Solo il 9,5% delle persone nei paesi poveri ha ricevuto una qualsiasi dose di vaccino anti-COVID-19

Print Friendly, PDF & Email

In linea con questa realtà, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha anche ripetutamente criticato l’egoismo dei paesi ricchi e delle case farmaceutiche nei confronti dei vaccini COVID-19.

Ad oggi, solo il 9,5% delle persone nei paesi a basso reddito ha ricevuto almeno una dose di vaccino anti-covid-19, ha detto il membro del Politburo e ministro degli Esteri Bruno Rodríguez Parrilla sul suo account Twitter.

Nel dicembre 2021, la dottoressa Mariângela Simão, che è l’assistente del direttore generale per l’accesso ai farmaci e ai prodotti sanitari, ha dichiarato alla stampa che 98 paesi a basso reddito erano al di sotto del 40% di accesso alla vaccinazione, mentre altri 41 non avevano ancora vaccinato nemmeno il 10% della loro popolazione.

L’unico paese a basso reddito che ha prodotto i propri vaccini COVID-19 è stato Cuba, grazie all’interesse del governo di dare priorità alla salute attraverso l’implementazione del processo di vaccinazione e l’elevata prontezza del settore biotecnologico pubblico.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Mario Franzil ha detto:

    A livello.sanitario internazionale prevale il profitto delle aziende farmaceutiche non.contrastato dalla dirigenza politica dei paesi ricchi e dell’UE. Ne.bastano gliappelli dell’ONU e di altre organizzazioni internazionali quando non si mettono in.atto le misure per dar seguito concreto ad essi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: