Vertice burrascoso, cosa vogliono nascondere?

Print Friendly, PDF & Email

Sarà che, nonostante le oltre 800 sanzioni economiche ferocemente concepite, senza pudore, mal giustificate e brutalmente scaricate su Venezuela, Nicaragua e Cuba, l’organizzatore del Vertice delle Americhe non riesce ad addomesticare quel trio di ‘disubbidienti’? Sarà questo?

Sarà che, nonostante le oltre 800 sanzioni economiche ferocemente concepite, spudoratamente, mal giustificate e brutalmente scaricate su Venezuela, Nicaragua e Cuba, l’organizzatore del Vertice delle Americhe non riesce ad addomesticare quel trio di ‘disubbidienti’? Sarà questo?

Vertice tempestoso, cosa vogliono nascondere? Per distruggere progetti sociali non bastano blocchi, strangolamenti finanziari, rivolte, saccheggiatori del commercio, teppisti pagati, lapidatori di istituzioni, cioè “oppositori pagati”, pi(ratti) di vocazione “democratica”, devoti della violenza pronti ad usarla in cambio di dollari made in USA, e a costo del dolore della loro stessa gente?

Forse il patrocinatore ha capito che conseguire il suo scopo non è possibile con provocazioni militari alla frontiera, congelamento di beni esteri o furto di patrimoni esteri. O forse ha capito che sabotare i sistemi – bancario, elettrico o di qualsiasi altro servizio vitale – infastidisce ma non gli dà risultati quando si tratta del Venezuela.

Forse con Cuba gli succede la stessa cosa con i suoi “leader”: oltraggiatori di simboli patri, trasformati in un baleno in artisti, e interpretando l’inganno della difesa dei “diritti umani” con teatrali scioperi della fame.

Può darsi che oggi gli sia più chiaro: almeno circa Cuba, Venezuela, Nicaragua, le sue menzogne virtuali possono ingannare una parte, ma non il mondo intero.

Vergogna non deve provare per lo sproposito; quella capacità dell’organizzatore del Vertice ha naufragato tra le sue stesse bassezze. Deve essere impaurito; chissà se è il panico a muovere l’atto discriminatorio nei confronti di Nicaragua, Venezuela e Cuba. Per un recalcitrante anfitrione non deve essere facile. Questa volta, come nelle precedenti, in altri scenari, se la triade bolivariana-sandinista-martiana fosse venuta a Los Angeles, al presuntuoso gli avrebbe cantato in faccia verità scomode, che non vuole sentire, perché sa di non essere adatto a farli tacere.

Dovrebbe ammettere, ad esempio, che quando con satanico opportunismo ha sabotato, calunniato, indotto atti vandalici, rapimenti, tentativi di omicidio, pressioni, ricatti, tagli di carburante, cibo e medicine, nel bel mezzo della pandemia, l’America Latina ha risposto con vaccini e medicinali prodotti a Cuba, con solidarietà e maggiore integrazione.

Il capo sa già che comanda pochi; quando ha stabilito che ” a Los Angeles non vanno i disobbedienti”, invece di obbedienza, quel colpo sul tavolo ha sollevato uno sciame di ribelli in America Latina.

Il giudice ha scelto di offuscare il Vertice delle Americhe, ma non possono coprire il sole con burrasche né con arroganze imperiali.

Fonte: Granma

Traduzione: cubainformazione.it

Potrebbero interessarti anche...