14 nuovi modi per abbracciare il Codice di Famiglia

Print Friendly, PDF & Email

La futura legislazione, che sarà sottoposta a consultazione popolare fino al 30 aprile, contiene alcuni aspetti molto nuovi. Il testo cerca di proteggere tutte le espressioni della diversità familiare sulla base dei principi di uguaglianza, non discriminazione e dignità umana.

Da più di un mese le notti di molti cubani sono coperte dalla consultazione popolare sul Codice delle Famiglie. La grande famiglia che è il quartiere sta discutendo i punti più favorevoli e quelli più controversi del regolamento giuridico, che tocca aspetti sensibili della nostra vita privata e cerca di proteggere tutte le espressioni della diversità familiare sulla base dei principi di uguaglianza, non discriminazione e dignità umana.

Dai suoi primi articoli, è chiaro che non impone modelli o limita i diritti di alcuni per concederli ad altri. Questo testo emancipatore e socialista riconosce, protegge e garantisce i diritti individuali e collettivi, e allo stesso tempo rafforza la responsabilità dei legami di parentela e di coppia dal punto di vista affettivo, educativo e formativo.

I dati diffusi in una riunione per valutare l’avanzamento del processo di consultazione fino al 20 febbraio hanno rivelato che il maggior numero di proposte elaborate corrispondeva a questioni relative al matrimonio, all’adozione, all’ordine dei cognomi, alla responsabilità parentale, alla solidarietà gestazionale e alla discriminazione in casa.

Forse è per questo che in quella riunione il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista e Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha parlato di evitare l’improvvisazione e la sciatteria nelle assemblee e ha sottolineato che tutti dobbiamo raggiungere la massima comprensione, la massima preparazione e, naturalmente, la partecipazione attiva in tutti i settori della società. E dobbiamo tenerne conto, con quasi il 50% delle riunioni ancora da svolgere.

Quello che sta succedendo oggi nel paese è un’altra opportunità di apprendimento, un nuovo esercizio di autentica democrazia, e come ha detto Yamila González Ferrer, vicepresidente dell’Unione Nazionale dei Giuristi e uno dei membri della commissione di redazione, ci saranno opinioni positive, altre negative, alcune persone avranno dubbi e altre vorranno approfondire, ma questa molteplicità di prospettive sarà anche una forma di crescita.

E deve essere così, perché nessuno può dimenticare che questo testo ampio e completo è scritto pensando al presente e al futuro. “Questo sarà soprattutto il Codice dei giovani, delle famiglie che si stanno costruendo e formando nella nostra società… e per quelli di noi che hanno già i capelli grigi, sarà il Codice che ci proteggerà nella nostra vecchiaia, che ci proteggerà in un gruppo di relazioni. Quindi, questo carattere umanista è essenziale”.

Questa certezza condivisa dal leader cubano in una consultazione popolare a Guantánamo rende chiaro che i cittadini devono sentirsi identificati con questo processo e con la futura legislazione, perché si stanno definendo questioni che segneranno la vita di molti cubani, e “aspirano a rompere schemi e ad aprire la possibilità del sogno collettivo di vivere in un ambiente di felicità, rispetto e amore”.

Restano quasi due mesi per continuare ad adottare la consultazione popolare. Per questo, prima di andarci, è consigliabile studiare bene ogni dettaglio e non lasciarsi trasportare da mezze verità, travisamento di idee o reiterazione di bugie, che cercano solo di confondere e creare opinioni sfavorevoli per offuscare il bel lavoro che stiamo scommettendo per le nostre famiglie.

Pone l’amore, l’affetto, la solidarietà e la responsabilità in cima ai valori della famiglia.

Rafforza la responsabilità affettiva, educativa, formativa ed economica della famiglia nella cura dei suoi membri.

Protegge la maternità e la paternità e la promozione del loro sviluppo responsabile in sinergia con il rispetto dei diritti dei bambini e degli adolescenti nell’ambiente familiare, tenendo conto del loro interesse superiore e della loro progressiva autonomia.

Promuove l’autodeterminazione, le preferenze e le pari opportunità nella vita familiare per gli adulti anziani e quelli con disabilità.

Aumenta la protezione dell’eredità per coloro che sono stati assistenti familiari.

Esprime il diritto a una vita familiare libera dalla violenza in qualsiasi delle sue manifestazioni e presenta formule di protezione per queste situazioni, come l’impossibilità di esercitare la tutela e la cura o di avere una comunicazione limitata con figlie e figli, la privazione dei diritti di eredità per coloro che vi incorrono, tra gli altri.

Protegge gli anziani permettendo la revoca delle donazioni concesse a favore di coloro che, dopo aver ricevuto i beni, mantengono un comportamento ingrato nei confronti del donatore.

Migliora l’uguaglianza di genere nello spazio familiare, rafforzando la corresponsabilità nello svolgimento del lavoro domestico e di cura.

Amplia le varianti del regime economico del matrimonio per ottenere una maggiore autonomia dei coniugi nella decisione più favorevole ai loro interessi.

Abolisce l’inabilitazione giudiziaria e la tutela delle persone con disabilità, riconoscendo il diritto umano di esercitare la capacità giuridica da soli o con l’aiuto di un sostegno.

Sviluppa le possibilità di risoluzione armoniosa dei conflitti attraverso la mediazione o la conciliazione.

Rafforza il ruolo del Tribunale nelle controversie familiari, le competenze del Pubblico Ministero, la presenza di queste materie nel campo notarile e la responsabilità del Ministero della Giustizia nella difesa e protezione delle persone in situazioni vulnerabili nella sfera familiare.

Fornisce soluzioni ai conflitti transnazionali derivanti dalla migrazione o dalle relazioni tra cubani e stranieri.

Fonte: juventud rebelde

Traduzione: @Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

https://youtu.be/6n9DE95I_0Y

Potrebbero interessarti anche...