L’economia cubana nel 2021 e le prospettive per il 2022 (ultima parte)

Print Friendly, PDF & Email

IV

Nel corso del 2021, a Cuba è stata attuata la politica economica probabilmente più complessa degli ultimi anni.

Si tratta del Task Ordenamiento, concepito con l’obiettivo di avanzare nell’unificazione monetaria e valutaria del Paese – dopo un dualismo in vigore dall’estate del 1993 -, con l’obiettivo di realizzare le trasformazioni nel sistema di gestione dell’economia che le consentano di funzionare a un livello superiore di efficienza, requisito indispensabile per raggiungere lo sviluppo previsto. Il principale impatto macroeconomico atteso da questa politica è stato quello di stimolare le esportazioni e contenere le importazioni, ma questo effetto sarà raggiunto solo nel medio termine.

Il punto di partenza è stato quello di arrivare a un sistema di misurazione dell’economia cubana che riflettesse realisticamente la reale entità dei valori creati nella produzione e nei servizi, svalutando il tasso di cambio rispetto ad altre valute – in questo caso il dollaro statunitense – per arrivare a una situazione in cui si potesse conoscere il reale potere d’acquisto del peso cubano (CUP).

Pertanto, la riunificazione monetaria e del tasso di cambio iniziata nel 2021 è stata preceduta da diversi anni di analisi, con lo sviluppo di vari modelli che tenevano conto del costo di questo aggiustamento nel breve termine e includevano elementi compensativi per affrontarlo. Con questo obiettivo in mente, di fronte all’effetto inflazionistico di qualsiasi svalutazione, il punto di partenza – nel caso di Cuba – è stato l’aumento del reddito della popolazione – attraverso salari e pensioni – insieme all’eliminazione dei sussidi generalizzati e delle mance insostenibili.

Queste misure, in un processo parallelo di cambiamento strutturale, dovevano garantire un livello di gestione decentrata nelle imprese statali e un collegamento produttivo con il settore non statale, al fine di ottenere una crescita sufficiente della produttività del lavoro, con l’obiettivo di bilanciare il reddito previsto come compensazione per l’aggiustamento, generando – contemporaneamente – una redistribuzione della ricchezza esistente, per stimolare una gestione economica più produttiva in futuro.

Logicamente, questa dinamica ha richiesto un periodo di tempo per svilupparsi, ma ciò non corrispondeva alle aspettative che si erano create tra la popolazione e anche tra un gruppo di imprenditori.

In effetti, le aspettative della popolazione nei confronti dell’aggiustamento monetario e del tasso di cambio si sono concentrate soprattutto sul fatto che avrebbe ridotto i prezzi e migliorato la situazione economica nel breve termine, senza considerare il costo di questa operazione nel breve termine e senza riconoscere chiaramente che solo attraverso una maggiore efficienza economica – che richiederebbe tempo per essere raggiunta – si produrrebbe di più a costi e prezzi inferiori.

D’altra parte, avviare il processo di restrizione monetaria alle condizioni del 2021 è stata una decisione coraggiosa ma molto rischiosa, in quanto sarebbe stata attuata in una situazione caratterizzata da un forte squilibrio nell’economia nazionale che ha preceduto l’attuazione della restrizione. Si trattava certamente di una decisione che non poteva essere rimandata se si voleva che lo stimolo economico funzionasse, che l’economia cubana facesse solidi progressi su una base più realistica e che si realizzassero i cambiamenti strutturali indispensabili a tal fine.

Tuttavia, questa strategia è stata messa in atto – in aggiunta – sotto l’impatto negativo, impossibile da prevedere, della COVID 19, in un contesto di aumento del blocco economico e di peggioramento della crisi economica internazionale, che ha portato a un forte calo del PIL fino alla prima metà del 2021, come già notato.

In queste difficili circostanze, diversi effetti della Tarea Ordenamiento sono stati corretti, ma ci sono ancora importanti aggiustamenti da fare per ridurre i costi dell’aggiustamento monetario e del tasso di cambio nel breve e medio termine. Sui risultati della Tarea Ordenamiento, è molto utile avere le informazioni fornite da Marino Murillo all’Assemblea Nazionale nell’ottobre 2021 e – in particolare – ciò che si riferisce all’inflazione prevista e a quella effettiva.

