Che tutti i giovani trovino spazio nella UJC e nella FEU

Print Friendly, PDF & Email

Tutti i progetti che rafforzano il socialismo, la democrazia, la partecipazione, i valori, il benessere – difendendo la Rivoluzione – li prenderemo in considerazione, perché la gente si sente più impegnata quando partecipa, ha detto Díaz-Canel in uno scambio con i leader dei giovani.

Il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha tenuto una riunione nel Palazzo della Rivoluzione con i vertici dell’Unione dei Giovani Comunisti e della Federazione degli Studenti Universitari, in cui ha chiesto di lavorare affinché tutti i giovani cubani trovino spazi in entrambe le organizzazioni, il che comporta, ha detto, molta osservazione e nessun pregiudizio.

Dobbiamo costruire un clima in cui possiamo, all’interno della Rivoluzione, discutere anche le cose su cui non siamo d’accordo, ha detto il presidente della Repubblica. Questo ci dà più sviluppo, più possibilità, perché i problemi sono così complessi, la vita è così convulsa che nessuno di noi può presumere di avere ragione su tutto. Si impara molto dagli altri, ha sottolineato.

Tutti i progetti che rafforzano il socialismo, la democrazia, la partecipazione, i valori, il benessere – difendendo la Rivoluzione – li prenderemo in considerazione, perché la gente si sente più impegnata quando partecipa, ha detto Díaz-Canel in uno scambio con i leader dei giovani, che è durato più di tre ore.

Nella riunione, alla quale hanno partecipato Aylín Álvarez García, primo segretario della UJC, e Karla Santana Rodríguez, presidente della FEU, il presidente ha parlato con i giovani della situazione attuale a Cuba, complicata dagli effetti del COVID-19 e dall’intensificazione del blocco statunitense, così come del ruolo fondamentale svolto dai giovani in questo difficile periodo.

Díaz-Canel si è interessato all’attenzione dei ministeri per le università – i ben noti accordi – in cui sono stati fatti progressi, anche se ci sono ancora insoddisfazioni, soprattutto nelle aree di trasporto e ricreazione, che i giovani richiedono.

Il Primo Segretario del Partito ha ribadito che le organizzazioni di formazione devono bussare alle porte delle istituzioni studentesche e non il contrario, perché se stiamo dicendo che i giovani sono le persone più importanti, nessuno può rompere con questo concetto.

Ha anche invitato la UJC e la FEU ad essere più attivi nei dibattiti che si generano sulla violenza contro le donne, il benessere sociale, la discriminazione razziale, l’ambiente, tra le altre questioni, che sono nostre e dobbiamo promuoverle, ha detto.

Tra i temi affrontati dal Presidente in questa riunione – alla quale hanno partecipato anche il membro dell’Ufficio Politico Roberto Morales Ojeda, Segretario di Organizzazione e Politica dei Quadri, e Rogelio Polanco Fuentes, membro della Segreteria del Comitato Centrale e capo del suo Dipartimento Ideologico – c’è anche l’attenzione dell’UJC e della FEU ai giovani più vulnerabili, così come ai giovani che lavorano nel settore non statale.

Si è parlato di far crescere i quadri del Partito Comunista; di ottenere un movimento giovanile più attivo in tutti i compiti della nazione, coinvolgendo i pionieri; di aggiungere più leader giovanili ai gruppi che oggi analizzano e propongono nuove politiche pubbliche, e che la FEU e la UJC si avvicinino ad altri movimenti giovanili che stanno anche contribuendo molto alla Rivoluzione.

I leader giovanili hanno sollevato problemi materiali che riguardano la vita universitaria, come la costruzione di residenze per studenti, specialmente all’Avana e a Matanzas.

State tranquilli, ha detto Díaz-Canel, che avrete il pieno appoggio e la comprensione del Partito, anche se non siete d’accordo con noi su qualcosa, e ne discuteremo nell’atmosfera di compagni in lotta, di compagni, di rivoluzionari, senza alcun tipo di problema. Non aspettatevi mai un’imposizione da parte nostra, ha detto.

“Abbiamo tutta la volontà, tutto il desiderio e tutto il bisogno che voi partecipiate a tutto ciò che affronteremo”, ha sottolineato il Primo Segretario del Partito Comunista, che ha anche chiesto di invitare i giovani della Federazione degli Studenti della Scuola Secondaria a queste riunioni al Palazzo della Rivoluzione.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...