Xiomara Castro e il suo piano immediato per rifondare l’Honduras

Print Friendly, PDF & Email

Dal 27 gennaio, quando la prima donna presidente nella storia dell’Honduras, Xiomara Castro, ha prestato giuramento, i suoi più di 1,7 milioni di elettori aspettano che le sue promesse elettorali siano mantenute.

La rappresentante del partito Libertad y Refundación (Libre) è la decima donna a ricoprire questa carica dal ritorno alla democrazia negli anni ’80, e anche la prima in questo periodo che non appartiene al tradizionale partito bipartitico formato dalle forze politiche liberali e nazionali.

Durante il suo primo discorso come capo di stato, ha annunciato come temi trasversali del suo esecutivo: l’educazione, la salute, la sicurezza e l’occupazione; così come l’approvazione di leggi sulla partecipazione e la consultazione dei cittadini, l’esenzione di un milione di famiglie dal pagamento del consumo di elettricità e la riduzione del prezzo del carburante.

Dopo aver alluso a cifre come l’aumento del 700 per cento del debito estero e l’aumento del 74 per cento della povertà, ha stabilito un elenco di punti per la rifondazione dei valori sovrani, tra cui il divieto di permessi per lo sfruttamento di minerali, fiumi, parchi naturali e foreste.

Castro ha anche annunciato che il suo governo adotterà un socialismo democratico e una politica latinoamericana di sovranità e solidarietà; ha assicurato che lotterà con tutte le sue forze per colmare il divario di disuguaglianza, mettere fine alla violenza di genere e promuovere la difesa dei diritti delle donne.

Davanti a 57 delegazioni internazionali e più di 12.000 persone presenti nello stadio nazionale di Tegucigalpa, ha concluso il suo discorso con la frase emblematica ¡Hasta la victoria siempre! resa popolare dal leader cubano Fidel Castro e dal medico argentino Ernesto Che Guevara.

PRIORITÀ ALL’ORDINE DEL GIORNO

L’Honduras ha problemi di mancanza di istituzionalismo, di rapimento di dirigenti, di saccheggio delle risorse degli enti pubblici per fini personali o corporativi, o di mantenimento del nazionalismo al potere, ha detto a Prensa Latina l’educatore popolare Luis Méndez.

“La corruzione e l’impunità sono le caratteristiche più percepibili del regime di Juan Orlando Hernández. Più di questo, il legame della sua amministrazione con il crimine organizzato e il traffico di droga per otto anni”, ha riconosciuto il rappresentante dei movimenti sociali.

Secondo lui, per poco più di un decennio, il sistema giudiziario è stato catturato, controllato e manipolato dai gruppi di potere; allo stesso tempo, la politica adottata dal Partito Nazionale, con la promozione delle zone di occupazione e sviluppo economico (ZEDE), ha portato alla perdita di sovranità.

“Il suo regime è stato sostenuto attraverso accordi con i vertici militari e di polizia e concessioni, privilegi e l’aumento del bilancio della sicurezza rispetto a quello della sanità e dell’educazione, a vantaggio delle forze dell’ordine. Oggi abbiamo un paese rimilitarizzato e diverse istituzioni controllate da ex-militari”, ha detto.

Méndez ha riconosciuto che un’altra sfida è quella di “fare pulizia”, di scuotere le istituzioni pubbliche da quei gruppi che sono benefattori del nazionalismo e di risolvere i conflitti provocati dalle politiche estrattiviste, oltre all’urgente riattivazione dell’economia, che attualmente è in profondo debito.

Secondo l’educatore, sono essenziali le rivendicazioni popolari sui temi della sovranità, della terra, dell’acqua, dell’ambiente, dell’autonomia dei popoli indigeni, della diversità, dei giovani, delle donne, delle migrazioni, dei contadini, dei bambini, dell’arte e della cultura, con necessità urgenti per i primi 100 giorni di governo.

Da parte sua, Ricardo Salgado, scrittore, analista e consigliere di Libre, ha descritto come fondamentale la creazione di condizioni per l’organizzazione della società honduregna: “passare dalla finzione della democrazia elettorale alla partecipazione alle decisioni, con una cittadinanza debitamente informata”.

