I bambini di Chernobyl a Cuba: una storia non raccontata

Print Friendly, PDF & Email

Il 29 marzo 2022 ricorre il 32° anniversario dell’arrivo a Cuba di 139 bambini provenienti da Russia, Ucraina e Bielorussia, dopo l’impatto causato dell’esplosione del quarto reattore della centrale nucleare di Chernobyl. Quel giorno nacque il programma umanitario più lungo della storia dell’umanità.
Cubaperiodistas riprende la data e propone queste storie pubblicate nelle sue pagine, come contributo e incoraggiamento per la vera pace e per un mondo migliore.

A titolo di introduzione…

Un giorno del 2011, l’artista visiva peruviana Sonia Cunliffe visitò la località balneare di Tarará. La sua attenzione venne attirata da bambini calvi che facevano il bagno sulla spiaggia. Chiese chi fossero e loro risposero: i bambini di Chernobyl. Era scioccata, ma in quel momento non sapeva altro. Poi nel 2015, per caso, ci incontrammo e mi chiese se sapevo di quella storia. Le dissi quello che avevo nella mia memoria. Insistette nel voler fare una mostra sull’argomento e mi chiese di collaborare alla ricerca. Accettai con esitazione. Oggi le sono infinitamente grato. Il mio fratello medico mi diede il primo contatto: il dottor Julio Medina e lui mi portò da altri medici, da interpreti di pazienti, da centri di ricerca, dal Centro Cubano d’Igiene delle Radiazioni e dagli ospedali; gli archivi dei giornali Granma e Juventud Rebelde aprirono per me scatole e giornali; i colleghi mi diedero archivi di film e così di porta in porta e per un anno completai la ricerca che servì come base per il progetto della mostra che ebbe successo in più di un paese; una delle esperienze professionali più belle della mia vita.

Secondo il dottor Julio Medina, che fu direttore del programma per la maggior parte dei 21 anni della sua durata, il Ministero della Salute Pubblica cubano creò una commissione di specialisti in ematologia, oncologia, endocrinologia, clinica e altre specialità, che inviò in Ucraina. Una volta lì, in contatto con le autorità sanitarie ucraine e con l’aiuto del Komsomol, i medici iniziarono a valutare la situazione, organizzarono consultazioni e iniziarono a lavorare sul campo con i pazienti avevano bisogno di cure mediche urgenti. I più malati, il primo gruppo, sono selezionati.

È qui che inizia la storia…

Alcuni anni dopo l’esplosione del quarto reattore della centrale nucleare di Chernobyl, l’allora URSS chiese aiuto al mondo per alleviare gli effetti dell’esplosione nucleare sulla sua popolazione, soprattutto bambini. Cuba fu subito pronta ad aiutare. Tuttavia, questo non è stato il caso di molti paesi del mondo sviluppato, il cui aiuto è stato generalmente scarso rispetto alla domanda e all’urgenza della catastrofe.

Un giorno del 1989, l’allora segretario generale del Komsomol o gioventù comunista in Ucraina, Anatoli Matvienko, in un ricevimento ufficiale si rivolse al console cubano Sergio López ed espresse la sua preoccupazione per lo stato dei bambini ucraini dopo l’incidente nucleare di Chernobyl.

Lilia Pilitay ha raccontato al giornalista Julio Morejón di Juventud Rebelde all’Avana (bisogna dire che, per quanto ne sappiamo, Lilia Pilitay rimane una fedele amica di Cuba e una sostenitrice della riapertura del programma umanitario) che dopo le consultazioni con la direzione del paese, in particolare con Fidel sul delicato compito, tutto il processo di quello che sarebbe poi diventato il programma umanitario si è messo subito in moto. Infatti, come risultato della rapida azione di Sergey, la frase “Lavora come Sergey” divenne popolare nel Komsomol ucraino.

Fu organizzato il primo volo per Cuba di 139 bambini molto malati, principalmente con problemi oncoematologici. Arrivarono all’Avana il 29 marzo 1990 alle 20.46 con un volo Aeroflot. Fidel stesso li incontrò sui gradini dell’aereo e gli ospedali pediatrici Juan Manuel Márquez e William Soler e l’Istituto di ematologia erano già pronti a riceverli. Quella stessa notte iniziarono i preparativi per un programma che avrebbe potuto curare contemporaneamente migliaia di bambini delle regioni più colpite di Russia, Bielorussia e Ucraina.

Come fu organizzato il programma di assistenza ai bambini di Chernobyl a Cuba?

Nel 1990, il dottor Carlos Dotres era il direttore dell’ospedale pediatrico William Soler. Quando nel 1981 si verificò a Cuba l’epidemia di febbre emorragica dengue, che ebbe un forte impatto sulla popolazione infantile, il dottor Carlos Dotres fu determinante nell’organizzare un massiccio programma di assistenza ai bambini vittime dell’epidemia. Nella città dei Pionieri di José Martí a Tarará, 75.000 bambini cubani furono trattati con interferone allo scopo di fornire loro un trattamento immunologico. Sulla base di quella esperienza, al dottor Dotres fu chiesto di contribuire alla creazione di un programma completo in grado di curare 10.000 bambini colpiti dall’incidente nucleare di Chernobyl nello stesso Balneario de Tarará, a est dell’Avana.

