Colloqui con Elio Rodríguez Perdomo, Ambasciatore della Repubblica di Cuba in Francia

Print Friendly, PDF & Email

“Tutti i governi degli Stati Uniti hanno avuto lo stesso obiettivo: distruggere la Rivoluzione cubana”

L’ambasciatore della Repubblica di Cuba in Francia, Elio Rodríguez Perdomo è anche rappresentante del governo dell’Avana presso il Principato di Monaco. Laureato in relazioni politiche internazionali all’Istituto Superiore di Relazioni Internazionali “Raúl Roa García” dell’Avana, Elio Rodríguez è stato anche ambasciatore in Belgio e nei Paesi Bassi e direttore del dipartimento “Europa” del Ministero degli Affari Esteri cubano. Nel dicembre 2016, ha fatto parte della delegazione cubana incaricata di negoziare l’accordo di dialogo politico e di cooperazione tra Cuba e l’Unione Europea.

In queste conversazioni, Elio Rodríguez traccia una panoramica storica delle relazioni conflittuali tra Cuba e gli Stati Uniti. Evoca le origini della disputa tra Washington e l’Avana e ricorda la grande aspirazione della rivoluzione cubana per l’indipendenza. Spiega anche le ragioni che portarono Cuba a stringere un’alleanza strategica con l’Unione Sovietica in un contesto segnato dalla costante ostilità degli Stati Uniti e che imposero sanzioni economiche a partire dal 1960. Descrive anche la politica estera dell’Avana, in particolare verso il Terzo Mondo. Nonostante il crollo del blocco socialista in Europa nel 1991, Washington ha mantenuto una politica aggressiva verso Cuba fino ad oggi, con l’eccezione della presidenza di Barack Obama alla fine del suo secondo mandato. In effetti, nel 2014, Washington ha deciso di adottare una politica di riavvicinamento con l’Avana, che ha permesso alcuni progressi nelle relazioni bilaterali. Ma l’arrivo al potere di Donald Trump nel 2017 ha messo fine a questo dialogo tra i due paesi e la Casa Bianca è tornata a una politica di conflitto. L’ambasciatore Rodríguez conclude questi colloqui esprimendo il desiderio di Cuba di stabilire relazioni rispettose con l’amministrazione di Joe Biden ed evoca le sfide della società cubana oggi.

Salim Lamrani: Le relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti sono di conflitto dal 1959. Qual è la ragione della disputa tra Washington e L’Avana? Quali sono le origini di questa opposizione che dura da più di mezzo secolo?

Elio Rodríguez Perdomo: È importante dare uno sguardo alla storia di Cuba perché le relazioni conflittuali tra i due paesi risalgono a prima del 1959. La storia della nazione americana ne è la prova, perché l’élite politica americana ha sempre voluto avere il controllo delle Americhe. Fin dall’inizio, c’era l’intenzione americana di sostituire le potenze coloniali presenti nel Nuovo Mondo.

Questo è stato certamente il caso di Cuba. L’isola era sotto il controllo coloniale spagnolo dal XV secolo. Washington voleva impadronirsene a causa della sua posizione strategica nei Caraibi. È la più grande isola dei Caraibi e la porta delle Americhe.

Nel 1898 alla fine della seconda guerra d’indipendenza di Cuba, mentre i patrioti dell’isola erano sul punto di ottenere la libertà dopo una lotta di 30 anni, gli Stati Uniti decisero di intervenire militarmente sull’isola per prendere possesso del territorio. Il trattato di Parigi del dicembre 1898 firmato tra gli Stati Uniti Spagna registra questa presa di possesso di Cuba.

Da quella data fino al 1959, Cuba divenne una specie di repubblica neocoloniale dominata da Washington. L’economia era sotto il controllo totale delle multinazionali americane e i diversi regimi politici al potere rispondevano agli interessi americani. Inoltre, attraverso l’emendamento Platt, gli Stati Uniti si concedevano il diritto di intervenire militarmente sull’isola quando ritenevano che i loro interessi fossero in pericolo e avevano persino costretto i cubani a integrare questo testo nella Costituzione del 1901. Questo emendamento ha anche dato agli Stati Uniti il diritto di avere basi navali sul territorio cubano. All’inizio erano tre e oggi ce n’è ancora una, la base navale di Guantánamo, contro la volontà del popolo sovrano di Cuba.

Questa realtà illustra la volontà degli Stati Uniti di avere il controllo strategico delle Americhe, in particolare attraverso Cuba. Ci sono stati molteplici interventi militari degli Stati Uniti in America Latina nel corso del XX secolo con l’obiettivo di preservare questo dominio sul continente. Questa è la base del conflitto, non tra gli Stati Uniti e Cuba, ma degli Stati Uniti contro Cuba, perché abbiamo sempre desiderato avere relazioni pacifiche con tutti i paesi del mondo.

SL: Qual era la realtà a Cuba nel 1959 quando Fidel Castro è salito al potere?

