Cuba e l’ONU denunciano i crimini degli USA

Print Friendly, PDF & Email

L’ ambasciatrice cubana Mirthia Julia Brossard, nel suo intervento nella 49ª sessione del Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU ha espresso una condanna ai fatti di terrorismo nel mondo e a quelli patrocinati dagli USA.

La diplomatica cubana Mirthia Julia Brossard ha condannato gli atti terroristici nel mondo e quelli sponsorizzati dagli Stati Uniti nel suo discorso alla 49a sessione del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite a Ginevra, Svizzera.

La diplomatica ha fatto riferimento alla tossicità e all’odio praticato sulle piattaforme digitali e sulle reti sociali da gruppi basati nello stato meridionale della Florida, che invitano all’aggressione armata contro le Grandi Antille. “Ribadiamo la nostra denuncia degli attacchi terroristici contro le nostre ambasciate a Washington e Parigi nel 2020 e 2021“, ha detto, citato da Prensa Latina.

Mirthia Julia Brossard ha riaffermato l’impegno del paese caraibico ad affrontare il flagello sulla base della sua posizione storica di rifiuto e condanna degli atti, metodi e pratiche terroristiche in tutte le loro forme e manifestazioni.

Fionnuala Ní Aoláin, relatrice speciale sulla promozione e la protezione dei diritti umani e delle libertà fondamentali nella lotta contro il terrorismo, ha espresso preoccupazione per i risultati dell’indagine, dopo aver denunciato che 38 persone continuano ad essere detenute nella base navale di Guantánamo, un territorio cubano occupato, in chiara violazione del diritto internazionale. A questo proposito, l’ambasciatrice cubana ha precisato che questi elementi non hanno nulla a che vedere con il Governo dell’Isola.

La delegazione cubana ha anche condannato la violenza contro i bambini facendo invece notare che il nuovo anno scolastico è iniziato a Cuba con la tranquillità e con l’adeguata protezione contro il COVID-19 grazie ai propri immunogeni.

La diplomatica ha inoltre illustrato il processo di consultazione popolare sul progetto del nuovo Codice di Famiglia, che “collocherà Cuba tra i paesi più avanzati del mondo in materia familiare e rafforzerà la protezione e la promozione dei diritti dei bambini

Fonte: Granma

Traduzione: cuba-si.ch/it

Potrebbero interessarti anche...