Base navale di Guantánamo, 119 anni di affronti alla patria

Print Friendly, PDF & Email

La quiete del mattino del 10 dicembre 1903 fu interrotta a Guantánamo Bay e stormi di anatre si alzarono in volo dalle mangrovie sulle sue rive ai 21 colpi di cannone sparati dalla moderna Corazzata Kearsarge, in saluto all’innalzamento della bandiera a stelle e strisce sul suo albero maestro, annunciando l’inizio della giurisdizione di una gran parte di quel territorio nell’Alto Oriente cubano come base navale e carbonifera.

Il popolo cubano fu così umiliato da quel saccheggio che nessun rappresentante di alto livello del governo dell’isola prese parte all’atto che diede inizio all’occupazione straniera imposta alla nazione fino ad oggi.

Le apparenze legali della farsa si sarebbero completate poco dopo, il 16 febbraio 1903, 119 anni fa, in una cerimonia intima al Palazzo del Governo, quando, in presenza di diplomatici americani soddisfatti, il presidente annessionista Tomás Estrada Palma, accompagnato dai suoi principali collaboratori, con un mezzo sorriso, firmò l’accordo per affittare la base navale per tutto il tempo necessario.

Iniziò così l’adempimento dell’Emendamento Platt, imposto all’Assemblea Costituente cubana dagli Stati Uniti, con il ricatto di iniziare il ritiro delle truppe statunitensi solo dopo l’accettazione dell’emendamento come appendice alla sua Costituzione, che stabiliva, insieme ad altre prerogative, il diritto d’intervento e la cessione in perpetuo delle baie scelte dal paese nordamericano per uso militare.

La base di Guantánamo forniva agli Stati Uniti un supporto fondamentale alla loro marina per esercitare la loro supremazia nella regione sudamericana, nelle rotte verso l’Europa, e il controllo delle comunicazioni tra il Pacifico e l’Atlantico, che avrebbe aperto lo strategico Canale di Panama, la cui conclusione era prevista nel 1914.

Con il trionfo della Rivoluzione, la base navale di Guantánamo si trasformò rapidamente in una piattaforma di aggressione permanente contro il paese, attraverso l’appoggio delle organizzazioni controrivoluzionarie e delle reti della CIA, che ricevettero da questa enclave tutto l’appoggio materiale necessario e diventarono addirittura il luogo prescelto per un piano di autoaggressione, che i mercenari avrebbero realizzato con le armi dei magazzini di quell’enclave, con l’obiettivo di giustificare un’invasione dell’isola.

Come risultato di queste aggressioni, i combattenti di frontiera Ramón López Peña e Luis Ramírez López furono assassinati rispettivamente nel 1964 e nel 1966; così come Rubén López, un umile lavoratore e noto rivoluzionario, nel 1961; e nel 1962 il pescatore e miliziano Rodolfo Rosell, crimini che non sono mai stati chiariti dalle autorità statunitensi.

Dal 1994, un clima di distensione ha prevalso nella zona di frontiera, grazie alla volontà di Cuba di evitare provocazioni nel perimetro dell’installazione statunitense, che è diventata anche un centro illegale di detenzione e tortura di prigionieri come risultato della cosiddetta guerra al terrorismo, fatto che è stato ripetutamente denunciato dalle istituzioni dei diritti umani di tutto il mondo.

Anche se la mafia di Miami, rappresentata nella legislatura statunitense, non ha rinunciato ai suoi vecchi sogni di trasformare la base in teatro di provocazioni, sta ora promuovendo un’iniziativa senza precedenti davanti al presidente Joe Biden per trasformare l’enclave militare in un luogo di attenzione massiccia per i cubani che richiedono ed elaborano la documentazione per viaggiare negli Stati Uniti e altre formalità, mentre la sede statunitense all’Avana rimane chiusa a tali servizi.

Gli stessi promotori della trappola grezza affermano che se un qualsiasi “disordine” dovesse verificarsi nella base e nei suoi dintorni, le autorità militari potrebbero rispondere a quella che chiamerebbero un’aggressione alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti.

Cuba rifiuterà questa nuova provocazione e non rinuncerà al suo diritto di vedere restituito il territorio occupato dalla Base Navale di Guantánamo, per riparare l’affronto alla patria che si è consumato con l’opprimente accordo che consegnò un pezzo del paese all’impero in quel lontano 16 febbraio 1903.

Fonte: acn

Traduzione: italiacuba.it

https://youtu.be/dI8oPWIksJk

Potrebbero interessarti anche...