La creazione del programma prese in considerazione non solo i bambini malati, ma anche la loro presenza in siti contaminati con impatti significativi sull’acqua, il cibo e l’ambiente in generale. Tre repubbliche dell’ex URSS furono fra le più colpite a causa della loro vicinanza alla zona del disastro: Russia, Bielorussia e Ucraina, quest’ultima particolarmente colpita perché c’era poco iodio nell’acqua consumata dalla sua popolazione. In questo modo le ghiandole tiroidee – soprattutto nei bambini – erano ghiandole avide per il consumo di iodio radioattivo rilasciato nell’ambiente dall’esplosione nucleare. Così si prospettò che le malattie legate alla tiroide sarebbero state quelle con la più alta incidenza nel corso degli anni. Le cure successive confermarono questa affermazione medica.

Da questo punto di partenza, gruppi interdisciplinari cubani iniziarono a studiare e ricercare un argomento di cui Cuba non aveva esperienza. Tra gli elementi conclusivi per la cura di questi pazienti c’era il fatto che se la popolazione poteva essere spostata da un ambiente contaminato a un ambiente pulito, l’organismo aveva maggiori possibilità di recuperare più rapidamente.

Il dottor Carlos Dotres, che fu ministro della salute pubblica di Cuba dal 1995 al 2002, confermò che il programma fu concepito con due obiettivi generali: curare i bambini che si erano ammalati a causa della catastrofe, e portare i bambini in una zona pulita dove potessero essere osservati e studiati al fine di fornire un progetto di cura che portasse al follow-up medico nei loro paesi d’origine.

Il programma aveva anche altri obiettivi, come la caratterizzazione clinica di tutti i bambini, classificati secondo la loro provenienza da medici cubani e da medici dei paesi coinvolti. Erano divisi in quattro gruppi: i molto malati che venivano direttamente negli ospedali e negli istituti medici e di ricerca. Un secondo gruppo prese in considerazione l’alto impatto psicologico che ha portò alle cosiddette malattie psicosomatiche come la psoriasi, l’alopecia e altre. Il terzo gruppo non aveva sintomi complessi e il quarto gruppo era classificato come bambini relativamente sani.

Inizialmente, a Tarará furono creati dei letti d’ospedale per 350 bambini. Furono stabilite aree specializzate in base alle malattie che presentavano e medici e infermieri rimasero con loro in modo permanente. I servizi stomatologici specializzati furono progettati anche sulla base di ipotesi sull’incidenza delle radiazioni nella proliferazione della carie e di altre malattie orali; un alto tasso di bambini aveva la carie. A tutti loro fu misurata la radiazione presso il Centro di Igiene delle Radiazioni di Cuba e dopo i risultati si determinato se fosse necessario eseguire studi genetici. A Tarará fu creato un settore per i bambini che richiedevano un trattamento di istoterapia placentare per la caduta dei capelli e la psoriasi, diretto direttamente dal dottor Carlos Manuel Miyares Cao, creatore di una ventina di prodotti per trattare queste patologie e altre come la vitiligine, a base di placenta umana. Un programma di assistenza psicologica fu anche implementato per i bambini.

In ogni gruppo che arrivava, medici e professori venivano dai loro paesi, perché a Tarará si organizzavano anche le condizioni per continuare i loro studi. Una guida veniva ogni dieci o quindici bambini, e i più malati erano accompagnati dalla madre o dal padre. Vicino agli ospedali dove venivano ricoverati i bambini più malati, si costruirono delle case affinché le loro famiglie potessero stare vicine, specialmente quelle che rimanevano ricoverate per lunghi periodi, anche anni. Questo programma ebbe diverse fasi e fu concepito e realizzato gratuitamente per 21 anni.

Nel marzo 1990, il primo gruppo di bambini delle zone colpite dall’esplosione del quarto reattore della centrale nucleare di Chernobyl arrivò a Cuba. A luglio dello stesso anno, con il lavoro volontario di migliaia di cubani, quasi tutte le strutture delle terme di Tarará erano state restaurate per l’accoglienza di massa dei bambini provenienti da Russia, Bielorussia e Ucraina.

Fin dall’inizio, il Ministero della Salute Pubblica cubano guidò e diresse il programma e tutte le istituzioni sanitarie e i centri di ricerca della capitale furono coinvolti, data l’ampiezza e la complessità del programma e il difficile periodo che stava iniziando per Cuba dopo la scomparsa del Campo Socialista e la disintegrazione dell’URSS nel 1991. Allo stesso modo, tutta la società, in un modo o nell’altro, fu coinvolta nel volontariato, con traduttori, professionisti di diversi settori e lo stesso sistema educativo cubano.

