Miami Soldi Sporchi, un libro all’Avana

Print Friendly, PDF & Email

Corruzione, frode, traffico di droga e altre piaghe sono dietro le fortune dei gerarchi che fanno politica contro Cuba negli Stati Uniti, secondo il libro Miami Soldi Sporchi.

Questo secondo l’autore, Hedelberto López Blanch, che nel suo testo smonta la propaganda coniata dai potenti media statunitensi secondo cui gli emigranti cubani si sono fatti strada da soli e che più di uno è diventato milionario grazie ai benefici del sistema.

Blanch, parlando con Prensa Latina, ha detto che il libro, ora ristampato e pubblicato dalla casa editrice Nuevo Milenio, è il risultato di una ricerca esaustiva effettuata negli Stati Uniti.

Miami Dinero Sucio si basa su consultazioni con individui, archivi in biblioteche, università, organi di stampa e nei tribunali civili e penali di questa città della Florida, dove ho identificato le vere radici di molte di queste fortune che sono sorte praticamente dal nulla, ha detto.

Il libro scopre la corruzione, il traffico di droga, le nomine di avvocati sotto pressione e la corruzione di giornalisti, ha sostenuto.

Include anche brogli elettorali, riciclaggio di denaro nella Grande Miami, contratti fraudolenti del valore di milioni con il governo della contea, benefici politici e amministrativi, appropriazione indebita di milioni di dollari da organizzazioni federali e statali e abusi di potere.

Secondo l’autore, tutto questo fa di Miami una delle città più corrotte degli Stati Uniti.

In questa riedizione, l’autore presenta noti funzionari, uomini d’affari e rappresentanti federali come Jorge Mas Canosa, Carlos Salman e Raúl Masvidal, ex dirigenti della Fondazione Nazionale Cubano Americana; senatori e rappresentanti come Marcos Rubio, Bob Menéndez, Mario e Lincold Díaz Balard.

Loro e altri che sono anche intrecciati nelle reti di corruzione che avvolgono la società statunitense.

Uno dei punti salienti del libro è un’intervista pubblicata sulla rivista Replica il 30 maggio 1973 con Manuel Giberga, il cubano di più alto rango nell’amministrazione di Richard Nixon, nominato dal presidente consigliere ispanico del direttore federale del Bureau of Narcotics and Psychotropic Substances.

Giberga ha detto: “a Miami si sta formando una specie di mafia cubana che mira a controllare la città nello stile di come lo facevano i gangster di Chicago all’epoca di Al Capone”.

Ha aggiunto: “Quelli che stanno dietro questo piano stanno cercando di controllare la città economicamente e politicamente. Vale a dire, governare su tutti qui, imponendo una sorta di terrore con il consenso di alcuni agenti dell’autorità”.

López Blanch afferma che il controllo della mafia cubano-americana si è esteso a Washington e oggi domina la politica della Casa Bianca verso Cuba, per aumentare i suoi benefici e stringere il blocco economico, finanziario e commerciale contro l’isola.

Questa edizione ha una prefazione dell’Eroe della Repubblica di Cuba, Gerardo Hernández, che fu infiltrato nelle organizzazioni controrivoluzionarie di Miami e conosce in prima persona le loro azioni.

Hedelberto López Blanch (L’Avana 1947) è autore di titoli come La emigración cubana en Estados Unidos; Descorrendo mamparas; Bendición cubana en tierras sudafricanas; Historias secretas de médicos cubanos en África, e Las mascotas de la guerra.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...