“Ricordiamoci che qui ci è stato rubato tutto: le nostre radici, il nostro senso di patria e l’idea di nazione. I simboli ci sono stati tolti e siamo stati risucchiati nella macchina criminale del consumismo. Dobbiamo invertire questa tendenza disastrosa, e fare strada alla costruzione di un blocco storico e di un cambiamento permanente”, ha sostenuto l’analista.

PRIMI 100 GIORNI IN CARICA

Secondo Méndez, prima dell’insediamento del 27 gennaio, il nuovo esecutivo ha sviluppato una dinamica estremamente interessante: i nuclei organizzati del partito Libre, i settori sociali e popolari e gli attori economici hanno presentato le loro proposte per i primi 100 giorni del governo di Xiomara Castro.

Anche se il nuovo presidente sta ricevendo strutture ereditate dal colpo di stato, ha sostenuto, c’è un impegno per implementare politiche pubbliche per la sanità, l’istruzione e l’occupazione in un paese ancora colpito dalla pandemia Covid-19 e dai danni causati dagli uragani Eta e Iota.

José Ramón Ávila, direttore esecutivo dell’Associazione honduregna delle organizzazioni non governative, ha detto a Prensa Latina che il deterioramento della situazione economica, politica e sociale sta incoraggiando l’emigrazione dalle campagne alla città o all’estero, specialmente negli Stati Uniti e in Spagna.

“Negli ultimi decenni abbiamo anche percepito un clima di insicurezza, polarizzazione politica e ingovernabilità dal 2009; l’assassinio di manifestanti dopo la frode elettorale del 2017 e la persecuzione e criminalizzazione dei difensori dei diritti umani, delle popolazioni indigene o dei leader locali”, ha detto.

Il presidente eletto dell’Honduras, Xiomara Castro, ha parlato di tutte queste linee di lavoro. Per ora, resta solo da superare la crisi politica interna dopo il giuramento di due consigli di amministrazione nel Congresso Nazionale, presieduto dai deputati Luis Redondo e Jorge Cálix.

Prensa Latina

L’Honduras annuncia il gabinetto del presidente eletto Xiomara Castro

Il governo del presidente eletto dell’Honduras, Xiomara Castro, ha annunciato la formazione del gabinetto per il periodo 2022-2026, con figure come l’avvocato Eduardo Reina nel posto di cancelliere della Repubblica

Rixi Moncada è il segretario delle finanze; Marcio Sierra la Commissione nazionale delle banche e delle assicurazioni; Rebeca Santos il presidente della Banca centrale; Pedro Barquero il segretario dello sviluppo economico e il professor Daniel Sponda il segretario dell’educazione.

Il dottor José Manuel Matheu sarà a capo del Ministero della Salute; Laura Suazo sarà a capo del Ministero dell’Agricoltura e dell’Allevamento; il Ministero dell’Interno, della Giustizia e del Decentramento sarà guidato dall’avvocato Tomás Vaquero; e il Ministero della Sicurezza sarà guidato dal generale Ramón Sabillón.

Come segretario della difesa, l’Honduras ha l’avvocato José Manuel Zelaya; a capo del portafoglio delle infrastrutture e dei servizi pubblici c’è l’ingegnere Mauricio Ramos e José Carlos Cardona occupa il posto di segretario dello sviluppo e dell’inclusione sociale.

Lucky Medina è stato scelto come segretario delle risorse naturali e dell’ambiente; la direzione della scienza e della tecnologia è guidata dalla dottoressa Mary Vallecillo e il segretario del lavoro e della sicurezza sociale è guidato dall’avvocato Sarahí Cerna; Yadira Gómez è il segretario del turismo.

Dalle prime ore del mattino, lunghe file di honduregni aspettano di entrare nello stadio nazionale di Tegucigalpa, sede della cerimonia di giuramento presidenziale, sorvegliati da elementi della polizia e delle forze armate per rispettare i requisiti annunciati durante l’inaugurazione.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...