Il tasso di mortalità infantile a Cuba inizia a diminuire leggermente

Print Friendly, PDF & Email

Il Ministro della Salute ha riferito che alla fine del primo semestre del 2022 il tasso era di 7,3 morti infantili per 1.000 nati vivi. Da quasi nove mesi non si registrano decessi materni associati al COVID-19.

Uno dei programmi prioritari del sistema sanitario cubano è la salute materno-infantile, per il suo impatto sulle future madri, sui bambini e sulle famiglie, secondo il Dr. José Angel Portal Miranda, Ministro della Salute Pubblica. Il lavoro della Rivoluzione in questo settore è ben noto, anche al di fuori dei nostri confini.

Tuttavia, sebbene gli indicatori ad oggi siano più favorevoli rispetto a quelli della fine dell’anno scorso, i risultati non sono ancora quelli attesi in tutti i territori, né riflettono tutti gli sforzi compiuti dagli operatori sanitari e dai professionisti, nonché dalla gestione del Paese.

Riferendosi agli indicatori del primo semestre del 2022, il capo del Ministero della Salute Pubblica (Minsap) ha affermato che il tasso di mortalità infantile a Cuba si è attestato a 7,3 morti per mille nati vivi, un dato che, “sebbene non sia quello a cui aspiriamo, sta iniziando a mostrare una tendenza alla diminuzione, che dobbiamo garantire sia sostenibile nel tempo”.

Ha spiegato che le principali cause di morte continuano a essere le condizioni perinatali causate principalmente da ritardo di crescita intrauterino, prematurità e basso peso alla nascita, seguite da malformazioni congenite e sepsi acquisite, queste ultime legate a violazioni dei processi in alcuni ospedali.

legati a violazioni dei processi in alcune istituzioni del Paese.

Per quanto riguarda la mortalità materna, un parametro significativamente influenzato dalla pandemia di Covid-19, tra l’11 marzo 2020 e il 30 giugno di quest’anno sono state diagnosticate 9.228 pazienti, di cui 8.049 donne incinte (87,2%) e 1,1 milioni di donne incinte (87,2%) e 1 179 donne postpartum (12,8%).

Ha indicato che, per questa causa, l’ultimo decesso materno dovuto al virus si è verificato il 21 ottobre 2021, per un caso di mortalità pari a 1,0.

“Questo è uno degli equilibri più dolorosi di covid-19, anche se ogni morte fa male. L’impatto del virus sull’assistenza materno-infantile nei sistemi sanitari di tutto il mondo e, naturalmente, anche a Cuba, è innegabile”, ha affermato.

Approfondendo la questione, il dottor Portal Miranda ha affermato che, in base al rispetto della strategia cubana di vaccinazione di tutte le donne in gravidanza, iniziata il 29 luglio 2021 con il vaccino Abdala, è stato raggiunto l’auspicato comportamento nella mortalità materna e la riduzione della morbilità grave e critica dovuta al coronavirus.

Il primo semestre del 2022 si chiude con 16 morti materne e un tasso di 34,8 per 100.000 nati vivi, dieci morti in meno rispetto al 2021, nove morti in meno rispetto al 2020 e una morte in meno rispetto allo stesso periodo del 2019.

Ha spiegato che l’emorragia ostetrica e la sepsi sono tra le cause fondamentali di questo indicatore.

Il capo del Minsap ha dichiarato che il numero di morti materne nel Paese negli ultimi anni è tra i più bassi dell’America Latina, ma ancora lontano dai risultati desiderati e persino attesi.

Ridurre la mortalità materna implica anche che medici e infermieri lavorino e abbiano una migliore formazione, soprattutto su temi come l’emorragia e la pre-eclampsia (una complicazione della gravidanza legata all’alta pressione sanguigna, ad alti livelli di proteine nelle urine, che indicano danni ai reni o altri segni di danni agli organi), le principali cause che portano alla morte materna, anche se ce ne sono altre che non possono essere prevenute e che non devono essere perse di vista, ha sottolineato il Ministro.

Ha dichiarato che la priorità del Programma di assistenza sanitaria materno-infantile (PAMI) è quella di colmare le lacune mentre il sistema sanitario si riprende dagli shock causati dalla pandemia sars-cov-2 negli ultimi due anni.

