Per Cuba, sovranità e socialismo sono la stessa cosa

Print Friendly, PDF & Email

Il paese è nelle mani dei giovani. Lo è sempre stato: Martí aveva 16 anni quando scrisse “La presidenza politica a Cuba”, Mella aveva 22 anni quando fondò il Partito Comunista, Guiteras aveva 27 anni quando ordinò la nazionalizzazione della Compagnia Elettrica, Fidel aveva 27 anni quando prese d’assalto la Caserma Moncada, e il Che aveva 30 anni quando prese Santa Clara.

L’avanguardia giovanile aveva sempre concetti molto chiari su ciò che doveva essere fatto in ogni momento. Ecco perché è così importante discutere i concetti essenziali di cui abbiamo bisogno per affrontare i compiti di oggi e andare avanti. Uno di questi concetti essenziali, forse il più importante, è che difendere Cuba e difendere il socialismo non sono due battaglie diverse, ma una sola.

Le società umane sono entità storiche, e questa storicità significa che ciò che siamo oggi è la conseguenza di una storia lunga e complessa, diversa per ogni società umana. La nostra è una traiettoria che collega, fin dalle sue origini, l’aspirazione alla sovranità nazionale con quella all’equità e alla giustizia sociale.

Per Cuba nel XXI secolo, sovranità e socialismo sono due concetti interdipendenti: non avremo sovranità nazionale senza socialismo, né potremo costruire il socialismo senza sovranità nazionale.

La sovranità nazionale è sempre stata (ed è ancora) un obiettivo sacro per il quale molti cubani hanno dato la vita. Ma è sempre stato un obiettivo non fine a se stesso. La sovranità non è una stazione di passaggio: è un punto di partenza. Lo difendiamo perché è ciò che ci permette di continuare il cammino verso mete più alte, legate alla giustizia sociale, alla dignità umana e alla cultura.

La difesa della sovranità nazionale oggi include la difesa del socialismo

La sovranità non è un concetto astratto: è il diritto ad essere diversi. E tra queste differenze, siamo diventati il più lungo esperimento storico di costruzione del socialismo, attualmente in sviluppo (con l’eccezione della Cina e tutte le sue peculiarità).

Essere “diversi” oggi significa avere la libertà effettiva di superare la logica delle relazioni di mercato che costruiscono disuguaglianze ed esclusione, e di orientare le strategie verso una razionalità economica che crea cultura, giustizia e sostenibilità a lungo termine, diversa dalla razionalità della massimizzazione dei profitti immediati.

Significa che se dovessimo fare marcia indietro sulla sovranità nazionale, la costruzione della nostra istituzionalità, perfettibile ma inclusiva e partecipativa, si congela, l’innovazione e lo sviluppo si congelano, e quindi i centri del potere mondiale riprenderebbero l’acquisizione di beni come hanno fatto dal XIX secolo, e fabbricherebbero a Cuba la “loro” élite nazionale subordinata. È già successo una volta nel 1902. I cubani di oggi, e quelli di domani, non possono permettere che questo accada di nuovo.

Raggiungere gli obiettivi interdipendenti della sovranità nazionale e della giustizia sociale nel mondo di oggi sono necessari la proprietà sociale dei mezzi fondamentali di produzione e il ruolo guida dell’impresa statale nell’economia.

La giustizia sociale è l’istruzione, la salute, l’accesso alla cultura, la tutela del lavoro e la sicurezza sociale, obiettivi che si realizzano in un sistema di istituzioni iscritte a bilancio e che si finanziano con le entrate dell’economia statale. Non avremmo potuto costruirlo con le tasse di un’economia sottosviluppata, privatizzata e dipendente.

L’uguaglianza sociale non è una conseguenza dello sviluppo economico: è un prerequisito dello sviluppo economico.

La traiettoria rivoluzionaria cubana ha costruito un ampio consenso nella nostra società sugli obiettivi che dobbiamo raggiungere. Questo consenso è una risorsa innegabile.

La convinzione di base del capitalismo (anche in coloro che onestamente credono ancora nel capitalismo) è la costruzione della prosperità materiale basata sulla proprietà privata e sulla concorrenza. La nostra si basa sulla creatività guidata da ideali di equità e solidarietà tra le persone, comprese le generazioni future.

Abbiamo molte opzioni davanti a noi, e c’è molto da discutere nella nostra società, ma non potremmo fare nulla se non avessimo la sovranità nazionale per difendere un’indipendenza, che dipende molto, in questo XXI secolo, dall’istruzione, dalla scienza e dalla cultura.

Sulla sovranità di Cuba e sull’ideale socialista dobbiamo costruire un consenso solido come una roccia granitica. Dopo, possiamo discutere quanto  e cosa vogliamo sui modi concreti di realizzarli.

Il nostro compito è quello di rafforzare questo consenso. Il piano dei nostri avversari storici è quello di eroderlo. “Piano contro piano” era un’espressione di José Martí.

Negli anni ’80, quando c’erano già segni di disintegrazione nel campo socialista europeo, Fidel Castro sviluppò la dottrina della “Guerra di tutto il popolo”, che mise un freno all’opzione militare per distruggere la rivoluzione. Poi negli anni ’90 ha promosso quella che all’epoca abbiamo cominciato a chiamare “La battaglia delle idee”.

Quelli di noi che hanno vissuto entrambe le fasi vedono molto chiaramente oggi che la battaglia delle idee è la continuazione della guerra di tutto il popolo in un nuovo scenario.

Nel primo, abbiamo vinto: la storia delle invasioni militari di Grenada, della Repubblica Dominicana, di Haiti, di Panama e altre non poteva ripetersi a Cuba. Nel secondo, che è il protagonista di oggi e che ripete modelli di egemonia culturale, dobbiamo anche vincere.

È essenziale capire che per Cuba, la sovranità e il socialismo sono la stessa cosa.

Fonte: La Pupila Insomne

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: