Cuba ribadisce il suo impegno per gli obiettivi del Patto Mondiale per una migrazione sicura, ordinata e regolare

Print Friendly, PDF & Email

Intervento dell’ambasciatore Elio Rodríguez Perdomo, Viceministro degli Affari Esteri della Repubblica di Cuba, al Primo Forum di Esame sulla Migrazione Internazionale.
Cuba ribadisce il suo impegno per gli obiettivi del Patto Mondiale per una Migrazione Sicura, Ordinata e Regolare.

Le sfide per Cuba nell’attuazione del Patto si acuiscono per l’applicazione e il rafforzamento del blocco economico, commerciale e finanziario da parte degli Stati Uniti. Questa politica, volta a provocare lo scoraggiamento tra i cubani attraverso privazioni e necessità, costituisce una flagrante violazione dei loro più elementari diritti umani e uno stimolo all’emigrazione irregolare.

Diverse amministrazioni statunitensi hanno attuato politiche che stimolano l’emigrazione irregolare da Cuba verso quel paese, favorendo attività criminali come il traffico illegale di migranti e la tratta di esseri umani.

Queste politiche hanno avuto un alto costo in vite umane e hanno provocato la separazione delle famiglie.

Signor Presidente:

La realtà del mondo globalizzato impone la necessità improrogabile della cooperazione tra gli Stati come base fondamentale per la formulazione e l’attuazione delle politiche migratorie.
Anche se queste fanno parte del tradizionale e irrinunciabile esercizio della sovranità degli Stati, sarà impossibile ottenere l’attuazione del Patto se non prevalgono il dialogo e la collaborazione genuina, e non viene riconosciuta la responsabilità condivisa di tutti gli Stati nell’affrontare un problema di natura globale.

Per questo motivo chiediamo una vera cooperazione multilaterale in materia di migrazione internazionale, fondata sugli obiettivi e sui principi della Carta delle Nazioni Unite e sulle norme applicabili del diritto internazionale, in particolare per quanto riguarda i diritti umani, il diritto dei rifugiati e il diritto umanitario internazionale.

Il governo cubano continuerà a lavorare, in capacità nazionale e insieme con altri paesi, per una migrazione regolare, ordinata e sicura.

Fonte: Razones de Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...