Delegazione di alto livello della CTC in Italia

Print Friendly, PDF & Email

La CTC (Central de Trabajadores de Cuba) è un membro fondatore della FSM e, come segno del suo impegno e coerenza con l’organizzazione e i suoi postulati, detiene una delle vicepresidenze.

Il 18° Congresso affronterà i problemi che colpiscono la classe operaia in tutti i continenti, come la crisi finanziaria globale, così come questioni di attualità come la situazione in Ucraina.

Si prevede una grande partecipazione delle organizzazioni affiliate alla WFTU, rappresentate da 435 delegati da 101 paesi e altri collegati in videoconferenza.

La delegazione cubana, guidata dal segretario generale del CTC, comprende anche l’ambasciatore cubano in Italia, Mirta Granda Averhoff, e il direttore delle relazioni internazionali del CTC, Ismael Drullet.

Fonte: (Ambasciata cubana in Italia)


“Siamo ancora insieme. Per la soddisfazione dei nostri bisogni contemporanei. Contro la barbarie imperialista-capitalista” sono le tre idee principali contenute nello slogan centrale della manifestazione inaugurata da Paolo Leonardi, a nome del Sindacato di Base (USB), unico raggruppamento italiano del genere affiliato alla WFTU.

Nel suo discorso, Leonardi ha sottolineato le limitazioni imposte all’incontro dalla pandemia, nel cui contesto ha riconosciuto l’aiuto di Cuba all’Italia in quello che ha considerato un esempio di come “un piccolo paese sottoposto a un infame blocco” sia venuto in aiuto di uno degli otto paesi più industrializzati del mondo.

Mai come in questa occasione è diventato evidente che il capitalismo è portatore di morte e il socialismo portatore di vita, ha detto, specificando che in segno di gratitudine a Cuba per l’assistenza fornita all’Italia contro la Covid-19, l’USB ha appoggiato la campagna per il Premio Nobel per la Pace del Contingente Henry Reeve.

La solidarietà con la nazione caraibica è stata un denominatore comune di altri interventi durante la giornata di apertura del congresso di tre giorni, al quale partecipa una delegazione guidata dal segretario generale della Centrale dei Lavoratori di Cuba, Ulises Guilarte.

D’altra parte, il membro dell’esecutivo nazionale dell’USB ha ricordato che questo è il secondo congresso sindacale mondiale tenuto in Italia dopo quello tenutosi nel 1949 a Milano, dove l’allora leader della Confederazione Generale Italiana del Lavoro, Giuseppe Di Vittorio, fu eletto presidente della WFTU.

A questo proposito, ha ricordato come Vittorio si sia battuto contro la divisione del movimento sindacale mondiale promossa dall’americana American Federation of Labor e dalla British Trade Union Confederation, un processo che ha portato alla creazione della Confederazione Internazionale dei Sindacati, un’organizzazione filocapitalista e imperialista.

La Federazione Mondiale dei Sindacati è tornata in Italia con i suoi striscioni nelle piazze e nei luoghi di lavoro ed è tornata ad essere un punto di riferimento militante e di classe, grazie all’ingresso dell’USB più di un decennio fa, ha sottolineato.

Riferendosi alla crisi in Ucraina, Leonardi ha sottolineato la posizione dell’USB contro tutte le guerre e a favore della dissoluzione dell’Organizzazione del Trattato Nord Atlantico (NATO).

La guerra e le sanzioni, oltre alle migliaia di morti e distruzione sul campo di battaglia, stanno causando gravi problemi ai popoli di tutto il mondo che soffrono le conseguenze del blocco delle fonti di energia e lo spostamento di risorse dal settore sociale alle spese militari, ha detto.

Le masse popolari e i lavoratori pagheranno il prezzo più alto ed è anche per questo che dobbiamo essere decisivi nella battaglia contro la guerra, ha detto Leonardi, aprendo l’incontro, al quale stanno partecipando, di persona o virtualmente, più di 400 delegati di cento paesi.

All’inaugurazione sono intervenuti anche il presidente della WFTU, Mzwandile Makwayiba, il segretario generale dell’organizzazione, George Mavrikos, e il vice direttore dell’Ufficio delle attività dei lavoratori dell’Organizzazione internazionale del lavoro, Anna Biondi, tra gli altri. (Tratto da PL)

Fonte: Trabajadores

Traduzione: @Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba

Potrebbero interessarti anche...