Quella forza studentesca che «palpita» in tutta Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Se le nostre strade tornano ad essere in questi giorni un brulicare di gente che va e viene, festa multicolore dei piccoli che tornano a incontrasi con la lavagna, speranza di un paese che scommette per una nuova normalità, è in buona misura perchè nella prora di questo impegno collettivo ci sono stati, con la loro enorme forza, gli studenti cubani.

L’Isola ha incontrato in loro un inestimabile arsenale d’amore e dedizione .

Gli esempi  «palpitano» in qualsiasi angolo dell’arcipelago dove hanno piantato la bandiera con la loro volontà genuina di fondare e creare, d’essere utili e affrontare – con strizzate d’occhio  di coraggio e di disinvoltura – un nemico senza volto come la COVID-19.

Se si è detto molte volte che sono l’orgoglio della Patria è perchè sono infinite le ragioni per affermarlo e non è un modo vuoto di dire.

La nazione ha contato con questi ragazzi e ragazze quando la le aule si sono chiuse per proteggere la salute in casa, e molti senza una convocazione sono andati nei centri d’isolamento per appoggiare il personale medico, un impegno degno e di merito

Con questi giovani abbiamo vinto la battaglia alla solitudine degli anziani e dei vulnerabili che necessitavano una mano solidale che li avvicinasse agli alimenti e alle medicine sino alle loro case.

Con la partecipazione di molti di questi giovani, soprattutto degli studenti di Medicina, è stata fondata la più attiva delle brigate che, quartiere a quartiere, famiglia a famiglia, è stata protagonista delle inchieste  di salute.

Con la stesse generazione, più grande per le sue azioni che per la sua età, sono stati aperti solchi nuovi per produrre la terra.

È per questo che il 17 novembre tutta Cuba festeggia con i suoi studenti.

La loro allegria e il loro impulso contagioso bastano per non smettere di sognare.

Fonte: Granma

Traduzione: cubainformazione.it

Potrebbero interessarti anche...