Per esempio, il Ministero delle Comunicazioni garantì la comunicazione telefonica dei bambini con le loro famiglie a casa, il Ministero dei Trasporti sostenne il trasporto dei pazienti agli ospedali, ai centri medici e alle escursioni come parte della loro riabilitazione psicologica. Inoltre, in coordinamento con il Ministero della Cultura, furono organizzate attività culturali a Tarará per portare gioia ai bambini che vivevano lì.

I paesi coinvolti garantirono il trasporto aereo verso Cuba, il resto delle cure fu assunto da Cuba gratuitamente.

Il dottor Julio Medina, parte dell’equipe del programma medico fin dal suo inizio e suo direttore dal 1998, disse che in queste condizioni, il programma fu sostenibile grazie al sistema politico che ha reso possibile la mobilitazione e l’organizzazione delle risorse, la forza del sistema sanitario cubano e l’immensa umanità dei professionisti della salute dell’isola, che condivisero la cura dei bambini cubani accanto a quelli di Chernobyl, negli stessi reparti dell’ospedale della capitale.

Nel corso del tempo, il programma si è evoluto in quelle che oggi chiameremmo diverse fasi. Nella prima fase, fino al 1992, i pazienti erano comuni a tutti e tre i paesi. Dopo quella data, il numero di bambini russi e bielorussi diminuì e il numero di bambini ucraini rimase notevole.

Durante i primi dieci anni, circa 2.000 persone, compresi i bambini e i loro accompagnatori, furono permanentemente a Tarará, con un alto livello di occupazione; quelli recuperati tornarono ai loro paesi e altri arrivarono a Cuba. In quella prima fase, i voli per l’Avana furono pagati congiuntamente dai fondi internazionali per gli aiuti umanitari alle vittime di Chernobyl e altri sforzi internazionali.

Più tardi, però, le possibilità di trasporto aereo divennero più complesse e i bambini dovettero essere portati con voli regolari, il che rese più difficile il loro arrivo. Così, Cuba ha organizzò con il governo ucraino quote per circa 600 bambini che corrispondevano alle loro possibilità di trasporto e la preparazione delle infrastrutture necessarie a Tarara.

Questa è la fase descritta come la più difficile del programma, che ha comportato la sua progettazione e realizzazione, la cura dei bambini più malati e delle loro famiglie, che hanno anche ricevuto assistenza medica. È la fase della sperimentazione in campo scientifico e medico e, naturalmente, dell’apprendimento e della sistematizzazione dei risultati raggiunti per la loro successiva analisi e presentazione alle convenzioni internazionali che darebbero conto dei risultati del lavoro medico e scientifico realizzato.

Un passo verso una seconda fase del programma può essere considerato quello che il dottor Julio Medina descrive come la soluzione raggiunta per garantire il seguito del programma a Cuba con l’apertura di un programma medico simile in Ucraina nel 1998, in un sanatorio in Crimea. Lì, il lavoro congiunto è stato svolto da specialisti cubani e ucraini che hanno fornito assistenza medica, superando così le limitazioni del trasporto aereo.

Tarara e Crimea sono state mantenute fino alla fine del programma umanitario nel 2011. Questo ha contribuì negli anni al rafforzamento del sistema sanitario ucraino e alla gestione più efficace dell’impatto dell’incidente nucleare sulla popolazione ucraina. Sempre alla fine degli anni ’90, in questa nuova fase, si cominciarono a sviluppare alternative di trattamento nell’Istituto di Ematologia di Kiev; e la collaborazione tra l’isola e l’Ucraina favorì la cura dei pazienti in entrambi gli scenari sulla base dell’esperienza acquisita a Cuba, la ricerca congiunta e l’applicazione di protocolli internazionali per la cura medica in questi casi.

Il programma continuò fino al 2011, nell’ultima fase, con meno pazienti sull’isola, tenendo conto della massiccia concentrazione e dello sforzo dei primi due periodi. Si consolidarono le pratiche mediche e scientifiche, che rappresentarono uno sforzo di migliaia di professionisti cubani: furono tradotti in spagnolo testi e riferimenti relativi all’argomento, che furono molto utili nella misurazione delle radiazioni e nella loro successiva interpretazione.

Dal 1990, il Centro Cubano di Igiene e Protezione dalle Radiazioni sta realizzando studi dosimetrici e biomedici per valutare l’impatto dell’incidente, che sono stati di grande utilità per determinare i livelli di contaminazione, stimare le dosi di irradiazione e la loro influenza sulla tiroide, così come monitorare le patologie derivate dalla contaminazione nelle località di origine. I professionisti di questo centro di ricerca conservano ancora nei loro archivi sia l’equipaggiamento e le attrezzature utilizzate (alcune delle quali realizzate da loro stessi) sia le registrazioni originali delle loro ricerche.

