Denunciato il piano degli Stati Uniti di espellere Cuba dal Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite

Print Friendly, PDF & Email

Katu Arkonada, politologo basco e membro della Rete di intellettuali in difesa dell’umanità, ha denunciato che gli Stati Uniti stanno finanziando, attraverso il National Endowment for Democracy (NED), un progetto contro Cuba che mira ad espellere l’isola dal Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite.

“Fonti a Washington mi informano che gli Stati Uniti stanno finanziando un progetto contro Cuba, Nicaragua, Venezuela e Bolivia attraverso il NED. Nel caso cubano si chiama #IslaPrisión e l’obiettivo è quello di espellere Cuba dal Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite”, avverte l’intellettuale sul suo account Twitter.

Il progetto fa parte di una strategia di epurazione per il recente voto contro l’uscita della Russia dal Consiglio dei Diritti Umani“, sostiene Arkonada, indicando Orlando Gutiérrez Boronat, leader dell’organizzazione terroristica Directorio Democrático Cubano, con sede a Miami, come il principale motore di questa nuova manovra anti-Cuba.

La Direzione Democratica Cubana è stata una delle organizzazioni che hanno chiesto l’intervento militare degli Stati Uniti a Cuba l’anno scorso, ed è uno dei principali canali d’azione della nota lobby anticubana la Fundación Nacional Cubano-Americana.

Nel 2021, il Consiglio ha ricevuto “pubblicamente” 650.000 dollari per le sue attività sovversive, denuncia Arkonada.

Secondo il politologo basco, il progetto #IslaPrisión non è un progetto proprio del Consiglio, ma fa parte di una strategia globale del Dipartimento di Stato americano.

“In Europa operano attraverso le ONG “Center for a Free Cuba” (@cubacenter), “Observatorio Cubano de Derechos Humanos” (@observacuba) e “Cuban Prisoners Defender””, aggiunge l’intellettuale.

A quanto pare, l’idea centrale del piano #IslaPrisión è di condannare Cuba al Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite.

A questo scopo, Gutiérrez Boronat, e altri membri del settore più violento dell’ultradestra maya, sono già in Svizzera.

“Oltre a una campagna mediatica, a Ginevra intendono mostrare materiale audiovisivo manipolato sui disordini dell’11 e 12 luglio 2021 a Cuba, con testimonianze dei parenti delle persone arrestate e condannate per gli eventi violenti”, sostiene Arkonada.

Come è successo in casi precedenti, e in linea con i manuali di guerra non convenzionale applicati dagli Stati Uniti nella regione, dopo l’offensiva mediatica e nel Consiglio dei Diritti Umani, si farà pressione in alcuni ministeri degli esteri e nel Parlamento europeo, con l’obiettivo di far aderire questi paesi alla “soluzione finale” statunitense.

Arkonada avverte che questo piano anticubano cerca di espellere Cuba dall’organismo dell’ONU, ma anche di mettere fine agli accordi di cooperazione tra Cuba e l’Unione Europea.

“Se è già ipocrita per gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita espellere la Russia dal Consiglio dei Diritti Umani, sembra ancora più immorale dare voce e voto alle stesse organizzazioni che sostengono l’intervento militare a Cuba, ma non condannano le torture nella base illegale di Guantánamo”, denuncia il politologo.

Secondo Arkonada, “il declino dell’imperialismo statunitense è una realtà, ma man mano che il mondo multipolare si consolida, la democrazia svanisce e l’interferenza diventa più acuta”.

Il Consiglio dei Diritti Umani è usato come un’arma politica, oggi contro la Russia o Cuba, domani contro qualsiasi paese considerato “pericoloso”, conclude.

Nel 2020, Cuba è stata eletta con voto segreto, diretto e individuale di 170 membri dell’Assemblea Generale dell’ONU al Consiglio dei Diritti Umani, un organismo composto da 47 stati membri responsabile della promozione e protezione di tutti i diritti umani nel mondo.

Cuba è un membro fondatore del Consiglio dei Diritti Umani dell’ONU, ed è stata eletta come membro per cinque volte consecutive, occupando uno degli otto seggi riservati al Gruppo degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi.

Secondo il Ministero degli Affari Esteri, Cuba si comporta nel Consiglio dei Diritti Umani con la propria voce costruttiva, con la sua esperienza di paese in via di sviluppo che sostiene il dialogo e la cooperazione, contrariamente agli approcci punitivi e alla selettività, a favore della promozione e protezione di tutti i diritti umani per tutti.

Fonte: Cubainformación

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...