Spiaggia di Cajobabo: Il piccolo sbarco di due grandi

Print Friendly, PDF & Email

L’11 aprile 1895 José Martí e Máximo Gómez sbarcarono con una barca a Playita de Cajobabo, sulla costa meridionale dell’attuale provincia di Guantánamo. Poco più di un mese prima, il 24 febbraio, era iniziata la Guerra Necessaria, e loro ne erano stati i principali organizzatori.

Dell’arrivo di Martí e Gómez sull’isola, Cuba ha parlato con Luis Acosta Machado, professore alla facoltà di filosofia, storia e sociologia dell’Università dell’Avana.

Cosa stava succedendo nei campi degli insorti quando Martí e Gómez arrivarono?

Bisogna ricordare che il primo aprile di quell’anno, 1895, Antonio Maceo era sbarcato a Duaba. A quel tempo l’Oriente era già in guerra. Maceo si mise subito in contatto con le truppe ed ebbe immediatamente più di 3.000 soldati. Cominciò a operare, facendo proclami, dando ordini, eseguendo combattimenti, addestrando i suoi uomini….

Questa era la situazione nell’Est. Tuttavia, la guerra doveva essere portata a Camagüey. È stata una delle regioni che si rifiutava di insorgere come previsto.

Com’era la traversata?

È stato un viaggio piuttosto accidentato. Sono partiti dalla Repubblica Dominicana per Haiti e poi per le Grandi Antille. In un luogo relativamente vicino alla costa, scesero dalla barca e sbarcarono in una barca a remi, in mezzo a un mare molto agitato. È stato quasi un miracolo che siano riusciti ad arrivare a Playita de Cajobabo e che non siano finiti sugli scogli, perché quella era quasi l’unica spiaggia nelle vicinanze.

Un’opzione ricorrente nella storia del mondo è che parte della direzione politica dei movimenti rimanga in esilio. Perché Martí si è recato sul campo di battaglia?

Martí volle partecipare all’organizzazione di quella che mesi dopo divenne l’Assemblea di Jimaguayú, per stabilire la struttura di governo e tutto il resto. Voleva essere presente e proporre le sue idee. La tragica battaglia di Dos Ríos ha interrotto il piano.

Gómez e Maceo non volevano che Martí andasse in guerra. Gómez sapeva che era il suo principale organizzatore, l’anima stessa del movimento, e si rifiutò di permettergli di andare sul campo di battaglia.

Martí ha convinto El Generalissimo a venire e poi a partire per gli Stati Uniti. Usò come uno dei suoi argomenti che il giornale Patria aveva pubblicato che la loro partenza per Cuba era un fatto compiuto.

Da un punto di vista etico-morale, era importante per lui partecipare; era lui che invocava la guerra, faceva discorsi patriottici sulla sua importanza, scriveva su Patria… Avrebbe potuto essere accusato di essere un piromane o un codardo. Il suo prestigio sarebbe diminuito se non fosse andato sul campo di battaglia dopo essere stato il principale promotore; avrebbe dato le armi ai suoi avversari che durante la preparazione gli avevano reso la vita abbastanza difficile in emigrazione.

Dal punto di vista individuale, era una persona di estrema sensibilità. Ha sofferto gli orrori del colonialismo. Non poteva riconoscersi come uomo, come uomo pro-indipendenza, se non andava alla conflagrazione. Politicamente, Martí sapeva che la futura repubblica sarebbe stata costruita nella guerra; i suoi pilastri sarebbero emersi dalla manigua.

Fonte: CubaSi

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...