Questo ha contribuì a creare un’importante base di dati, considerata dagli esperti internazionali l’unica al mondo, che fa dello studio realizzato a Cuba una delle fonti più riconosciute per la valutazione dell’impatto radiologico dell’incidente di Chernobyl.

D’altra parte, il programma non è stato solo un’esperienza medica e scientifica, ma anche una simbiosi umana e culturale: i bambini con lunghi soggiorni a Cuba hanno continuato le loro lezioni, è stata stimolata la fraternizzazione tra i bambini cubani e ucraini in danze, giochi, escursioni, pasti e costumi da una parte e dall’altra. Tradizioni dell’isola, come la celebrazione del quindicesimo compleanno degli adolescenti cubani, sono state praticate anche con gli adolescenti di Chernobyl, e ognuno di loro che ha compiuto quindici anni a Cuba ha tenuto la sua festa in omaggio.

Le testimonianze di molti professionisti e pazienti cubani che hanno vissuto a lungo sull’isola e altri che sono rimasti a vivere per sempre a Cuba sono di grande importanza per capire la dimensione del programma umanitario. Le loro storie sono anche voci di Chernobyl.

Testimonianze: Dr. Xenia e Dr. Obed. I traduttori: Nilda e Osvaldo

Xenia…

Nel 1990, la dottoressa Xenia Laurenti si stava preparando a partire per una missione medica, prima in Nigeria e poi in una zona della Siberia nell’ex URSS con specialisti argentini. Quando avvenne l’incidente di Chernobyl, aveva già finito la sua formazione in russo a Cuba e le fu chiesto di unirsi al programma medico a Tarara. Partecipò come medico al programma fino alla sua conclusione nel 2011 ed è nota per il suo rapporto speciale con i pazienti e le loro famiglie, che continua ancora oggi.

La dottoressa Xenia è stata testimone non solo della cura di quei bambini, ma anche del ritorno di molti di loro per occuparsi dei loro figli a Cuba. Fece parte dell’equipe medica che dopo il 1998 ha lavorato nelle terme di Eupatoria in Crimea per seguire le cure mediche che erano indicate a Cuba o che erano fornite direttamente lì. Ha trascorso due anni in Eupatoria e ha assistito all’evoluzione dei pazienti che vanno dai bambini agli adulti con le loro famiglie o i loro stessi figli, anch’essi colpiti dalle conseguenze della catastrofe nucleare.

Xenia ricorda Saslavsky, che arrivò a Cuba all’età di nove anni. Le fu diagnosticata una malattia neurologica con deformità ossee multiple. Fu curata al Centro Internazionale di Riabilitazione Neurologico (CIREN) dove subì diverse operazioni. Dopo più di dieci anni a Cuba, è tornata a piedi in Ucraina. La dottoressa Xenia ricorda anche che la madre di Saslasvsky è stata con suo figlio durante tutto quel tempo senza mai visitare il suo paese ed è stata un fattore decisivo nella sua riabilitazione.

Ricorda il caso di Stephanie, che arrivò a Cuba all’età di quattro anni con un angioma cavernoso, una malformazione vascolare molto complessa che causò importanti deformazioni facciali. Subì diversi interventi chirurgici e innesti maxillo-facciali nel corso degli anni e tornò in Ucraina nel novembre 2011 con notevoli progressi nella sua malattia e nel suo aspetto fisico. Stephanie è ricordata per la sua cordialità, per aver imparato molto bene lo spagnolo. L’ormai giovane donna visitò in seguito Cuba con sua madre, cercò la dottoressa Xenia e quando si sposò per la seconda volta, molti dei suoi pazienti vennero a Cuba per festeggiare insieme. La sua gioventù è stata trascorsa nel quadro di un programma. I suoi archivi personali sono una passeggiata attraverso la sua vita, amorevole e piena.

Obed…

Il dottor Obed Hernández ha lavorato a Tarará dal 1989, quando il resort era il campo dei pionieri di José Martí per i bambini cubani in vacanza. Dopo che fu convertito in un luogo per la cura dei pazienti di Chernobyl, è rimasto a lavorare lì. Obed ricorda soprattutto l’impatto psicologico con cui arrivarono, con un terrore collettivo e un sentimento di sradicamento molto forte, soprattutto quelli che venivano da Pripyat, dove avevano lasciato tutti i loro averi e ricordi. Obed conferma che praticamente nessuno dei bambini che erano venuti era completamente sano, e più del 70 per cento aveva una malattia della tiroide.

Il dottor Obed fece abche parte del team medico cubano in Crimea per due periodi, uno di tre anni e uno di cinque anni. Lì ha incontrato e sposato una donna ucraina. Tra i suoi ricordi c’è la cura in Ucraina di un bambino vittima di un incidente stradale il cui padre andò a trovarlo per chiedere aiuto per i politraumi di cui soffriva. Dopo un anno a Cuba, il ragazzo era in grado di camminare.