Per quanto riguarda i risultati della Tarea Ordenamiento, sono molto utili le informazioni fornite da Marino Murillo all’Assemblea Nazionale nell’ottobre 2021, in particolare quelle relative all’inflazione prevista e a quella effettivamente verificatasi. A questo proposito, ha osservato che è stato raggiunto l’aggiustamento previsto nell’economia, con i prezzi all’ingrosso che sono cresciuti meno del livello progettato di svalutazione, ma ha sottolineato: “Il problema è nell’inflazione al dettaglio, non in quella all’ingrosso”. A questo proposito, ha sottolineato che “mentre l’inflazione al dettaglio si sta comportando come previsto, quel 60% non corrisponde a ciò che la gente sta vivendo. La gente sta sperimentando prezzi sette, dieci volte più alti”. Murillo ha poi spiegato che “… i prezzi dei servizi di trasporto e abitativi e degli alimenti sono cresciuti molto di più del 60% previsto (…) il paniere di riferimento di beni e servizi raggiunge il suo costo massimo all’Avana, a 3.250 pesos, e nelle province orientali a 3.057 pesos, quando il suo valore previsto era di 1.528 pesos”.

Riferendosi al deficit dell’offerta, ha sottolineato che ha raggiunto i 60 miliardi di pesos e che, affinché ci sia equilibrio monetario, lo Stato dovrebbe raccogliere il 92% del denaro in circolazione, ma ne raccoglie il 67%.

La questione è stata successivamente ripresa dal Ministro dell’Economia e della Pianificazione nella sessione di dicembre 2021 dell’Assemblea nazionale. In questa occasione è stato sottolineato che si prevedeva di chiudere l’anno con un’inflazione del 70% dei prezzi al dettaglio, che alla fine ha raggiunto un indice del 77,33% a dicembre. Tuttavia, l’indice dei prezzi per i servizi di trasporto ha raggiunto il 188,60%, per i servizi di alloggio il 153,54% e per i prodotti alimentari e le bevande analcoliche il 113,95%. L’analisi dei dati ONEI dovrà essere approfondita, poiché la base di calcolo dell’IPC qui utilizzata risale al 2010, quando il peso del settore non statale nell’analisi era solo del 18%, mentre attualmente si stima che sia superiore al 30%. Secondo i calcoli degli osservatori internazionali, il tasso di inflazione nel 2021 dovrebbe aver raggiunto il 235%. Questo processo di trasformazione è rafforzato dal fatto che il tasso di inflazione dovrebbe aumentare entro il 2021.

A rafforzare questo processo di trasformazione, nell’aprile 2021 è stata approvata una serie di 63 misure volte a rafforzare la produzione e la distribuzione alimentare, che danno continuità agli aggiustamenti della politica agraria derivati dal Task Ordenamiento. Sempre a partire da agosto, è stata approvata una maggiore flessibilità nella commercializzazione dei prodotti agricoli.

Un’altra misura di singolare importanza è stata l’approvazione da parte del Ministero dell’Economia e della Pianificazione della Risoluzione 115 di quest’anno 2021, che tratta le basi generali per il miglioramento del sistema di allocazione della liquidità del Piano Economico Nazionale. Questo regolamento è governato “…dai principi di fornire alle entità una maggiore autonomia nella gestione dei cambi e di assumersi la responsabilità dei propri risultati economici e produttivi”. In base a questo regolamento, le trattenute da parte degli enti possono arrivare fino al 100% della valuta depositata.

Più recentemente, è stato approvato l’avvio del processo di creazione di MSME (micro, piccole e medie imprese) nel Paese, una decisione che contribuisce anche a una migliore conduzione dell’attività imprenditoriale, sia nelle imprese statali che in quelle non statali. A metà aprile 2022, questi nuovi attori economici contavano circa 3.074 entità, di cui il 96,7% sono PMI private e l’1,7% di proprietà statale, mentre l’1,6% sono cooperative non agricole. D’altra parte, il 56% è costituito da riconversioni di imprese esistenti e il 45% da nuove iniziative.