ERP: Dall’intervento degli Stati Uniti nel 1898 fino al 1959, ci sono stati sei decenni di dominio totale dell’isola da parte di Washington. Noi cubani abbiamo sofferto molto in quella situazione perché non siamo mai stati in grado di avere il controllo della nostra sovranità e di godere della nostra indipendenza. Le risorse economiche del paese erano nelle mani delle grandi compagnie americane. Ci sono stati diversi regimi dittatoriali sull’isola. Dopo il 1952 e il colpo di stato di Batista, ci fu una repressione molto forte contro i rivoluzionari cubani che aspiravano al cambiamento. Le disuguaglianze sociali erano molto marcate e i cubani non avevano accesso ai diritti essenziali, come la vita, l’istruzione, la salute o la sicurezza sociale. Eravamo una società totalmente dipendente dagli Stati Uniti. La mafia americana controllava gli alberghi, i casinò e le reti di prostituzione. In altre parole, la società cubana era stata costruita per rispondere agli interessi non della popolazione ma degli americani.

Fu questa realtà a creare le condizioni per l’emergere di una rivoluzione indigena, soprattutto dopo il 1953 e l’attacco alla caserma Moncada guidato da Fidel Castro a Santiago de Cuba, la seconda città del paese. Questo aprì la strada alla nascita di un movimento rivoluzionario che si concretizzò con la creazione del Movimento del 26 luglio. Nel dicembre 1956 Fidel Castro iniziò la lotta armata nelle montagne della Sierra Maestra che portò alla vittoria del gennaio 1959 contro il dittatore Batista. Molti giovani cubani hanno perso la vita in quell’impresa armata. Il 1° gennaio 1959, per la prima volta nella nostra storia, eravamo finalmente liberi e indipendenti e avevamo il controllo delle nostre risorse naturali.

SL: Quali erano le aspirazioni della Rivoluzione cubana nel 1959?

ERP: Durante il suo processo dopo l’attacco alla caserma Moncada Fidel Castro, che aveva assunto la propria difesa in tribunale, aveva presentato il suo programma rivoluzionario. Era un programma basato sulla giustizia sociale e che dava ai cubani il diritto di essere finalmente proprietari del loro paese e di avere il controllo delle risorse economiche. La popolazione cubana doveva godere del diritto alla salute, all’educazione e alla sicurezza sociale, senza alcuna distinzione. Il fondamento della rivoluzione cubana è umanista e l’obiettivo era quello di riprendere il controllo della nostra indipendenza e sovranità.

All’inizio non c’era ostilità verso gli Stati Uniti. Uno dei primi viaggi all’estero di Fidel Castro fu a Washington nell’aprile 1959. Chiese di essere ricevuto dal presidente Eisenhower, ma alla fine Richard Nixon, allora vicepresidente, fece in modo di riceverlo. Secondo gli storici americani, dopo l’incontro Nixon redasse un memorandum in cui affermava che Fidel Castro doveva essere eliminato e la rivoluzione cubana distrutta. Secondo lui, era un governo comunista che si opponeva agli interessi degli Stati Uniti.

SL: Quali furono le circostanze che portarono il governo rivoluzionario ad allearsi con l’Unione Sovietica?

ERP: Una delle prime misure prese dalla Rivoluzione fu la nazionalizzazione delle risorse naturali e delle compagnie americane che avevano il controllo totale dell’economia, delle telecomunicazioni, delle risorse minerarie o dell’industria dello zucchero e del turismo. La riforma agraria ha dato la proprietà della terra ai contadini che volevano coltivarla. Questo ha colpito gli interessi degli Stati Uniti sull’isola.

Naturalmente abbiamo poi aperto un processo di compensazione in stretta conformità con il diritto internazionale. I negoziati si svolsero con i vari partner europei interessati da queste misure, in particolare Francia, Spagna, Italia, e Canada. Gli Stati Uniti, d’altra parte, rifiutaronpo di partecipare a questo dialogo perché volevano mantenere il controllo dell’economia cubana. C’erano anche raffinerie di petrolio statunitensi a Cuba. Importavamo il 100% del nostro petrolio dagli Stati Uniti ed è stato raffinato a Cuba.

Da allora in poi Washington ha condotto una guerra economica totale contro Cuba. L’amministrazione Eisenhower impose per la prima volta un embargo sullo zucchero cubano, mentre gli Stati Uniti erano il nostro principale mercato e noi eravamo un mono-produttore. La nostra quota di zucchero è stata abolita e le forniture di petrolio sono state sospese, il che ha seriamente colpito l’economia cubana. Le autorità cubane hanno dovuto trovare, da un giorno all’altro, soluzioni pratiche per affrontare questa ostilità. L’Unione Sovietica ha proposto la cooperazione con Cuba, in particolare per il petrolio e lo zucchero, e la creazione di scambi reciprocamente vantaggiosi. Cuba ha accettato quegli aiuti perché era l’unico paese disposto a collaborare con noi. Non è stata davvero una scelta politica, ma una necessità strategica per far fronte alla situazione e per sopravvivere. Da un giorno all’altro, gli Stati Uniti hanno tagliato tutti i legami economici con Cuba e questo ci ha costretti a trovare soluzioni pragmatiche per mantenere l’economia del paese in funzione.