Nilda…

Il servizio di traduzione a Tarará è stato mantenuto 24 ore su 24. I traduttori fecero turni a rotazione e furono essenziali nella connessione comunicativa ed emotiva con il personale medico e paramedico cubano. María Nilda Báez racconta che passando così tanto tempo con i bambini, le relazioni diventarono familiari. Iniziò a Tararà nel servizio di fisioterapia e ricorda Denis, che all’epoca era un bambino a cui era stata diagnosticata una paralisi cerebrale e non poteva camminare. Subì due operazioni all’ospedale Frank País, ebbe una lunga riabilitazione e tornò al suo paese camminando con l’aiuto di bastoni. Nilda lo vide in Ucraina nel 2011, lo visitò a casa sua e condivise con la sua famiglia. Oggi ha più di 30 anni e ancora si scrivono e comunicano. Le manda delle foto e la tiene aggiornata sulla sua vita.

Osvaldo…

Osvaldo Cruz era un insegnante di lingua russa e quando arrivò la richiesta di persone che conoscessero il russo, si unì al programma per tre mesi, che si trasformò in 20 anni. Prima dovette studiare molto per imparare la terminologia medica. Partecipò come traduttore non solo con i pazienti ma anche con le delegazioni russa, bielorussa e ucraina in visita a Tarara.

Ricorda che quando i bambini arrivarono erano imbarazzati per le loro macchie e la mancanza di capelli, ma quando iniziarono a interagire tra loro acquisirono fiducia e non si nascosero più. Ricorda le feste di quinceañera per le ragazze adolescenti. Ogni tre mesi facevano una festa collettiva, affittavano i loro abiti per l’occasione e preparavano il valzer per la festa. Fu anche organizzata la giornata della Jovencita Tarará (Giovane Tarará), in cui veniva scelta una giovane donna gentile, con capacità di canto e di ballo e che parlava bene lo spagnolo. Osvaldo racconta che i bambini apprezzavano molto queste occasioni. Osvaldo ricorda Mikhail, il ragazzo che gli stava incollato tutto il tempo e i cui genitori gli scrivevano di prendersi cura di lui. Suo figlio e Mikhail divennero amici intimi. Anche l’Ucraina ha fatto parte dell’esperienza di Osvaldo nel programma per due anni. Lì ha trovato il suo amore. E quegli amori reciproci, in molti modi, che perdurano ancora oggi… in quei bambini che hanno fatto di Cuba la loro altra patria per sempre.

In 21 anni di attività gratuita e di alta qualità, il programma umanitario per i bambini di Chernobyl a Cuba ha dato – lungo la strada – non solo risultati sanitari, ma anche la possibilità di sistematizzazione medica e scientifica delle sue applicazioni in tutti i campi. Il programma ha adottato il nome di Programma Cubano di Attenzione Medica Integrale ai bambini legati all’incidente di Chernobyl e la sua collocazione formale è stata tra il 29 marzo 1990 e il 24 novembre 2011. La sua sede è stata stabilita nell’Ospedale Pediatrico Tarara in coordinamento con altre istituzioni ospedaliere del sistema sanitario cubano, istituzioni e organizzazioni del paese, e sono stati trattati 26.114 pazienti provenienti da Russia, Bielorussia e Ucraina.

Il rapporto che ha chiuso il programma, esprime sia i dati generali del programma che i suoi risultati più rilevanti:

ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI:

I servizi medici sono stati strutturati ai tre livelli di assistenza medica:

  • Livello primario: cure mediche complete offerte da medici di famiglia e infermieri nelle case Tarará dove sono alloggiati i pazienti.
  • Livello secondario: fornito nell’ospedale Tarará e in diversi servizi di ospedali pediatrici e clinico-chirurgici nella capitale del paese.
  • Livello terziario: fornito in istituti e centri specializzati con tecnologia all’avanguardia.

PROGRAMMA DI ASSISTENZA MEDICA:

  • Esame medico completo di tutti i pazienti all’arrivo, preparazione dell’anamnesi e dispensazione nella prima settimana.
  • Esami generali di laboratorio a tutti i pazienti, volti a confermare e valutare le malattie a cui si fa riferimento; e diretti ai principali organi colpiti dalle radiazioni ionizzanti.
  • Studi di imaging.
  • Esami specializzati secondo le indicazioni mediche e in corrispondenza delle particolarità di ogni paziente.
  • Interconsultazione specializzata secondo le necessità.
  • Trattamento medico completo e riabilitazione.
  • Riabilitazione psicologica che include consultazioni con specialisti, attività di gruppo e un ampio programma culturale ricreativo che include visite a musei, zoo, acquari, ecc.
  • Cura stomatologica completa.
  • Misure dosimetriche e stima della prognosi.
  • Sorveglianza epidemiologica igienica.

