Il volto noioso del discorso statunitense su Cuba

Print Friendly, PDF & Email

È profondamente fastidioso sentire la stessa cosa ogni volta che un rappresentante del governo americano parla di Cuba. “Sono in una situazione pessima sui diritti umani”, dicono spesso. Le libertà dei cittadini non sono rispettate”, “vivono in un paese insicuro, dove sono repressi”, “imprigionano i bambini”, “le prigioni sono piene di gente”. “I bambini sono imprigionati”, “le prigioni sono piene di prigionieri politici”, ripetono fino alla nausea, insieme ad altre sciocchezze infondate.

Non siamo perfetti, nessuno lo è. Non importa quante prove vengano presentate, la realtà cubana sarà sempre manipolata, distorta, fino a che il paese non diventi un “inferno in terra” agli occhi dell’opinione pubblica internazionale.

È lo stesso discorso ipocrita e doppiogiochista che persiste da più di 60 anni. Prendete, per esempio, l’ultima intervista rilasciata dall’incaricato d’affari dell’ambasciata statunitense a Cubanet, una delle piattaforme controrivoluzionarie in voga, finanziata dal capitale statunitense. Lì, ha affrontato temi banali come la migrazione e i diritti umani a Cuba, tra gli altri.

La “sinistra” umana nella terra della libertà

Ha parlato, come sempre, del “deterioramento” della situazione dei diritti umani sull’isola. Zúñiga-Brown, a quanto pare, non guarda le notizie nel suo paese. Non sa della brutalità della polizia che sta danneggiando l’integrità fisica di milioni di persone. George Floyd, Breonna Taylor, Amir Locke… troppi nomi di persone di colore, assassinate da coloro che avrebbero dovuto proteggerli, a causa dell’abuso di potere e del razzismo sistematico. Come se non bastasse trascinare un autista paraplegico fuori dalla sua macchina davanti a suo figlio di 3 anni.

Anche altre minoranze sono bersaglio dell’arbitrio. Secondo la stessa CNN, un media noto per il suo discorso reazionario verso Cuba, più di 2.600 latini hanno perso la vita per mano delle forze dell’ordine. Un rapporto pubblicato da Unidos US afferma che tra il 2014 e maggio 2021, 15.085 persone sono morte in custodia della polizia o in incontri con agenti.

Negano il divario di disuguaglianza sociale, ora ampliato dalla pandemia e dalla crisi economica. I poveri e i neri saranno sempre accusati, ovviamente, di essere “pigri e delinquenti”. Sì, in questo secolo queste forme di discriminazione persistono ancora, anche nell’acclamata “terra dei liberi”.

La disuguaglianza razziale, la violenza degli estremisti bianchi, le violazioni dei diritti degli immigrati e dei richiedenti asilo, così come le disparità economiche e il cambiamento climatico, sono state tra le aree principali di violazione dei diritti fondamentali negli Stati Uniti, secondo il rapporto di Human Rights Watch.

Con questa situazione interna, chi avrebbe il tempo di guardare altrove? Il governo degli Stati Uniti, a quanto pare, non è del tutto concentrato sulla propria agenda.

La politicizzazione della questione dell’immigrazione

L’incaricato d’affari ha anche fatto riferimento alla preoccupazione del suo governo per l’aumento del flusso di migranti. Nelle sue parole, “è importante dare a loro, al pubblico cubano, un modo per poter avere uscite legali, ordinate e sicure verso gli Stati Uniti dall’Avana”. Che ipocrisia.

Prima di tutto, essi stessi hanno reso inoperanti i servizi consolari nella capitale cubana, con il pretesto degli attacchi sonici. A questo punto, non sono stati in grado di trovare una sola prova dei presunti attacchi. Oltre a non rispettare gli accordi migratori firmati con Cuba, esercitano pressioni sui governi latinoamericani per chiudere i canali di emigrazione “sicura e ordinata” che dicono di difendere.

Secondo le dichiarazioni di Zúñiga-Brown, dopo la riapertura dei processi consolari saranno concessi solo visti per immigrati, non visti turistici e di breve durata. Questo dimostra l’intenzione di associare l’emigrazione a un processo definitivo e politicamente condizionato.

L’intervistato sostiene di voler mandare un messaggio “chiaro e forte”: “saranno rimandati indietro se cercheranno di andare in un modo che non sia ordinato, sicuro e formale”. È estremamente contraddittorio, quando il governo mantiene una politica di incoraggiamento all’emigrazione illegale, con la permanenza del Cuban Adjustment Act.

Identifica “la mancanza di opportunità economiche, la mancanza di sicurezza dei cittadini e la mancanza di rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali” come le cause delle partenze in massa. Lo stesso ritornello, di nuovo.

L’impatto di più di mezzo secolo di persecuzione economica si nota nelle diverse sfere dello sviluppo nazionale. Il governo degli Stati Uniti e il suo blocco sono in gran parte responsabili delle carenze interne. Loro stessi hanno il loro #BareShelvesBiden, ma chiudono un occhio quando puntano il dito contro Cuba.

Insicurezza dei cittadini, 11 luglio e Biden

Se Cuba è un paese così insicuro, come sostiene il capo della diplomazia americana a Cuba, come può lui stesso muoversi nella nazione senza guardie del corpo e auto blindate? Questo è molto più di quanto i rappresentanti stranieri possano dire nella loro patria.

Oltre al già citato problema della brutalità della polizia, più di un presidente del nord è stato assassinato. Niente del genere è mai successo a Cuba, e la lista dei tentativi di assassinio del comandante in capo è ampia, con una preponderanza di azioni della CIA.

Come parte di un copione consolidato, ritorna alla retorica delle “proteste pacifiche” dell’11 luglio e alla detenzione dei “prigionieri politici”. È stato provato fino alla nausea che c’è stata violenza, furto e vandalismo nelle rivolte. Quindi non c’era pace. Inoltre, secondo il diritto internazionale, coloro che hanno commesso crimini in questo contesto non possono essere considerati in questa categoria.

Un’altra discordanza nelle dichiarazioni del rappresentante degli Stati Uniti è la presunta “posizione coerente” dell’amministrazione di Joe Biden nei confronti dello stato caraibico. Ciò che era iniziato con l’intenzione dichiarata di riprendere la politica di Obama durante la campagna presidenziale, è passato a rimuovere Cuba dalle priorità del governo all’inizio. Poi, improvvisamente, dopo gli eventi del luglio 2021, sembravano rivolgere le loro mire sull’isola.

Tuttavia, è diventata chiara la continuità della politica ostile nei confronti della repubblica delle Antille. Il finanziamento dei programmi sovversivi non si è mai fermato, né l’intensificarsi delle pressioni economiche che hanno un tale impatto sulla vita quotidiana dei cubani.

A nessuno piace ascoltare un disco rotto. Lascia perplessi, provoca fastidio e repulsione. Passano gli anni, ma il discorso di discredito rimane intatto, a volte con parole diverse, ma con un’essenza inalterabile. Se devono parlare male di noi, il minimo che possiamo aspettarci è un pò di creatività.

Volete il benessere per il popolo? Viviamo in pace. Né più né meno.

Fonte: Razones de Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...