SL: Nel 1960 gli Stati Uniti decisero di imporre sanzioni economiche a Cuba, ancora in vigore. Qual è stato l’impatto di queste sanzioni sull’economia e la società cubana di allora?

ERP: Era veramente una guerra economica totale e l’obiettivo era di isolare Cuba dal resto del mondo. La pressione politica americana ha portato tutta l’America a rompere le relazioni diplomatiche con noi, ad eccezione del Messico e del Canada. Cuba fu espulsa nel 1962 dall’Organizzazione degli Stati Americani, che divenne una specie di ministero delle colonie americane nel continente.

L’obiettivo era molto chiaro. Un memorandum firmato da Lester D. Mallory, un alto funzionario del Dipartimento di Stato, sottolineava che si dovevano prendere tutte le misure necessarie per portare la popolazione cubana alla rivolta contro il governo rivoluzionario. Eisenhower prese le prime sanzioni economiche. Abolì la quota di zucchero e limitò il commercio tra i due paesi a partire dal 1960. Nel 1962, il presidente Kennedy introdusse sanzioni economiche totali contro Cuba. Non si poteva nemmeno importare un’aspirina dagli Stati Uniti e non si poteva vendere nulla sul mercato americano, anche se era il principale sbocco delle nostre esportazioni. Lì dove vendevamo il nostro zucchero e il nichel.

Questa politica di blocco commerciale, economico e finanziario è ancora in vigore ed è stata addirittura rafforzata. Per dare una cifra, l’impatto delle sanzioni economiche contro Cuba è stato stimato in 55 miliardi di dollari da quando sono state imposte. Potete immaginare cosa rappresenta per un’economia come la nostra. Il blocco colpisce assolutamente tutti i settori della società cubana. Niente sfugge al suo impatto. È una guerra economica totale contro un piccolo paese.

SL: Oltre alle sanzioni economiche, in quali modi è stata espressa l’ostilità degli Stati Uniti verso Cuba dal 1960 al 1990?

ERP: Prima c’è stata l’invasione della Baia dei Porci nell’aprile 1961. Gli Stati Uniti hanno addestrato un esercito in America Centrale per invadere Cuba e istituire un governo provvisorio. Dopo tre giorni gli invasori furono sconfitti, siglando così la prima sconfitta dell’imperialismo nel continente americano. Poi ci fu la crisi dei missili nel 1962. Negli anni ’60 gli Stati Uniti hanno condotto una guerra paramilitare contro Cuba sostenendo gruppi terroristici nelle montagne dell’Escambray, assassinado i civili. Questi gruppi hanno orchestrato centinaia di attentati in città, magazzini, cinema e zuccherifici. L’obiettivo era quello di diffondere il terrore.

Nel 1976 ci fu un attacco a un aereo di linea Cubana de Aviación che uccise 73 civili, compresa l’intera squadra giovanile di scherma che aveva appena vinto i Giochi Panamericani. Quel crimine fu orchestrato da Luis Posada Carriles, un ex agente della polizia di Batista e collaboratore della CIA, responsabile di un centinaio di attacchi terroristici.

Negli anni ’80, gli Stati Uniti fecero addirittura una guerra batteriologica contro Cuba e introdussero nell’isola il virus della febbre emorragica dengue, che uccise 158 persone, tra cui 101 bambini. Anche la peste suina, che non era mai stata sperimentata a Cuba, fu introdotta.

In altre parole, gli Stati Uniti erano pronti a fare qualsiasi cosa per rovesciare la rivoluzione cubana.

SL: Gli Stati Uniti si sono contrapposti a Cuba nel continente africano negli anni ’70 e ’80. Potrebbe dire una parola al riguardo?

ERP: Dal 1959 la politica estera di Cuba è stata volta a proteggere la sovranità e l’indipendenza del paese e a sfuggire all’isolamento che il governo americano voleva imporre. In tutto il mondo Cuba ha sostenuto le lotte per l’indipendenza dei paesi sotto controllo coloniale, anche in Africa. Abbiamo anche sostenuto i movimenti rivoluzionari in America Latina che lottano contro le dittature militari. Gli Stati Uniti hanno sostenuto tutti i regimi militari, sia in Cile, Brasile, Argentina, Uruguay o altrove nel continente.

Abbiamo radici comuni con l’Africa. La nazione cubana ha un’eredità multipla: i nostri aborigeni (che furono quasi tutti sterminati dal colonialismo spagnolo), l’influenza delle culture europee, ma soprattutto l’Africa poiché centinaia di migliaia di africani furono importati come schiavi per lavorare nelle piantagioni di zucchero dell’isola. Queste sono le nostre origini. Abbiamo un’importante presenza africana nelle nostre radici. Per queste ragioni la Rivoluzione Cubana ha voluto mantenere le relazioni più forti possibili con il continente da cui provengono le nostre radici. L’Africa è stata al centro della nostra politica estera.

