ha raccontato.

Il bilancio di quel 4 marzo fu di 100 morti, 34 dispersi, 400 feriti (dozzine dei quali invalidi a vita) e centinaia di famiglie distrutte da quello che è considerato uno dei più criminali atti di terrorismo organizzati dagli Stati Uniti, ma non l’unico.

GEOPOLITICA MASCHERATA DA CONFLITTO

Secondo lo scrittore e professore universitario cubano José Luis Méndez, l’ostilità del governo degli Stati Uniti nei confronti del processo rivoluzionario nell’isola risale a prima del suo trionfo, il 1° gennaio 1959.

A questo proposito, ha fatto riferimento agli “strenui sforzi” per schiacciare l’Esercito Ribelle guidato da Fidel Castro, a partire dalla fornitura di bombe e munizioni agli aerei della dittatura di Fulgencio Batista (1952-58) presso la base navale illegale di Guantánamo, nell’est del paese.

Inoltre, ha detto Méndez, Washington ha fatto pressione su diversi paesi affinché si rifiutassero di vendere armi alla guerriglia, “insieme ad altre misure per organizzare la controrivoluzione con l’uso di sostenitori di Batista, destituito dal potere e colpiti dalle leggi del processo nascente, con profondo contenuto e beneficio popolare”.

In un articolo, Alejandro Castro, dottore in Scienze Politiche, chiede: “Se Cuba non rappresenta una minaccia per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti, come ha riconosciuto il Pentagono, né è un rivale in campo economico, perché persiste la politica fallimentare e la furiosa animosità contro la Rivoluzione?

Per Jorge Hernández, direttore del Centro di Studi Emisferici e Statunitensi dell’Università dell’Avana, una delle lotte più note nelle relazioni internazionali, quella tra Washington e l’Avana è forse (insieme a quella tra il popolo palestinese e Israele) quella che ha ricevuto più attenzione.

In quel caso, “non era solo ed essenzialmente un conflitto di amore-odio, spinto da una capricciosa ostinazione neocoloniale e imperialista degli Stati Uniti, ma piuttosto imperativi geopolitici e simbolici che sostenevano la logica del dominio”, ha spiegato.

Dal trionfo rivoluzionario, tale confronto ha assunto una connotazione diversa, qualitativamente nuova, che ha fatto di Cuba l’oggetto dei più svariati metodi di aggressione, ha affermato.

CUBA NELL’AGENDA DELL’ORRORE

Secondo la richiesta del popolo cubano contro il governo degli Stati Uniti per danni umani, presentata all’Avana il 31 maggio 1999, il terrorismo è stato uno strumento permanente della politica estera della Casa Bianca contro il paese caraibico.

In questo contesto, l’isola divenne bersaglio di sabotaggi, attacchi di pirati contro strutture costiere, navi mercantili e pescherecci, così come attacchi a uffici e personale cubano all’estero, comprese sedi diplomatiche e aerei.

A questo si aggiunge l’istigazione costante, attraverso stazioni radio e televisive, di mercenari, che ricevono istruzioni per compiere atti sovversivi e danneggiare centri di produzione e servizi, secondo fonti ufficiali.

Un rapporto dell’ottobre 1961, firmato dall’ispettore generale e direttore esecutivo della Central Intelligence Agency (CIA), Lyman Kirkpatrick, dava conto dell’inizio delle operazioni organizzate da Washington contro l’Avana nell’estate del 1959, poco dopo la firma della legge di riforma agraria (17 maggio dello stesso anno).

Nell’ottobre 1959, piccoli aerei sorvolavano già l’isola dal territorio statunitense, con missioni come l’infiltrazione di agenti, armi e altri mezzi, la realizzazione di atti di sabotaggio, bombardamenti e il lancio di propaganda sovversiva.

Come afferma la causa, fu nel 1961 che queste aggressioni furono più sistematiche, conseguenza del cosiddetto “Programma di Azione Segreta contro il Regime Castrista“, approvato il 17 marzo 1960 dall’allora presidente degli Stati Uniti Dwight D. Eisenhower.

Leyla Carrillo, specialista del Centre for International Policy Research, ha sottolineato che tra l’ottobre 1960 e l’aprile 1961, la CIA ha assassinato lavoratori e pescatori alfabetizzati, ha portato 75 tonnellate di esplosivi e 45 tonnellate di armi, ha effettuato 110 attentati, ha fatto esplodere 200 bombe, ha fatto deragliare sei treni e ha dato fuoco a 150 fabbriche e un numero uguale di campi di canna da zucchero.

La guerra non dichiarata contro il paese caraibico includeva il bombardamento delle città costiere e l’invasione mercenaria della Baia dei Porci nel 1961, che fu sconfitta in meno di 72 ore e divenne la prima sconfitta militare statunitense nelle Americhe.

La Casa Bianca fu anche responsabile della minaccia del terrorismo nucleare nel 1962, durante la cosiddetta Crisi d’Ottobre, e della promozione di gruppi di banditi per mettere fine alla Rivoluzione, principalmente localizzati nella regione dell’Escambray, e alla mercé dei rifornimenti e degli ordini del governo statunitense.