INFORMAZIONI STATISTICHE

PaísNiñosAdultosTotal
Moldavia224
Armenia9211
Rusia27152132928
Bielorrusia67159730
Ucrania18477396422441
Total21874424026114

L’86% dei pazienti ricevuti proveniva dall’Ucraina, l’11,2% dalla Russia e il 2,8% da Bielorussia, Armenia e Moldavia.

DISTRIBUZIONE DEI BAMBINI PER SESSO

FemeninosMasculinosTotal
12471940321874

Il 57% dei pazienti erano donne e il 43% uomini.

FASCE DI ETÀ NEI BAMBINI

Grupo 
Menores de 5 años2203
5 a 94814
10 a 1412480
15 y +2377
Total 21874
  • El 57% correspondió a las edades entre 10 y 14 años
  • El 22% correspondió a las edades entre 5 y 9 años
  • El 11% correspondió a las edades de 15 y más
  • El 10% correspondió a los menores de 5 años

Interconsulenze effettuate

Por especialidad y orden alfabéticoTotal%
Alérgicas271712,4%
Cardiovasculares15617,1%
Dermatológicas922542,1%
Endocrinas1282259 ,6%
Estomatológicas734633,5 %
Fisiatría220910,0 %
Gastroenterológicas1063448, 6%
Genéticas4932,2 %
Ginecológicas7143,2 %
Hematológicas3891,7 %
Inmunológicas14476,6 %
Neumológicas9234,2 %
Neurológicas11145,0 %
Nefrológicas10504,8 %
Oftalmológicas21109,6 %
Oncológicas1170,5 %
Ortopédicas658130 %
Otorrinolaringológicas475821,7%
Psicológicas12595,7 %
Reumatológicas6342,9 %

Va notato che la maggior parte dei pazienti erano portatori di più di una malattia cronica.

MALATTIE MAGGIORI

Disturbi endocrini

Il 59,6% dei pazienti presenta disturbi del sistema endocrino, i più frequenti dei quali sono:

  • Iperplasia tiroidea IA 23,1%.
  • Iperplasia tiroidea IB 12,2 %.
  • Iperplasia tiroidea di grado II 4,3 %
  • Iperplasia tiroidea di grado III 1,1 %
  • Altre endocrinopatie 18,9 %.

Molti di questi pazienti migliorano solo con il contatto con un ambiente naturale ricco di iodio, sono stati valutati, trattati e tornati guariti con raccomandazioni specifiche.

All’interno del gruppo delle altre endocrinopatie, sono state evidenziate l’obesità esogena, la ginecomastia e la bassa statura.

Disturbi del sistema digestivo

(48,6%) hanno presentato disturbi digestivi come:

  • Il dolore addominale ricorrente era il motivo principale della consultazione.
  • Gli studi endoscopici sono stati eseguiti nel 60% delle persone colpite, poiché soddisfacevano i criteri.

I risultati endoscopici erano legati a:

  • Nell’esofago, ernia iatale 5,7%.
  • Nello stomaco, gastrite cronica nel 54,8%, iperplasia linfoide nel 12,8%, gastrite acuta nel 1,7%, polipi gastrici nel 1,7%.
  • Nel duodeno, duodenite cronica nel 39,5%, iperplasia linfoide nel 6,4%.
  • Negli strisci parassitologici duodenali, la positività per la giardiasi era del 34,5%.

A Cuba, con il cambiamento delle abitudini alimentari, la diagnosi, il trattamento e la riduzione dello stress, tutti sono tornati guariti o migliorati.

Disturbi dermatologici

I disturbi dermatologici rappresentavano il 42,1% dei disturbi:

  • Vitiligine con il 22,2% delle persone colpite e il 90,3% di ripigmentazione.
  • Alopecia con il 14,3 % colpito e crescita dei capelli nell’86,4 %.
  • Psoriasi con il 2,6 % che ha migliorato il tempo di inter-crisi del 95,4 %.
  • Altre affezioni 3%.

Secondo l’esperienza accumulata nel centro di istoterapia placentare di Tarará, i pazienti con queste affezioni sono rimasti per 6 mesi o più con trattamento costante, ottenendo il 90,3% di ripigmentazione nel caso della vitiligine. Nell’alopecia, 86,4% di crescita dei capelli. Nella psoriasi, il 95,4% di miglioramento nel tempo inter-crisi.

Condizioni stomatologiche

I disturbi stomatologici rappresentavano il 33,5%:

  • Alto tasso di carie 4,2% soprattutto nella prima decade del programma.
  • Il 96,4% dei pazienti è stato esaminato e quelli colpiti sono stati sottoposti a igiene orale.

Condizioni ortopediche

Le malattie ortopediche rappresentavano il 30%:

  • Scoliosi 15,2%.
  • Piedi piatti 9,1%
  • Altre deformità ossee 5,7%.

A tutti è stato dato un trattamento riabilitativo, apparecchi ortopedici e correzioni chirurgiche dove necessario.

