“I vermi artistici cubani hanno superato tutti i confini”: Willy Toledo parla di Andy y Lucas, Álex Ubago, Yotuel Romero e Descemer Bueno

Print Friendly, PDF & Email

L’attore Willy Toledo ha inviato questo messaggio, in esclusiva a Cubainformación, analizzando la vigliaccheria di Álex Ubago e Andy y Lucas, dopo la brutale pressione di Miami per annullare la loro partecipazione ad un festival all’Avana, rompendo il loro contratto, per non perdere la loro carriera nel mercato latino, controllato dalla mafia Estefan.

Ricorda come, nel 2019, Andy e Lucas hanno dato sette concerti a Cuba, in un’iniziativa chiamata “Ponte per L’Avana” e con la promozione – curiosamente – di istituzioni culturali del governo cubano che, ora, a causa della brutale pressione della Florida, rifiutano come una “dittatura” e un “regime”.

Parla anche delle assurde parole di Lucas sui “bambini imprigionati a Cuba”, ripetendo come un pappagallo il copione impostogli, e recensisce anche Yotuel Romero e Descemer Bueno.

Sanremo “poteva essere e non era la fine”

Questo è stato nella hit parade delle reti, se così si può dire: diversi artisti internazionali stanno cancellando la loro partecipazione al Festival di San Remo Music Awards che si terrà a Cuba il prossimo aprile. E il fatto che tre o quattro musicisti abbiano deciso di non cantare sull’isola potrebbe sembrare irrilevante per alcuni, se non fosse che la notizia è stata trasformata in titoli magniloquenti che hanno dato il colpetto sulla spalla a una campagna brutale contro Cuba…

Invitano a screditare i video degli artisti su Youtube, fanno pressione da tutte le parti, fanno minacce di morte e trasformano le reti in un “cyberschifo” contro i cantanti che avevano già firmato un contratto per Sanremo. C’è una condizione: se vengono a cantare al popolo cubano, l’odio è incaricato di mettere il “morso cattivo” sull’altra riva.

Andy y Lucas, Kalimba, Alex Ubago, hanno detto no, dopo aver detto sì. È una specie di pentimento. In un mondo di mercificazione della cultura, non si può fare brutta figura con il proprietario del business. La pressione li ha fatti riconsiderare e la decisione presa ha un argomento comune: non sostengono “la dittatura cubana”, anche se Pinochet non sarebbe d’accordo con questa definizione, per esempio.

Il duo pop spagnolo Andy e Lucas, che ha raggiunto una grande popolarità a Cuba e in America Latina nei primi anni 2000, ha cantato per la prima volta sull’isola nell’ambito dell’ottava edizione del festival A Bridge to Havana, in programma dal 22 al 29 aprile 2019. Nella foto di Yoandry Ávila Guerra/Revista Alma Mater, in una conferenza stampa a Cuba con il cantante Jorge Luis Robaina, attuale direttore artistico del Festival San Remo Music Awards.

“Nonostante i miei fan sull’isola e l’emozione di essere lì per la prima volta, dopo aver avuto tutte le informazioni sull’organizzazione dell’evento e data la situazione che il paese sta attraversando, penso che non dovrei andare”, ha scritto Ubago sul suo account Twitter in un messaggio accompagnato da un video. E noi che “morivamo dalla voglia di conoscerlo”…

Kalimba “ha toccato il fondo” dicendo che sta cancellando la sua partecipazione al Festival “a causa del suo vero amore per il popolo cubano”, e il duo Andy y Lucas ha anche indicato che “non sostengono alcun regime dittatoriale o persone che mettono i bambini in prigione”.

Per inciso, gli spagnoli hanno annunciato che daranno un concerto a Miami, USA, un paese dove attualmente ci sono migliaia di minori condannati all’ergastolo. Secondo il recente rapporto “The State of America’s Children® 2021” della no-profit Children’s Defense Fund, con sede a Washington, solo nel 2019 un totale di 696.620 bambini sono stati arrestati negli Stati Uniti, per esempio. Paradossale?

Voglio credere che alla fine sappiano che quest’isola non è il paese che dipingono e che, anche se lo negano direttamente, la pressione della campagna è stata brutale e se la sentono sulle spalle.

A nessun artista viene chiesto se è d’accordo o meno con un governo di fare un tour, una mostra o altro, in un determinato paese. Ma Cuba, per l’industria dell’odio, è speciale?

Anche se gli artisti che cancellano la loro partecipazione al Festival di San Remo Music Awards hanno avuto il loro successo all’inizio del secolo, non sono sconosciuti a Cuba e la gente ascolta ancora la loro musica. Tuttavia, hanno deluso più di qualcuno, mentre fuori dall’isola si congratulano per la loro decisione “coraggiosa”.

Spero che Andy, Lucas, Kalimba e Alex Ubago possano conoscere Cuba con la loro musica e non con storie di terzi. Ora, c’è una verità che attraversa tutto: la guerra culturale e politica contro l’isola non crede nemmeno nella musica che piace tanto a noi cubani. Forse pensano che Sanremo “poteva essere e non era la fine”.

Fonte: Cubainformación

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. Marco Rognoni ha detto:

    Ai falsi moralismi e alla vergognosa dipendenza dai poteri commerciali e politici che condizionano gran parte delle nazioni del mondo non vi è davvero fine…. e dispiace profondamente che artisti non abbiano il coraggio delle loro azioni.
    Un conformismo che è un pessimo esempio per il mondo intero. VERGOGNA ! ! !