A un certo punto, paesi africani come l’Angola ci hanno chiesto assistenza militare per affrontare le interferenze straniere e preservare la loro sovranità. Il paese era stato invaso dal Sudafrica, guidato dal regime segregazionista dell’apartheid. I paesi africani che ci hanno chiesto aiuto negli anni ’70 e ’80 hanno sempre ricevuto una risposta positiva, contribuendo, nella misura delle nostre risorse, all’indipendenza africana. Abbiamo avuto un ruolo nella distruzione del regime razzista di Pretoria in Sudafrica, nell’adesione all’indipendenza della Namibia. Cuba ha dato il suo modesto contributo.

SL: Qual è stata la politica degli Stati Uniti dopo il 1991, dopo il crollo dell’Unione Sovietica? Perché le relazioni non sono state normalizzate in quel momento?

ERP: Bisogna riconoscere una certa coerenza alla politica americana. Tutti i governi statunitensi hanno avuto lo stesso obiettivo: distruggere la rivoluzione cubana. Gli Stati Uniti non accettano il fatto che a 150 chilometri dalle loro coste ci sia un paese come Cuba, con un governo indipendente che va per la sua strada, che difende i propri interessi prima di tutto e che si oppone al suo dominio sul continente e sul resto del mondo.

Ci fu un’eccezione sotto il presidente James Carter alla fine degli anni ’70, che volle ristabilire le relazioni con Cuba. Abbiamo poi aperto Sezioni di interesse all’Avana e a Washington, il primo passo per ristabilire i legami diplomatici tra i due paesi. Il suo successore Ronald Reagan pose fine a tutto ciò.

Dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991, gli Stati Uniti volevano dare il colpo di grazia alla rivoluzione cubana. La logica era la seguente: se Washington era riuscita a distruggere il socialismo nell’Europa dell’Est, poteva fare lo stesso a Cuba, la porta accanto. La Casa Bianca ha poi rafforzato la politica di sanzioni e di isolamento contro Cuba. Nel 1992, sotto l’amministrazione Bush, gli Stati Uniti hanno adottato la legge Torricelli, che ha inasprito le sanzioni contro Cuba. Nel 1996, sotto Clinton, la legge Helms-Burton ha avuto un impatto ancora più drastico sulla nostra economia. Queste due leggi hanno portata extraterritoriale, cioè si applicano a tutti i paesi del mondo, il che è una flagrante violazione del diritto internazionale pubblico. L’obiettivo non è più solo quello di impedire ogni commercio tra Cuba e gli Stati Uniti, ma anche di ostacolare lo sviluppo del commercio internazionale di Cuba con le altre nazioni del mondo.

SL: Dal 1991, gli Stati Uniti hanno giustificato il mantenimento delle sanzioni economiche a causa, secondo loro, della situazione dei diritti umani a Cuba. Come risponde a queste affermazioni?

ERP: Il governo degli Stati Uniti ha sempre cercato pretesti per giustificare la sua politica di aggressione contro Cuba. All’inizio della Rivoluzione Washington sollevò la questione della presenza comunista nell’emisfero occidentale e l’alleanza con l’Unione Sovietica che rappresentava un grande pericolo per la sicurezza degli Stati Uniti. Ha poi accusato Cuba di esportare la rivoluzione in tutto il mondo. C’è stata quindi un’evoluzione degli argomenti utilizzati per giustificare la politica contro di noi.

Più tardi, dopo la caduta dell’Unione Sovietica, mentre Cuba non rappresentava una minaccia per nessuno, si dovette trovare un’altra giustificazione per spiegare il mantenimento di una politica ostile contro l’isola. Washington ha poi sollevato la questione dei diritti umani e della democrazia. Siamo sempre stati molto chiari su questo punto: non siamo un paese perfetto. Non esiste una cosa del genere da nessuna parte. Stiamo tutti cercando di costruire una società migliore. Dal 1959 il nostro obiettivo è stato quello di costruire la società più giusta possibile, dando la priorità all’essere umano e dando alle donne e agli uomini ciò che è essenziale nella vita. Naturalmente abbiamo fatto degli errori e ci sono cose da migliorare nel nostro paese. Ma la rivoluzione cubana non ha mai avuto l’obiettivo di violare i diritti umani. Al contrario, abbiamo fatto una rivoluzione per difendere i diritti di tutti i cubani, senza eccezione, senza discriminazione di sesso o di colore della pelle. Durante i sessant’anni della Rivoluzione abbiamo lottato per dare a tutti i cubani uguali diritti.

