Quanto è “spontanea” e “pacifica” la marcia a Cuba?

Print Friendly, PDF & Email

I legami di famigerate organizzazioni terroristiche e dei loro rappresentanti con i promotori di una marcia convocata a Cuba mettono in dubbio la presunta intenzione pacifica della manifestazione e il suo carattere spontaneo.

Il giorno prima, alla televisione nazionale, sono state rivelate nuove prove dei legami tra Yunior García, leader della piattaforma Archipiélago, e uno degli organizzatori della marcia, con terroristi che hanno una storia di aggressione contro l’isola e think tank che promuovono la sovversione politica degli Stati Uniti.

Il programma Razones de Cuba – trasmesso in prima serata – includeva dichiarazioni del medico cubano Carlos Leonardo Vázquez, che per 25 anni fu l’agente “Fernando” degli Organi di Sicurezza dello Stato e partecipò con García a programmi di formazione di leader politici al servizio di interessi stranieri. Nel 2019, un workshop sponsorizzato dall’Università americana di Saint Louis ha ospitato entrambi i cubani insieme ad altri medici, giornalisti e storici, che hanno imparato “il ruolo delle forze armate in un processo di transizione”, ha detto Vázquez.

Uno dei relatori è stato proprio Richard Young, esperto di proteste pubbliche come metodo di cambiamento politico e sociale, che ha affrontato le nuove forme di attivismo civico che cercano l’instaurazione di un capitalismo fondamentalista e privatizzante, ha rivelato la presentazione audiovisiva.

Tra i partecipanti al workshop c’era Felipe González, ex presidente della Spagna (1982-1996), che nel 1983 creò i gruppi di liberazione antiterroristi responsabili di rapimenti, torture e assassinii.

È intervenuto anche il controrivoluzionario Manuel Cuesta, che dal 2014 lavora per il National Endowment for Democracy (NED) e ha orchestrato i piani provocatori contro i vertici della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi all’Avana e il Vertice delle Americhe a Panama.

Vázquez ha richiamato l’attenzione sul fatto che durante questo evento García rivelò a Cuesta la sua ammirazione “come dissidente politico” e fu lì che Cuesta riconobbe che, al suo ritorno nell’isola, “si sarebbe dedicato alla controrivoluzione”.

I programmi di formazione a cui ha partecipato il leader di Arcipelago sono iniziati nel 2018, quando si è recato in Argentina per un evento coordinato dal progetto “Tempo di cambiamento e il nuovo ruolo delle forze armate a Cuba”, dove ha scambiato con affermati attivisti contro la rivoluzione cubana.

Il programma televisivo pubblicò anche una conversazione tra García e Ramón Saúl Sánchez Rizo, un terrorista legato a organizzazioni come Alpha 66, Omega 7, il Fronte Nazionale di Liberazione di Cuba e il Coordinamento delle Organizzazioni Rivoluzionarie Unite (CORU).

Quest’ultimo è responsabile di più di 90 attacchi terroristici contro installazioni cubane in diversi paesi.

Altre rivelazioni sono state le parole di Saily González, portavoce di Archipiélago nella provincia centrale di Villa Clara, che ha riconosciuto l’appoggio e i consigli ricevuti da Omar López, direttore dei diritti umani della Fondazione Nazionale Cubano Americana.

Vale la pena notare che questa organizzazione ha protetto i terroristi Luis Posada Carriles e Orlando Bosh Ávila, capi del sabotaggio in volo dell’aereo di linea delle Barbados, che uccise 73 persone (tra cui 57 cubani).

Il medico cubano e specialista di primo grado in Medicina Generale Comprensiva e Oncologia ha rivelato che l’intenzione della marcia, inizialmente prevista per il 20 novembre e alla quale il governo di questa capitale ha posto il veto perché considerata incostituzionale, è quella di “provocare il caos, la disobbedienza della società”.

Inoltre, ha detto, stanno cercando che le organizzazioni internazionali applichino sanzioni che potrebbero giustificare l’intervento militare e la creazione di un governo alternativo nell’isola caraibica.

“Yunior sta cercando il confronto con le forze armate, con il Ministero dell’Interno. Sta chiamando una marcia che dice essere pacifica, ma sa che non lo è”, ha detto il medico, che si è descritto come un “rivoluzionario, martiano e fidelista”. (PL)

Fonte: Siempre con Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...