Condizioni Otorinolaringoiatriche

Il 21,7% dei reclami ENT erano dovuti a:

  • Tonsillite cronica nella stragrande maggioranza 8,2%.
  • Faringite cronica (5,5%),
  • Ipoacusia (3,6%)
  • Deviazioni del setto nasale (3,1%)
  • Epitiasi (1,3%).

Condizioni allergiche e immunologiche

Le condizioni allergiche rappresentavano il 12,4% e le condizioni immunologiche il 6,6%:

  • Malattie infettive ricorrenti
  • Allergia stagionale
  • Dermatite atopica

Sono stati trattati con vaccini immunomodulatori, che hanno aiutato a distanziare gli attacchi.

Malattie ematologiche:

Del numero totale di pazienti ucraini ricevuti nel centro, l’1,7% ha presentato malattie ematologiche, 122 con diversi tipi di leucemia, di cui 6 hanno richiesto il trapianto di midollo osseo; il resto è stato trattato con chemioterapia e radioterapia secondo le caratteristiche individuali del caso.

Leucemia 122

  • LLA 107 87,7%
  • LMA 5 4%
  • LMC 9 7,3%
  • LMMT 1 0,8%

Altri disturbi ematologici 267

  • Anemia aplastica 6 2,2%
  • Emofilia 4 1,4%
  • ITP 17 6,3%
  • Altri disturbi 240 89,8%

Condizioni oncologiche:

Sono stati trattati 117 pazienti con processi tumorali che corrispondevano allo 0,5%, di cui il 90,5% erano tumori maligni e solo il 9,5% corrispondeva a tumori benigni.

Ad oggi, non abbiamo alcun riferimento di letalità in nessuno dei casi.

Alterazioni psicologiche:

Le alterazioni psicologiche si manifestarono principalmente nel primo decennio come stress post-traumatico con ansia, depressione, stima, sopravvalutazione delle perdite oggettive e soggettive del disastro, raggiungendo tendenze inadeguate nella formazione della personalità. Nel secondo decennio sono stati caratterizzati da disturbi di adattamento sociale.

PAZIENTI CON DISABILITÀ PER CONDIZIONE:

I pazienti riabilitati per disabilità rappresentavano il 10%.

  • Ortopedia: 1543 70 %.
  • Neurologico: 461 21 %.
  • Neurochirurgia: 18 0,8%.
  • Chirurgia ricostruttiva: 68 3%.
  • Chirurgia visiva: 25 1,1 %.
  • Reumatologico: 68 3
  • Interventi complessi: 26 1,1 %

CONDIZIONI CARDIOVASCOLARI

Le condizioni cardiovascolari rappresentavano il 7,1%, tra cui spiccavano le seguenti:

  • Murmure funzionale 3.3%
  • Valvulopatie 1,4 %.
  • Altre condizioni 2,4%.

Inoltre, sono stati eseguiti 18 interventi complessi

CONDIZIONI OFTALMOLOGICHE

Il 9,6% corrispondeva ad affezioni oftalmologiche, tra cui spiccavano i disturbi refrattivi, che venivano corretti con la consegna di occhiali, e le eterotropie, che venivano per lo più corrette chirurgicamente.

CONDIZIONI NEFROLOGICHE

Anche se non rappresentano un gran numero di pazienti (4,8%), bisogna notare che 6 trapianti renali sono stati eseguiti in questa percentuale e che le principali affezioni erano dovute a glomerulopatie.

DISTURBI NEUROLOGICI

Rappresentano il 5,0% e le influenze fondamentali sono state:

  • Emicrania
  • Cefalea vascolare ricorrente
  • Paralisi cerebrale infantile

Nel caso della paralisi cerebrale infantile, la grande maggioranza ha subito un trattamento chirurgico per correggere le deformità ossee e un trattamento riabilitativo.

INTERVENTI CHIRURGICI

ESPECIALIDADINTERVENCIONES%
Angiológicas211,24  %
Cardiovasculares181,06   %
Cirugía General78046,23 %
Cirugía Reconstructiva684,03   %
Neurocirugía100,59  %
Oftalmológicas653,85  %
Oncológicas995,86  %
O.R.L1679,89  %
Ortopédicas34320,33  %
Trasplantes80,47  %
Urológicas1086,40  %
Total de intervenciones16877,7 %
Otros procederes quirúrgicos546624 %

Il 7,7% del totale dei pazienti ricevuti è stato operato, alcuni di loro con più di un intervento chirurgico e con la partecipazione di più di una specialità negli ospedali William Soler e Cardiocentro, Juan Manuel Márquez, Centro Habana Pediatrico, Pedro Borras, Frank País e CIREN, tra gli altri.