Gli Stati Uniti hanno sempre cercato di strumentalizzare la questione dei diritti umani. Abbiamo sempre espresso la nostra volontà di discutere questo problema con tutti, anche con Washington. Riconosciamo che c’è un margine di miglioramento nel nostro paese. Ma crediamo anche che gli Stati Uniti abbiano più progressi da fare e più sforzi da compiere per risolvere la questione dei diritti umani sul proprio territorio. Dobbiamo rispettare il diritto degli altri a scegliere il proprio modello di sviluppo economico e sociale. Dobbiamo essere in grado di accettare l’indipendenza e la sovranità delle nazioni. Non possiamo accettare l’interferenza dei potenti negli affari interni dei piccoli paesi. Per queste ragioni rifiutiamo la strumentalizzazione dei diritti umani a fini politici. Siamo pronti al dialogo con tutti sulla base dell’uguaglianza sovrana e della reciprocità, anche sulla questione dei diritti umani.

SL: Allo stesso modo, gli Stati Uniti puntano sulla questione della democrazia e del partito unico per mantenere la loro politica di sanzioni. Qual è la vostra risposta a questo?

ERP: Ogni paese ha il diritto di scegliere il suo sistema politico, economico e sociale. È una prerogativa sovrana di ogni popolo, come sottolineato dalla Carta delle Nazioni Unite e dal diritto internazionale. L’indipendenza e la sovranità non sono negoziabili e chiediamo semplicemente che questi principi siano rispettati. Si parla molto di democrazia nel mondo, ma esiste una democrazia perfetta o la democrazia americana è un modello? Ancora una volta, questo concetto viene sfruttato per scopi politici. Quando si tratta di paesi produttori di petrolio, in particolare in Medio Oriente, Washington non discute la questione della democrazia e si preoccupa poco dei diritti umani in questi paesi dove, a volte, non esistono nemmeno partiti politici. Non c’è coerenza politica da parte degli Stati Uniti. Sarebbe credibile se sostenesse lo stesso principio ovunque, senza indignazione selettiva. Questo non è il caso.

Il nostro modello politico è diverso e questo sembra essere un problema per gli Stati Uniti. Tuttavia, non hanno problemi a mantenere relazioni normali con altri paesi socialisti a partito unico come il Vietnam. La nostra posizione è chiara: non accettiamo la strumentalizzazione di queste questioni per scopi politici.

SL: Più di un milione di cubani vivono ora negli Stati Uniti. Questa emigrazione può essere considerata un giudizio sulla Rivoluzione cubana?

ERP: Prima di tutto vale la pena ricordare che dal 1966 esiste il Cuban Adjustment Act, che è una legislazione unica al mondo, che permette a qualsiasi cubano che emigri legalmente o illegalmente negli Stati Uniti di ottenere automaticamente lo status di residente permanente dopo un anno e un giorno. Qualsiasi persona di un altro paese in situazione irregolare viene espulsa quando viene arrestata dalle autorità americane. I cubani sono accolti a braccia aperte. Questa è una realtà che deve essere presa in considerazione quando si parla di migrazione.

Oggi 1,4 milioni di cubani vivono fuori dai nostri confini in tutto il mondo. Ci fu una significativa emigrazione verso gli Stati Uniti, circa un milione di persone. Nel 1959 fu eminentemente politico con l’esilio degli eredi del regime dittatoriale di Fulgencio Batista. Poi c’è stata soprattutto un’emigrazione economica.

Oggi, una larghissima maggioranza degli emigranti cubani è a favore di una relazione rispettosa con il loro paese d’origine, anche negli Stati Uniti. Ci sono organizzazioni di emigrati cubani che chiedono la fine delle sanzioni economiche contro il loro paese e l’instaurazione di una relazione rispettosa tra le due nazioni. Questi emigrati cubani desiderano mantenere un contatto normale con la loro patria, visitare l’isola quando lo desiderano, mantenere i legami con le loro famiglie e aiutarle economicamente, partecipare a progetti economici e fare investimenti. Questa è la norma in tutto il mondo. Ci sono migliaia di associazioni di emigrati cubani in tutto il mondo che si battono per relazioni normali con Cuba. Il dialogo con gli emigrati cubani è una priorità della nostra politica estera. Nella nostra ambasciata manteniamo un contatto permanente con i nostri concittadini in Francia.

SL: Qual era la politica dell’amministrazione Bush Jr. nei confronti di Cuba?

ERP: L’amministrazione Bush, che ha governato tra il 2000 e il 2008 ha continuato la politica ostile dei predecessori. Ha rafforzato il blocco contro il nostro paese con l’adozione di nuove sanzioni nel 2004 e nel 2006 e ha intensificato la campagna politica e diplomatica contro Cuba.

Ma siamo riusciti a ristabilire le nostre relazioni con la maggior parte dei paesi del mondo. Oggi abbiamo legami diplomatici con 197 stati e organizzazioni internazionali. Siamo presenti in tutte le organizzazioni delle Nazioni Unite. Abbiamo 130 ambasciate nel mondo e ci sono 125 ambasciate straniere a Cuba. Nonostante le nostre piccole dimensioni, siamo riusciti a sviluppare una politica estera attiva che ci ha permesso di essere presenti negli affari mondiali.

