Legislatori statunitensi chiedono un cambiamento della politica di Cuba

Print Friendly, PDF & Email

I senatori democratici statunitensi Patrick Leahy e Ron Wyden, così come il rappresentante Jim McGovern, hanno chiesto che la Casa Bianca cambi la sua attuale politica ostile verso Cuba.

Come qualcuno che ha osservato l’evoluzione delle relazioni USA-Cuba per quasi 50 anni, trovo la situazione tra i nostri due paesi oggi sconcertante, tragica e francamente esasperante, ha detto Leahy.

L’81enne legislatore ha riconosciuto che sei decenni di sanzioni, isolamento e minacce non hanno raggiunto alcun obiettivo strategico per Washington e ha sostenuto che la politica dell’amministrazione del presidente Joe Biden è stata dettata da un piccolo elettorato contrario a buone relazioni bilaterali.

In un discorso al Senato, il politico ha chiesto che fine abbia fatto la promessa revisione sulla presenza della nazione caraibica nella lista degli sponsor del terrorismo, che era stata rimossa durante l’amministrazione di Barack Obama (2009-2017), ma l’ex presidente Donald Trump (2017-2021) l’ha inclusa di nuovo negli ultimi giorni della sua presidenza.

Allo stesso modo, il senatore ha fatto riferimento all’ostacolo delle rimesse familiari verso l’isola, così come la fine degli scambi culturali, educativi e scientifici, questi ultimi chiaramente opportuni nel mezzo della pandemia Covid-19.

La politica degli Stati Uniti verso Cuba è piena di contraddizioni, ipocrisia, arroganza e occasioni mancate, ha detto Leahy e ha suggerito a Biden che, invece di aggrapparsi a una strategia fallita con conseguenze negative per il popolo cubano, dovrebbe pensare all’interesse nazionale.

Dopo la sua dichiarazione, altri membri del Congresso hanno espresso il loro accordo con questa posizione sui social network.

Un significativo impegno diplomatico con Cuba è nel migliore interesse del popolo cubano e della sicurezza nazionale degli Stati Uniti, ha scritto il senatore democratico Ron Wyden sul suo account Twitter.

Sulla stessa rete sociale, il rappresentante Jim McGovern ha sottolineato che il governo del suo paese, ora guidato da qualcuno dello stesso Partito Democratico, si aggrappa alle stesse politiche fallite su Cuba e fa le stesse cose più e più volte nella speranza di risultati diversi.

Biden ha promesso durante la sua campagna di invertire le sanzioni imposte dal suo predecessore che inaspriscono il blocco sull’isola, tuttavia, quasi un anno dopo l’arrivo nello Studio Ovale, le 243 misure di Trump rimangono intatte nonostante le proteste dentro e fuori il suo paese.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...