Un impatto positivo dell’Ordine è stato registrato nell’aumento delle richieste di lavoro, con un incremento dell’occupazione nell’economia stimato al 14% entro la fine del 2021. Tuttavia, l’attività tra i lavoratori autonomi e anche in parte del settore statale – che ha chiuso l’anno con più di 500 imprese in perdita – rimane depressa a causa dell’effetto della pandemia e di altre restrizioni rimanenti. Queste imprese in perdita hanno iniziato a essere valutate caso per caso nel marzo 2022 per prendere una decisione sulla loro gestione.

V

Le tensioni economiche che sono aumentate per tutta la prima metà dell’anno, insieme all’aumento delle aggressioni di ogni tipo – soprattutto attraverso le reti sociali – promosse dal governo statunitense, hanno portato allo scoppio di una serie di disordini sociali domenica 11 luglio, che hanno cercato di ripetersi senza successo il 15 novembre, un fenomeno che la controrivoluzione esterna e interna ha cercato di capitalizzare con l’obiettivo di distruggere la Rivoluzione. Di fronte a questa nuova situazione, sarà necessario studiare immediatamente i fattori che l’hanno determinata per prendere rapidamente le decisioni necessarie a correggere gli errori commessi e dare una risposta concreta alle legittime richieste della popolazione, un compito che è già in corso, soprattutto in termini di attenzione alle baraccopoli.

In un momento in cui è necessario unire tutti gli sforzi possibili per andare avanti, alcune questioni meritano la massima attenzione e tra queste si possono evidenziare le seguenti.

Come misura di massima priorità e come parte dell’ordine economico, è necessario esaminare, nel più breve tempo possibile, un processo di riordino e rinegoziazione flessibile del debito pubblico ed esterno, al fine di recuperare la capacità di ottenere finanziamenti interni ed esterni per il Paese.
Tenendo conto della situazione monetaria e finanziaria interna, è necessario sviluppare e attuare rapidamente un piano di misure antinflazionistiche. Tra le altre misure che dovrebbero far parte di un piano di stabilizzazione macroeconomica per il Paese, vi è un’accurata revisione delle schede di costo e redditività progettate per le imprese statali, soprattutto nel caso di quelle decentrate, e l’applicazione delle misure necessarie – tenendo conto dell’esperienza del Periodo Speciale – per frenare l’aumento del valore del dollaro nell’economia informale e ridurre il deficit fiscale.
Nell’ambito della necessaria riorganizzazione dell’economia cubana a breve termine, è necessario rivedere la politica degli investimenti e la sua efficacia in termini di redditività e recupero del capitale investito, compresi gli investimenti diretti esteri. Gli investimenti nella produzione alimentare e nel settore energetico devono avere la priorità immediata.
Considerando il livello di danno ai conti di risparmio nel CUP a seguito della svalutazione, dovrebbero essere attuate immediatamente misure per stimolare nuovamente il risparmio attraverso tassi di interesse adeguati, nonché la vendita di obbligazioni del debito pubblico ai privati, con rendimenti adeguati, rivolti soprattutto ai risparmiatori.
Le opportunità di lavoro altamente qualificate dovrebbero essere ampliate attraverso la creazione di cooperative, in particolare nel settore non agricolo.
In generale, è necessario accelerare l’attuazione delle decisioni prese nel breve termine, eliminando tutti gli ostacoli e le difficoltà burocratiche a tal fine.
È inoltre essenziale monitorare la situazione del segmento vulnerabile e a basso reddito della popolazione, al fine di garantire che ricevano un’attenzione adeguata nelle attuali circostanze.
Infine, è necessario discutere maggiormente la situazione economica del Paese con gli attori economici e la popolazione, al fine di ottenere un consenso a favore delle misure volte a correggere le carenze e gli errori, e soprattutto a sostenere un programma di misure anti-inflazionistiche da attuare.

di

Parte prima

Parte seconda

Fonte: cuba periodistas

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.