A tal fine, ha aggiunto, si sta attuando un piano d’azione strategico per invertire questo impatto ed eliminare altre cause che rendono difficile la continua diminuzione di entrambi i tassi.

RAFFORZAMENTO DEI SOTTOPROGRAMMI DEL PAMI

In seguito alla riorganizzazione e al recupero del sistema, dopo i momenti più complessi di covid-19, le azioni che erano state rallentate hanno cominciato ad essere accelerate. Ha sottolineato che si sta lavorando sul follow-up delle donne incinte e dei bambini.

Di conseguenza, ha aggiunto Portal Miranda, sono aumentati i servizi di assistenza all’infanzia, il controllo prenatale, la ginecologia e le consultazioni sul campo per le donne in puerperio, poiché elementi come l’alto tasso di basso peso alla nascita e l’alto tasso di gravidanze adolescenziali in varie parti del Paese aumentano i rischi sia per i bambini che per le madri.

Ha sottolineato che oltre il 17% delle nascite nel Paese avviene da donne di età inferiore ai 20 anni e che questa cifra sta crescendo in modo significativo in alcune province. “Questa non è una sfida che riguarda solo le ostetriche, per questo è importante collegare il resto delle specialità legate alla salute riproduttiva delle donne.

Ha precisato che il governo cubano non si limita a garantire l’ambito delle tecnologie mediche per le terapie intensive neonatali e pediatriche e che, nonostante le difficoltà nell’acquisizione delle risorse, sono stati privilegiati programmi come la diagnosi, la gestione e la prevenzione delle malattie genetiche e dei difetti congeniti e lo screening neonatale delle condizioni metaboliche.

Una delle più grandi lezioni apprese da questa pandemia, ha sottolineato, è il valore della ricerca scientifica a sostegno di tutti i processi che vengono sviluppati, e la ricerca è stata al centro delle azioni che vengono ora implementate all’interno della PAMI.

Questo programma cerca anche di sostenere il diritto a un’adeguata salute sessuale e riproduttiva, che include l’accompagnamento delle donne, per garantire un parto desiderato e sicuro, nonché misure relative all’umanizzazione dell’assistenza medica in ciascuna delle fasi, poiché l’obiettivo fondamentale è quello di evitare qualsiasi morte prevenibile nei bambini e nelle donne in gravidanza e che la famiglia possa vivere il processo della gravidanza, del parto e del post-partum in modo armonioso e felice.

Il miglioramento della PAMI, ha detto il Ministro, comprende la necessità di migliorare la qualità dell’assistenza materna, con particolare attenzione al trattamento rispettoso, che è considerato una componente centrale.

“Si tratta di un programma che ha molti elementi, e c’è una costante necessità di studiare l’ambiente dell’organizzazione dei servizi medici, il rispetto dei protocolli e il contesto sociale in cui si muovono le nostre donne incinte; aspetti che dobbiamo trasformare se vogliamo portare la mortalità infantile nel nostro Paese al di sotto dei quattro anni, oltre a ridurre la mortalità materna”, ha dichiarato il dottor Portal Miranda.

PRIORITÀ DEL PROGRAMMA

  • Realizzare uno screening preconcezionale dei rischi riproduttivi.
  • Ridurre gli errori nella diagnosi prenatale dei difetti congeniti diagnosticabili.
  • Implementare le linee guida per le consultazioni di pianificazione familiare.
  • Aggiornamento delle linee guida per un parto cesareo sicuro e per la cura della paziente ostetrica in condizioni critiche.
  • Approfittate delle case materne.
  • Ridurre il numero di gravidanze di adolescenti.
  • Ridurre il deficit di farmaci, materiali di consumo e attrezzature sanitarie che garantiscono la sostenibilità del programma.
  • Garantire il rispetto delle norme e delle procedure igienico-sanitarie che condizionano la comparsa di infezioni associate all’assistenza medica e il verificarsi di focolai istituzionali.
  • Risolvere i problemi strutturali delle istituzioni e dei servizi di assistenza alle donne in gravidanza e ai bambini.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...