SL: Quali circostanze hanno portato al riavvicinamento con l’amministrazione Obama nel 2014 e quali sono stati i risultati di questo dialogo?

ERP: Barack Obama è stato un fenomeno politico. È stato il primo Presidente nero nella storia degli Stati Uniti e ha suscitato molte speranze. Dopo la sua elezione, molti osservatori sentivano che era il momento di cambiare la politica verso Cuba. Obama è stato il primo Presidente americano a riconoscere che il blocco – o embargo, come lo chiama lui – è stato un fallimento. Ha anche riconosciuto che la politica degli Stati Uniti non ha prodotto i risultati desiderati e che le sanzioni stanno colpendo la società cubana e la popolazione dell’isola. Sulla base di questa osservazione, ha espresso il desiderio di modificare la politica statunitense verso Cuba.

Fondamentalmente non c’è stato alcun cambiamento reale, poiché l’amministrazione Obama ha continuato a perseguire gli stessi obiettivi, cioè installare un governo diverso a Cuba. Tuttavia, il suo approccio per raggiungere questo obiettivo era diverso. Durante gli ultimi due anni del suo secondo mandato presidenziale, ha deciso di fare alcuni passi positivi. Le relazioni diplomatiche tra i due paesi furono ristabilite e furono riaperte le ambasciate a Washington e all’Avana. Non meno di 22 accordi bilaterali sono stati firmati in settori come la lotta contro il traffico di droga o il cambiamento climatico. Questo ha dimostrato che è possibile avere un dialogo civile tra i nostri due paesi nonostante le grandi differenze. Siamo in grado di lavorare insieme su questioni in cui abbiamo interessi comuni.

Inoltre i nostri cinque agenti che erano stati imprigionati negli Stati Uniti dal 1998 per aver infiltrato i gruppi estremisti in Florida responsabili di atti terroristici contro Cuba sono stati rilasciati e hanno potuto ritornare nell’isola. Abbiamo potuto aprire un nuovo capitolo nelle nostre relazioni bilaterali, anche se il blocco economico, commerciale e finanziario è ancora in vigore. Vale la pena ricordare che le sanzioni finanziarie più severe mai imposte alle imprese straniere che hanno avuto relazioni con Cuba sono state opera dell’amministrazione Obama. Penso in particolare a BNP Paribas o alla Société Générale.

Obama ha anche facilitato i contatti tra i nostri due popoli e ha permesso alle compagnie aeree americane di stabilire voli per Cuba. Ha anche autorizzato viaggi accademici e culturali. Questi cambiamenti sono stati positivi, anche se non hanno cambiato fondamentalmente la politica. Per esempio, la base navale di Guantánamo è ancora lì.

Obama ha fatto questi cambiamenti per rispondere alle richieste della comunità internazionale che si oppone risolutamente alle sanzioni economiche. Ogni anno dal 1992 abbiamo presentato una risoluzione all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite contro il blocco economico, commerciale e finanziario e abbiamo avuto l’appoggio della grande maggioranza dei paesi. Solo gli Stati Uniti e Israele si oppongono alla revoca delle sanzioni. Alla fine del mandato di Obama anche gli Stati Uniti si sono astenuti durante il voto. Per lui non c’era alcun rischio dal punto di vista politico, visto che era il suo ultimo mandato. Al contrario, c’era una forte domanda dall’America Latina e dai Caraibi per un cambiamento nella politica di Cuba. Anche nell’opinione pubblica americana e nella comunità cubana in Florida, c’era una corrente maggioritaria a favore di un nuovo approccio verso l’isola.

SL: Qual è stata la politica dell’amministrazione Trump verso Cuba dal 2017 al 2020?

ERP: Donald Trump ha optato per una completa inversione della politica estera di Obama verso Cuba. Ha fatto lo stesso in altre aree e ha lavorato per smantellare ciò che il suo predecessore aveva costruito. Si è tirato fuori dagli accordi sul clima di Parigi e dagli accordi sul nucleare iraniano. Dall’inizio della sua amministrazione ha messo fine a tutti i passi costruttivi fatti da Obama e le relazioni bilaterali si sono degradate. Sotto l’amministrazione Trump, più di 20 misure coercitive sono state prese contro Cuba per impedire lo sviluppo della sua economia. Trump ha persino sanzionato le compagnie di navigazione che trasportano petrolio a Cuba. Ci siamo trovati di fronte a grandi difficoltà e a una situazione di scarsità di energia perché nessuna nave voleva rifornirci di petrolio per paura di rappresaglie.