Secondo la causa, fino al 1965, quando il banditismo fu liquidato, 299 gruppi con 3.995 mercenari erano attivi sull’isola, lasciandosi dietro almeno 549 morti.

Nel 1962, il “Progetto Cuba”, presentato al governo degli Stati Uniti, completava la scena con un elenco di 32 compiti di guerra segreta che dovevano essere eseguiti dai dipartimenti e dalle agenzie che partecipavano alla cosiddetta Operazione Mangusta.

Secondo il maggior generale (in pensione) Fabián Escalante, uno studioso dell’argomento, questo programma includeva piani di attentati contro il leader della Rivoluzione, Fidel Castro (ce ne furono più di 634 tra il 1958 e il 2000), e altri leader, oltre a compiti di sovversione economica, militare, di intelligence e politico-ideologica.

Già nel 1961, lo storico leader denunciava come la CIA tirasse i fili della controrivoluzione, fornendo armi ed esplosivi, e “senza alcun rispetto del diritto internazionale”, reclutando e organizzando mercenari, dopo aver “violato incessantemente lo spazio aereo nazionale e le acque giurisdizionali del nostro paese”.

Di fatto, il documento declassificato di Kirkpatrick enfatizzava “l’incitamento, il sostegno e, se possibile, la direzione dell’azione, all’interno e all’esterno” dell’isola, “da parte di gruppi selezionati di cubani che potevano realizzare qualsiasi missione di propria iniziativa”.

Secondo fonti ufficiali, questo ha portato alla nascita di diverse associazioni, che si vantavano di promuovere il terrorismo e agivano dagli Stati Uniti con totale impunità.

Sigle come MRP (Movimiento Revolucionario del Pueblo), CORU (Coordinación de Organizaciones Revolucionarias Unidas, che in realtà riuniva i gruppi anticubani più violenti della regione), Alpha 66 e Omega 7, divennero famose per aver bagnato l’isola di sangue, e rilasciarono dichiarazioni rivendicando il merito di ogni goccia versata.

“Se avessimo più risorse, Cuba brucerebbe da un capo all’altro”, disse il terrorista Orlando Bosch alla stampa di Miami il 17 gennaio 1965.

La carriera di questo criminale ha incluso la fondazione del CORU; insieme a Posada Carriles, nel 1976 ha promosso l’esplosione in volo del Cubana de Aviación CU-455 e la morte delle 73 persone a bordo al largo delle Barbados; tuttavia, ha trascorso i suoi ultimi anni, con la protezione del governo statunitense, in libertà.

La stessa sorte toccò a Posada, che nel 1998 confessò al New York Times: “La CIA ci ha insegnato tutto, come usare gli esplosivi, come uccidere, come fare bombe”, e provò questo addestramento quando organizzò l’attacco all’aereo di linea Cubana.

“Il sabotaggio è stato il colpo più efficace mai realizzato contro Castro”, così Posada descrisse il primo atto di terrorismo aereo nella storia del continente, in un testo pubblicato dal giornale Miami Herald il 10 novembre 1991.

Le armi contro Cuba includevano anche l’aggressione biologica. Secondo gli archivi storici, i primi piani della CIA avevano come obiettivo la canna da zucchero, all’epoca la principale coltura d’esportazione del paese caraibico.

Allo stesso modo, l’epidemia di febbre emorragica dengue introdotta nell’isola da gruppi terroristici avrebbe ucciso 101 bambini tra gli zero e i 14 anni.

Davanti alla Corte Federale di New York City nel 1984, il leader di Omega 7, Eduardo Arocena, ha confessato di aver inserito “germi” a Cuba come parte di una guerra biologica; per questo non è stato né indagato né processato, hanno rivelato documenti ufficiali.

Inoltre, nel contesto della sua strategia politica, Washington ha incoraggiato l’emigrazione illegale verso il suo territorio, ha sottolineato la denuncia, e tra gli esempi c’è che, tra il 1959 e il 2001, 51 aerei cubani sono stati dirottati e per lo più dirottati verso la nazione vicina.

Nel 1992, la Fondazione Nazionale Cubano-Americana ha stanziato fondi per reclutare terroristi in America Centrale e piantare bombe in strutture turistiche cubane; solo nel 1997 ne sono esplose sette.

Secondo l’opinione dello scrittore ed ex agente della sicurezza dello stato Raúl Antonio Capote, l’isola detiene il record di essere il paese che ha ricevuto il maggior numero di attacchi terroristici nel periodo di tempo più lungo, che sono costati la vita a 3.478 persone e ne hanno rese disabili 2.999.

Per avere un’idea dell’intensità di questa violenza, la causa del Popolo Cubano sottolinea: in 14 mesi, dal 1961 al 1963, ci furono 5.780 azioni terroristiche, di cui 716 si tradussero in sabotaggi importanti contro impianti industriali dell’isola.

Le tracce più recenti del flagello parlano del deragliamento di un treno nel 2019, di complotti pagati dalla Florida per incendiare centri commerciali e di servizio, e la sede diplomatica dell’Avana a Washington è stata crivellata di colpi (30 aprile 2020), senza che gli Stati Uniti si siano pronunciati in merito.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: