Il diritto all’autodeterminazione secondo la NATO

Print Friendly, PDF & Email

A proposito di guerre, interventi e sovranità: ricordate la feroce difesa da parte di governi come quello tedesco del diritto all’autodeterminazione di Croazia e Slovenia, fino a forzare la loro rottura con la Jugoslavia? E le bombe NATO su Belgrado “guidate” dall’autodeterminazione del Kosovo? Perché allora Germania, Stati Uniti e Alleanza Atlantica si oppongono ora all’autodeterminazione del Donbass?

José Manzaneda, coordinatore di Cubainformación. – Potete immaginare il presidente di Cuba, in televisione, minacciare le imprese private di trasporto con la sospensione delle loro licenze, o con una fedina penale che influirà sul loro futuro sostentamento economico?

Il primo ministro del Canada lo ha fatto. E non succede niente… niente. A Ottawa, per porre fine alle proteste dei camionisti, la polizia ha arrestato 190 persone e sequestrato quasi 80 veicoli. Hanno usato spray al pepe, granate stordenti e cavalli, e hanno istituito un centinaio di posti di blocco per impedire l’accesso al centro della città. Avete mai letto la parola “repressione” nei media?

La libertà di stampa in Europa. L’emittente pubblica tedesca Deutsche Welle ha licenziato cinque giornalisti della Palestina e del Libano per aver mostrato le atrocità della polizia e dell’esercito israeliano. L’argomento è lo stesso di sempre: il loro presunto “antisemitismo”. La libertà di stampa in America Latina. Lourdes Maldonado, una giornalista messicana che due anni fa aveva denunciato al presidente del suo paese di temere per la sua vita, è stata assassinata a Tijuana. In Colombia, il giornalista Julián Martínez, autore del libro “ChuzaDAS”, che ha scoperto alcune delle attività criminali dell’ex presidente Álvaro Uribe, ha appena avuto un attentato alla sua vita. Ma dove non si può praticare il giornalismo, ci dicono, è… a Cuba.

La stampa mainstream e “anti-Castro” ha passato anni a dire che l’economia di Cuba era chiusa al mondo. Ora c’è una legge specifica per gli investimenti stranieri nell’isola e una vasta gamma di opportunità, ma il governo statunitense, con l’appoggio degli “anticastristi”, perseguita e punisce tutte le imprese che investono. E la stampa… tace.

Quante volte abbiamo letto della presunta “omofobia istituzionale” a Cuba? Ora, in 70.000 assemblee di quartiere in tutta l’isola, la popolazione sta discutendo il nuovo Codice della Famiglia, che includerà nuovi diritti, come il cosiddetto “matrimonio egualitario”. Questo è in netto contrasto con le leggi nello stato della Florida che limitano i diritti della comunità LGBTI. Contrasto di cui non leggerete una parola nella stampa aziendale.

E siamo ancora in Florida dove, per legge, le scuole devono insegnare il “pericolo dell’ideologia comunista”. Ci sono almeno 155 leggi, in 34 stati americani, che impongono agli insegnanti ciò che possono e non possono dire sulla politica, il razzismo, il genere o l’orientamento sessuale. In Virginia e nel Nord Dakota, per esempio, è vietato spiegare in classe la cosiddetta “teoria critica della razza”, che collega il razzismo al sistema sociale prevalente negli Stati Uniti. Ma – ricordate – dove avviene l'”indottrinamento” è… a Cuba.

112 milioni di persone hanno guardato la finale del Super Bowl a Los Angeles. Questo non poteva essere offuscato dalla “cattiva immagine” di alcuni campi di senzatetto situati molto vicino allo stadio. Così la polizia è andata lì e li ha sfrattati. Si stima che 90.000 persone vivano sotto i ponti nella contea di Los Angeles. Ma poi sentiamo parlare di Cuba e del Venezuela.

Il bombardamento mediatico occidentale ci dice che il grande aggressore militarista oggi è la Russia, la cui spesa militare è l’8% di quella degli Stati Uniti, che ha partecipato a 58 interventi militari e 28 colpi di stato, e il cui esercito ha lanciato una media di 46 bombe ogni giorno negli ultimi 20 anni. Secondo l’organizzazione World Beyond War, il 3% del suo bilancio militare potrebbe porre fine alla fame nel mondo.

A proposito, parlando di guerre, interventi e sovranità: vi ricordate la feroce difesa da parte di governi come la Germania del diritto all’autodeterminazione di Croazia e Slovenia, fino a forzare la loro rottura con la Jugoslavia? E delle bombe NATO su Belgrado “guidate” dall’autodeterminazione del Kosovo? Perché allora la Germania, gli Stati Uniti e l’Alleanza Atlantica si oppongono ora all’autodeterminazione del Donbass, il cui 90% della popolazione ha votato per la sua separazione dall’Ucraina e che ha chiesto la protezione militare della Russia? Sono gli interessi e il cinismo occidentali, legittimati da un gigantesco e ossessivo apparato di propaganda mediatica.

A proposito, questo giovedì ci sono stati nuovi bombardamenti di Israele sulla Siria. Ve ne siete accorti?

Fonte: Cubainformación

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...