I quattro anni dell’amministrazione Trump hanno avuto un serio impatto sull’economia cubana. Washington ha messo fine a tutti i contatti interpersonali e ha vietato i viaggi in nave da crociera. Il governo statunitense ha espulso i diplomatici cubani da Washington. Ha chiuso il suo consolato all’Avana, costringendo i cubani a viaggiare in un paese terzo per richiedere un visto. Questa amministrazione ha fatto di tutto per mettere fine agli scambi tra i due paesi.

D’altra parte, ciò che ha dato un duro colpo alla nostra economia è stata l’applicazione extraterritoriale del blocco americano. L’unico presidente ad applicare il titolo III della legge Helms-Burton del 1996 è stato Donald Trump. Le imprese statali francesi che avevano progetti a Cuba nei settori dei trasporti e del turismo hanno deciso di fermarsi per paura di essere sanzionate da Washington. La politica contro Cuba ha raggiunto una soglia senza precedenti.

SL: Pochi giorni prima della sua uscita dalla Casa Bianca Trump ha deciso di rimettere Cuba nella lista dei paesi che sponsorizzano il terrorismo internazionale a causa, tra l’altro, della presenza di ex guerriglieri a Cuba. Qual è la risposta di Cuba a queste accuse?

ERP: Cuba è stata inserita nella lista dei paesi che sponsorizzano il terrorismo negli anni ’80 da Ronald Reagan. Barack Obama ha deciso di eliminare Cuba da questa lista nel 2015, conformemente alla sua politica costruttiva nei confronti dell’isola, seguendo le raccomandazioni dei servizi segreti statunitensi e del Pentagono, che sottolineavano che Cuba non rappresentava una minaccia per gli Stati Uniti e non aveva legami con reti terroristiche. Invece, Donald Trump, pochi giorni prima della fine del suo mandato, ha deciso di rimettere Cuba in questa lista per soddisfare l’estrema destra di origine cubana in Florida.

Abbiamo denunciato questa decisione infondata e ingiusta. Abbiamo una politica molto chiara contro tutti i tipi di terrorismo. Siamo stati vittime del terrorismo di stato per quasi sessant’anni. Quasi 3.500 cubani hanno perso la vita in seguito ad attacchi terroristici orchestrati dagli Stati Uniti. Più di 2.000 cubani hanno subito danni permanenti a seguito di azioni terroristiche organizzate dagli Stati Uniti. Alla fine degli anni novanta diverse bombe sono esplose negli alberghi dell’Avana durante una campagna terroristica volta a spaventare i turisti e a rovinare l’economia cubana che si era aperta a questo settore per sopravvivere. Ci sono state decine di vittime e un turista italiano ha perso la vita.

Condanniamo tutti i tipi di terrorismo, senza distinzione. Nel 2001, dopo gli attacchi dell’11 settembre, abbiamo aperto il nostro spazio aereo agli aerei americani che non potevano atterrare negli Stati Uniti e abbiamo espresso la nostra disponibilità a cooperare nella lotta contro il terrorismo internazionale. La comunità internazionale è consapevole del ruolo di Cuba nella lotta contro il terrorismo. Tutta l’America Latina e i Caraibi riconoscono il ruolo di Cuba nel processo di pace in Colombia. Abbiamo accettato di accompagnare all’Avana i negoziati tra il governo colombiano e le FARC, che hanno portato a un processo di pace. Poi il governo colombiano e l’ELN ci hanno chiesto di sponsorizzare i negoziati e abbiamo accettato di nuovo la proposta. Quando il governo colombiano ha deciso di porre fine a questi negoziati in seguito agli eventi in Colombia, abbiamo accettato senza esitazione.

La decisione di Trump dimostra ancora una volta la totale mancanza di coerenza degli Stati Uniti nella lotta contro il terrorismo internazionale.

SL: Come vede il futuro delle relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti sotto la presidenza di Joe Biden? Quali sono le basi necessarie per relazioni normali e pacifiche con gli Stati Uniti?

ERP: Penso che questa sia una domanda da porre a Joe Biden, perché Cuba ha mantenuto la stessa posizione sulla questione dalla visita di Fidel Castro a Washington nel 1959. Vogliamo avere relazioni normali e civili con gli Stati Uniti sulla base del rispetto reciproco, della non interferenza e della reciprocità. Se questi principi saranno rispettati, siamo pronti a sederci al tavolo dei negoziati con le autorità americane. Non possiamo immaginare relazioni normali tra i due paesi finché esiste il blocco. È impossibile. Finché Cuba è sulla lista dei paesi che sponsorizzano il terrorismo internazionale, non possiamo avere relazioni normali. È impossibile.

Abbiamo sentito durante la campagna elettorale il candidato Biden dichiarare che era disposto a tornare alla politica di Obama su Cuba. Questo non significa che gli obiettivi fondamentali saranno cambiati, ma sarà un primo passo costruttivo con il ritorno dei contatti interpersonali, le visite, il buon funzionamento delle entità consolari, il dialogo, il ristabilimento della ventina di accordi bilaterali firmati con Obama. Riuscirà a mettere fine all’applicazione del titolo III della legge Helms-Burton? Vedremo.

