Il presidente Arce guida una massiccia marcia per l’unità in Bolivia

Print Friendly, PDF & Email

La Paz, 23 nov: Il presidente Luis Arce ha invitato oggi i boliviani a difendere la loro unità contro le aggressioni dell’opposizione, partecipando a una massiccia marcia dal dipartimento di Oruro a questa città.

Il presidente ha avvertito che la destra sta lavorando per dividere questo Paese e le organizzazioni, ma ha affermato che, con questa manifestazione, il popolo dimostrerà che è unito.

In un discorso televisivo, Arce ha chiesto che l’opposizione, “soprattutto quell’oligarchia che non ha mai vinto le elezioni, rispetti la democrazia e la patria”.

Ha ribadito che il popolo boliviano ha scelto di risolvere i problemi e le differenze in democrazia attraverso il voto.

La massima autorità della Bolivia ha detto che ora coloro che hanno perso alle urne e non hanno avuto la capacità di generare una maggioranza vogliono vincere in un altro modo.

Arce e il vicepresidente David Choquehuanca hanno accompagnato i primi passi della manifestazione che è iniziata a Oruro con più di cinquemila persone dei nove dipartimenti e dovrebbe concludersi a La Paz con la partecipazione di mezzo milione di cittadini.

Ore prima, il vicepresidente del Movimento verso il Socialismo – Strumento Politico per la Sovranità dei Popoli (MAS-IPSP), Gerardo García, ha sottolineato che la mobilitazione si svolge in difesa della democrazia e del governo.

Il leader ha ricordato che il duo Arce-Choquehuanca ha vinto le elezioni di ottobre 2020 con più del 55% dei voti e ora, di fronte agli attacchi dei golpisti di destra che cercano di rilanciare la rottura dell’ordine costituzionale, i boliviani sottolineano la marcia di sostegno all’attuale amministrazione.

García ha assicurato che con questo gesto vogliono anche dimostrare all’opposizione la forza politica del MAS-IPSP, secondo il giornale Ahora el Pueblo.

La marcia si concluderà con una manifestazione di massa davanti all’Assemblea Legislativa Plurinazionale (parlamento bicamerale).

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: