L’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba ha il piacere di ospitare in Italia la grande campionessa Ana Fidelia Quirot

Print Friendly, PDF & Email

Ana Fidelia Quirós (Palma Soriano, 23 marzo 1963) – nota anche come Ana Fidelia Quirot – è una nota podista cubana. Nel mondo dell’atletica è conosciuta come La Tormenta del Caribe (La Tempesta dei Caraibi).

Gloria dello sport cubano, esempio di coraggio e di dedizione incondizionata allo sport. Le sue prestazioni sportive le sono valse allori e decorazioni, essendo stata cinque volte campionessa di Grand Prix dal 1987 al 1991 e selezionata come atleta più importante di Cuba nel 1987, 1988, 1989,1990 e 1991.

Carriera sportiva

La carriera sportiva inizia a 12 anni, quando viene selezionata dalla sua classe di Educazione Fisica per essere avviata alla pratica sportiva.

Da quel momento inizia a ottenere importanti riconoscimenti nazionali e internazionali. Fin dai suoi inizi nel mondo dello sport, si è caratterizzata per la sua disciplina negli allenamenti e per le sue elevate prestazioni tecniche, tanto da far intravedere ai suoi allenatori per lei un futuro che prometteva trionfi, grazie alle sue condizioni fisiche, alla sua tenacia e alla sua perseveranza.

Una delle sue prime esperienze al di fuori di Cuba è stata la XIII° edizione dei Giochi Centroamericani e dei Caraibi, tenutasi a Medellín, in Colombia, nel 1978, dove a soli 15 anni ha vinto la medaglia d’oro nella staffetta quattro per quattro.

A 23 anni, nel settembre 1986, ha dominato il 2° Campionato iberoamericano di atletica leggera, tenutosi a L’Avana, dove ha vinto le medaglie d’oro nei 400 e negli 800. Non ha partecipato ai Giochi olimpici del 1988 a Seul per la mancata partecipazione della squadra cubana per solidarietà con la Corea del Nord. Ciononostante, nei vari incontri internazionali, ha battuto tutti i partecipanti alla finale dei 400 metri.

Nel 1989 ha vinto due titoli mondiali nei 400 e negli 800 metri, per i quali è stata premiata come migliore atleta al mondo. Ha vinto medaglie in cinque Grand Prix di atletica, negli 800 metri: 1987, 1989 e 1991 e altre due nei 400 metri: 1988 e 1990. Ha vinto trentanove gare consecutive sugli 800 m tra il 1987 e il 1990 e 15 gare consecutive sui 400 m nel 1990.

Nel 1991 ha guidato il giro dell’ovale ai Giochi Panamericani dell’Avana, ha ottenuto il record nazionale nei 400m con 49:61 sec il 5 agosto ed è stata seconda negli 800m ai campionati di Tokyo e medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici di Barcellona del 1992 con un tempo di 1 minuto, 56 secondi e 80 centesimi di secondo.

In questo evento ha fatto parte del quartetto cubano della staffetta 4 x 400 che è stato eliminato in semifinale.

Incidente domestico

Il 22 gennaio 1993, nei mesi della gravidanza, subì un incidente domestico che mise in pericolo la sua vita. A seguito di ciò riportò ustioni di secondo e terzo grado su gran parte del corpo.

Nelle ore immediatamente successive ricevette la visita di Fidel (una visita che, secondo le parole di Quirós, “è stata come vivere un inno alla vita”), preoccupato per la sua vita. Durante la degenza, il Comandante tornò in ospedale più di venti volte, e quando fu chiaro che Quiros era fuori pericolo, fece allestire una palestra in ospedale per agevolarla nel processo di riabilitazione.

Il sostegno a Quirós è stato trasversale, passando dal personale medico che la aveva in cura fino a coinvolgere l’intero popolo cubano, che ha seguito passo dopo passo la sua convalescenza con costante preoccupazione e incoraggiamento. I 21 interventi chirurgici cui è stata sottoposta le hanno permesso, insieme a intense sessioni di allenamento, di recuperare la mobilità degli arti danneggiati, dando ancora una volta prova della sua tenacia e forza d’animo.

Ritorno in pista

Con la mobilità di un braccio ancora limitata, vince la medaglia d’argento negli 800 metri ai Giochi centroamericani e caraibici di Ponce (Porto Rico) nel novembre 1993. Nel 1995 ha partecipato ai Campionati mondiali di atletica leggera a Göteborg (Svezia) e ha vinto la medaglia d’oro, diventando campionessa negli 800 metri piani con un tempo di 1:56.11 minuti, record personale e record cubano, impresa che ha ripetuto ad Atene (Grecia) nel 1997.

Alle Olimpiadi di Atlanta si piazza al secondo posto, vincendo una medaglia d’argento. Per il suo atteggiamento, Fidel Castro, ha conferito ad Ana Fidelia Quirós la Medaglia della Dignità, con incisa l’immagine della bandiera cubana.

Per quattro volte ha ricevuto il premio annuale per la migliore sportiva dell’America Latina e dei Caraibi dalla stampa specializzata, nel 1989, 1991, 1995 e 1997.

Notizie

Nel 2003 è stata inserita nella Hall of Fame dell’atletica leggera dell’America Centrale e dei Caraibi e nel 2010 Blas Beato, il suo allenatore.

Attualmente si è ritirata dalle competizioni di alto livello, ma continua a partecipare a eventi per veterani e a contribuire allo sviluppo dell’atletica a Cuba. Partecipa agli eventi veterani e alle glorie dello sport, oltre a curare le pubbliche relazioni presso il centro della Federazione internazionale di atletica leggera amatoriale (IAAF) con sede a Cuba.

Nella sua lunga carriera sportiva ha fatto tesoro di molti riconoscimenti, come il trofeo della Comunità Iberoamericana, consegnato dal re e dalla regina di Spagna come migliore sportiva dell’area, e nel 1988 ha vinto il premio come migliore sportiva del mondo nella sua disciplina, che si è svolto a Monaco.

Potrebbero interessarti anche...