Da parte nostra, non abbiamo mai preso decisioni di politica estera offensive contro gli Stati Uniti. Ci siamo solo difesi da una politica di interferenza aggressiva. Non abbiamo basi militari all’estero. Nel dicembre 2020, il presidente Miguel Díaz-Canel ha espresso davanti al parlamento cubano la sua volontà di riprendere legami rispettosi con gli Stati Uniti. Vogliamo un dialogo che possa riparare i danni fatti dall’amministrazione Trump. Siamo vicini di casa. Non abbiamo nulla contro gli Stati Uniti. Vogliamo vivere normalmente, come vogliamo e come decidiamo attraverso il nostro progetto collettivo. Speriamo che un giorno gli Stati Uniti abbiano la stessa volontà.

SL: Qual è lo stato attuale della società cubana?

ERP: L’impatto economico delle misure prese dall’amministrazione Trump è stato forte. A questo si aggiunge l’impatto della pandemia. Abbiamo dovuto chiudere le nostre frontiere, il che ha paralizzato l’industria del turismo, che è uno dei settori più importanti della nostra economia e una delle principali fonti di reddito. Potete immaginare le conseguenze per un piccolo paese come il nostro.

Nonostante questo siamo riusciti a far fronte alla pandemia e a portarla sotto controllo. Fortunatamente, abbiamo un solido sistema sanitario che copre tutta la popolazione cubana. Abbiamo centri di ricerca scientifica molto importanti e produciamo la maggior parte dei vaccini che usiamo. Siamo stati in grado di affrontare la pandemia da una posizione vantaggiosa. Ma non possiamo negare che ha avuto un grande impatto sulla società.

Dall’inizio della pandemia la nostra comunità scientifica ha iniziato a lavorare sui vaccini. Oggi abbiamo cinque vaccini candidati, due dei quali sono alla fase III: Soberana II e Abdallah e hanno dimostrato grande efficacia nella risposta immunitaria. Anche gli altri tre: Soberana I, Mambisa e Soberana Plus hanno avuto risultati incoraggianti. Entro la fine del 2021 saremo in grado di vaccinare tutta la nostra popolazione. Saremo in grado di produrre 100 milioni di dosi e aiutare altri paesi del mondo.

Abbiamo mantenuto il nostro sforzo di cooperazione internazionale durante la pandemia e abbiamo fornito assistenza ai paesi che hanno richiesto il nostro aiuto per affrontare il Covid-19. Abbiamo inviato brigate mediche in circa 50 paesi, tra cui Martinica, Italia e Andorra.

SL: Potrebbe dire una parola sulla riunificazione monetaria che ha avuto luogo il 1° gennaio 2021?

ERP: Quando il socialismo è crollato nell’Europa dell’Est alla fine degli anni ’80, l’85% del commercio di Cuba è scomparso. Questo ha causato un calo del nostro PIL di oltre il 35%. C’è stata una crisi economica molto forte a Cuba nei primi anni ’90, e abbiamo autorizzato la circolazione del dollaro nella nostra economia in parallelo al peso cubano. Abbiamo riorientato la nostra economia verso il turismo. Poi abbiamo affrontato un altro problema: il dollaro arrivava a Cuba, ma non potevamo usarlo a causa delle sanzioni economiche americane che ci proibivano di usare questa moneta nei nostri scambi con il mondo. Così abbiamo deciso di creare il peso convertibile per il turismo e abbiamo avuto due valute in circolazione a Cuba. Quando un turista arriva a Cuba, scambia la sua valuta straniera con pesos convertibili con i quali paga i servizi di cui ha bisogno durante il suo soggiorno.

La circolazione di queste due monete è stata praticata per anni a Cuba ma, col tempo, è diventata una difficoltà per il buon funzionamento dell’economia. Era necessario lavorare con due valute e questo era diventato addirittura un ostacolo allo sviluppo degli investimenti stranieri a Cuba. La riunificazione monetaria era quindi necessaria ed è stata una decisione presa diversi anni fa. Stavamo solo aspettando il momento giusto, che non è mai arrivato perché Trump è stato eletto. Abbiamo infine deciso di scegliere la data del 1° gennaio 2021 per abolire il peso convertibile e mantenere solo il peso nazionale. Abbiamo stabilito un tasso di cambio unico di 24 pesos per il dollaro. Abbiamo adeguato i salari moltiplicando la massa salariale per cinque per ridurre le disparità legate all’emergere dell’industria del turismo e alla doppia moneta. Per esempio, un impiegato d’albergo potrebbe avere uno stipendio più alto di un professore universitario e questo non è auspicabile. Stiamo cercando di risolvere questi problemi dando a tutti un salario in base al loro contributo alla società. Questa è la nostra massima priorità e pensiamo che questa misura sarà favorevole per la popolazione.

di Salim Lamrani – da https://journals.openedition.org

Traduzione di Marco Pondrelli – Marx21.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: