Sindacato dei professori statunitensi chiede a Biden di porre fine al blocco contro Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Uno dei più grandi sindacati di professori universitari degli Stati Uniti ha chiesto lunedì al presidente Joe Biden di eliminare il “devastante blocco finanziario e commerciale” imposto a Cuba per più di 60 anni.

Il Professional Staff Congress (PSC) della City University of New York (CUNY), affiliato all’American Federation of Teachers, ha approvato una risoluzione che esorta Biden a eliminare le misure coercitive contro Cuba, che sono state rafforzate durante l’amministrazione di Donald Trump (2017-2021).

Nel testo, inviato a Prensa Latina, l’organizzazione ha descritto quelle politiche come “disumane e ingiuste”, e ha esortato il leader democratico e il Congresso a eliminare le restrizioni di viaggio ai residenti negli Stati Uniti e ai cittadini statunitensi a Cuba.

Il PSC ha detto che il blocco unilaterale di Washington ha fortemente limitato la collaborazione nella ricerca scientifica e medica che interferisce con il potenziale di salvare vite durante la pandemia di Covid-19.

A questo proposito, ha sottolineato che nonostante il blocco, Cuba potrebbe sviluppare i propri vaccini per immunizzare la sua popolazione contro la malattia.

La City University di New York, un’istituzione con il corpo studentesco più diversificato degli Stati Uniti, ha programmi di scambio educativo e di solidarietà con Cuba, ha osservato.

Pertanto, le restrizioni di viaggio e di scambio danneggiano sia gli studenti che i professori statunitensi e cubani, nota la risoluzione.

Il documento ha lodato la solidarietà di Cuba con il popolo degli Stati Uniti, in particolare nel fornire a studenti afroamericani a basso reddito l’opportunità di ricevere una formazione medica.

Il PSC ha evidenziato “la lunga storia di assistenza medica internazionale ai popoli del mondo” del Contingente Henry Reeve, il cui lavoro è stato decisivo per combattere il Covid-19, e prima ancora per affrontare l’Ebola in Africa e molte epidemie nel resto del mondo.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...