Quelli operati alla ghiandola tiroidea hanno contribuito il maggior numero di casi per la chirurgia generale, la tonsillite cronica e il setto deviato all’ORL. Ci sono state 18 operazioni cardiovascolari complesse, 99 tumori maligni, 6 trapianti di midollo osseo e 2 trapianti di rene. In oftalmologia, lo strabismo ha contribuito alla maggior parte dei casi, in urologia le malformazioni e il varicocele, in ortopedia la scoliosi e le deformazioni degli arti, le sequele delle ustioni alla chirurgia ricostruttiva.

Altre procedure chirurgiche, principalmente biopsie, endoscopie, laparoscopie, medulogrammi, criochirurgia e altre, hanno rappresentato il 24%.

TIPI DI BIOPSIE

  • Pelle 115 2.1
  • Tiroide 412 7,5%.

Le biopsie della pelle e della tiroide hanno rappresentato la maggior parte dei pazienti, sebbene anche altri organi siano stati biopsiati, ma in misura minore, anche le biopsie endoscopiche e gastrointestinali laparoscopiche hanno contribuito a casi significativi.

STUDI LAPAROSCOPICI

  • Digestivo 102 1,8%.

INDAGINI COMPLEMENTARI FONDAMENTALI

INVESTIGACIONES REALIZADAS
Laboratorio clínico174992
Estudios microbiológicos15937
Imagenológicos50788
Otras5937

Gli studi clinici di laboratorio sono stati eseguiti di routine su tutti i pazienti, tra cui: emocromo completo, TSH, T3, T4, Transaminasi e altri studi ormonali. Anche gli studi di imaging come l’ecografia semplice dell’addome e della tiroide erano inclusi nella routine, così come altri richiesti dal paziente.

Numerose indagini complesse sono state eseguite negli ospedali e negli istituti della capitale su indicazione dei loro specialisti.

STUDI DOSIMETRICI

I risultati ottenuti in circa 8000 bambini hanno indicato che:

  • L’irradiazione esterna era il più importante contributore alla dose totale, che è stata stimata tra <1-170 mSv per 70 anni.
  • Il 27% dei bambini proveniva da aree pulite, il 25% da aree con vari livelli di contaminazione, il 23% da aree evacuate e il 25% da aree senza contaminazione nota del suolo da Cs-137.
  • Un certo livello di contaminazione interna viene rilevato in poco più del 60% dei bambini.
  • I livelli di contaminazione interna da Cs-137 sono compresi tra 1,5 e 565 Bq/kg.
  • La dose interna generata da tale contaminazione varia da <1-9 mSv per 70 anni.
  • La frequenza dell’iperplasia tiroidea tende ad aumentare con l’aumento della contaminazione interna e superficiale da Cs-137.
  • Gli altri indicatori medici e biologici non mostrano alterazioni se analizzati in termini di contaminazione interna e superficiale da Cs-137.

CURA DEGLI ADULTI UCRAINI:

Indipendentemente dal fatto che il programma è stato creato per la cura dei bambini colpiti dalla catastrofe di Chernobyl, la copertura medica è stata data anche a un gruppo di adulti che hanno viaggiato come accompagnatori e molti di loro portatori di malattie croniche che si sono aggravate durante il loro soggiorno nel nostro paese, così come altri che hanno chiesto di essere visti per confermare le diagnosi dei medici cubani.

  • Numero totale di casi visti: 2226 52,5%.
  • Consultazioni totali: 5478
  • Totale indagini: 9130

Il 52,5% degli adulti ricevuti sono stati assistiti e più di una specialità è stata consultata, le più richieste sono state Endocrinologia, Medicina, Dermatologia, Oftalmologia e Ginecologia.

Il numero medio di consultazioni complementari per paziente era (4).

ASSISTENZA MEDICA IN UCRAINA: (1998-2011)

Dal 1998, una brigata di medici cubani lavora nella città di Evpatoria, provincia di Crimea, composta da un pediatra, un medico generico, un ematologo, un endocrinologo, uno psicologo e un traduttore russo.

Tra 5.000 e 6.000 persone all’anno passavano attraverso questo programma, consigliato dai nostri specialisti.

Nella capitale Kiev, fin dall’inizio del Programma, era presente un medico cubano specializzato in pediatria, che ha lavorato alla selezione e alla classificazione dei pazienti insieme al Chernobyl Youth Fund e successivamente al Ministero della Salute ucraino.

Visto dal punto di vista dell’amore…

Chernobyl a Cuba aveva una prospettiva diversa: comprensione, solidarietà, apprendimento comune, condivisione di tutto ciò che era disponibile per i cubani nei tempi duri degli anni ’90. Chernobyl è diventata una sfida medica e scientifica. Ha portato alla luce l’intelligenza e l’umanesimo; ha raccolto storie d’amore e di sradicamento; è servito da spalla a molte persone che hanno vissuto gli orrori della perdita e della malattia; ha riportato la speranza e salvato vite. Ha mostrato il meglio degli esseri umani; è per questo che i bambini di Chernobyl tornano sempre a Cuba, il loro altro posto nel mondo.

Fonte: Cubaperiodistas

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...