Cuba e un colpo non così morbido su misura

Print Friendly, PDF & Email

Cosa hanno in comune i paesi dell’Europa e dell’America Latina? Sono laboratori in cui un esperimento induce lo stesso comportamento violento in persone di culture diverse fino a quando si materializza l'”assassinio del personaggio” e i governi vengono defenestrati.

In un’intervista esclusiva con Prensa Latina, il politologo argentino Atilio Borón ha spiegato che questo “omicidio del personaggio” (un leader che è scomodo per gli Stati Uniti) fa parte di una strategia superiore in cinque fasi per promuovere i cosiddetti colpi di stato morbidi nei governi che sono scomodi per gli interessi di Washington.

Con alcuni adattamenti, la sceneggiatura è facilmente identificabile nella Cuba di oggi, dove le recenti azioni per sovvertire lo status quo non lasciano nulla alla spontaneità, ha commentato lo storico cubano Oscar Villar.

“Dal 1989, le cosiddette Rivoluzioni dei colori nei paesi dell’Europa orientale, in nome di una presunta democrazia, hanno deposto i loro governanti in quello che si è rivelato essere il primo avallo della teoria del colpo di stato morbido della Central Intelligence Agency (CIA) statunitense.

Varie fonti sottolineano che “l’assassinio del personaggio”, il linciaggio virtuale, le “fake news”, la manipolazione emotiva, la rottura istituzionale e la creazione di opinion leader sono alcuni degli strumenti di questa strategia applicata a Cuba.

Secondo i ricercatori, siamo tutti sotto l’influenza dello stesso esperimento, quindi come possiamo evitare di diventare una massa non redenta che demonizza i suoi rappresentanti e trasforma l’odio nella migliore arma di questa teoria “non violenta” e “morbida”?

IDENTIFICARE IL MODUS OPERANDI

Per Atilio Borón, il colpo di stato morbido è una nuova concezione della guerra in cui non c’è bisogno della chiara interferenza del potere militare e il compito è lasciato ai media, ai giudici, ai procuratori e alle masse manipolate.

In questo senso, Villar considera anche altri attori: organizzazioni non governative (ONG) che rispondono agli interessi del governo statunitense, diplomatici e funzionari statunitensi e rappresentanti delle élite locali.

“Prima di questi eventi, le ONG costruiscono presunte società civili che alla fine si rivelano amorfe e decontestualizzate, ma anche così, le utilizzano con l’obiettivo di confrontarsi con le autorità”, sottolinea il dottore in Scienze Storiche.

Il politologo argentino assicura che le “fake news” e la schermatura dei media fanno parte dell’offensiva giornalistica e in questo senso, la prima cosa che una forza politica deve fare per destabilizzare il suo avversario è quello che si chiama “l’omicidio del personaggio”.

“Il personaggio deve essere presentato come un essere satanico e perverso, la personificazione del male assoluto, e da lì un torrente di notizie false viene usato o presentato in modo tale da distorcere il suo vero significato”.

CUBA: UN GOLPE MORBIDO SU MISURA

“Ho lavorato per la CIA all’interno delle università cubane per strutturare un gruppo di opinionisti attraverso programmi di borse di studio all’estero”, ha detto a Prensa Latina Raúl Capote, un ex agente della Sicurezza di Stato.

A partire dal 2004 è iniziata una strategia più forte contro Cuba e “una delle prime difficoltà che il governo degli Stati Uniti incontrerà è che non hanno nessun tipo di leader”.

Pertanto, hanno organizzato un piano di borse di studio finanziato dall’Agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID), Freedom House, il National Endowment for Democracy (NED), tra altre ONG, per formare leader nelle università europee, latinoamericane e nordamericane.

“Un altro percorso utilizzato con più forza da quello stesso anno fino ad oggi è la ricerca di figure artistiche dipendenti dal mercato statunitense”.

Capote riferisce che “tra gli obiettivi del progetto sovversivo Genesis (2006) c’era quello di allontanare artisti e intellettuali dalle istituzioni, per attirarli a Miami (Stati Uniti) come principale centro culturale”.

“Articolare questa leadership durante un periodo di 15 anni significava per la CIA poter contare su una controrivoluzione di tipo nuovo in questo momento”.

Secondo il professore di storia, la cosiddetta Internet Task Force su Cuba (amministrazione Donald Trump, 2017) ha avuto un ruolo importante nel condurre il colpo di stato morbido contro l’isola.

“Questo è un modo per organizzare il lavoro, soprattutto nelle reti sociali, e mettere insieme una struttura che possa raggiungere più facilmente la gente”.

L’obiettivo era quello di cercare, assumere e utilizzare haters (odiatori, utenti del web che diffamano, criticano distruttivamente con l’atto di denigrare) e cyberbullings (assedi virtuali) per condurre campagne di molestie contro figure governative o pubbliche.

Tuttavia, spiega Atilio Borón, l’istituzionalismo a Cuba è molto forte perché ha l’appoggio della maggioranza della popolazione, quindi è logico che cerchino alternative attraverso la cultura.

“C’è un piccolo gruppo che ha un enorme sostegno dall’estero, che è una costante nella politica degli Stati Uniti in relazione alle vessazioni della rivoluzione cubana”, sottolinea.

Secondo politologi, giornalisti, analisti e altri esperti della realtà cubana, come parte del copione del golpe morbido contro l’isola, si applicano anche strategie per decontestualizzare la storia, distorcere le frasi degli eroi cubani e reinterpretare i simboli nazionali.

Inoltre, numerose prove presentate dalla stampa locale mostrano come l’incitamento alla violenza e/o al crimine sia promosso su Internet per destabilizzare l’ordine nel paese e provocare una reazione violenta delle autorità.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: