La piattaforma europea di solidarietà con Cuba supera le 100 trasmissioni

Print Friendly, PDF & Email

Il canale Europa per Cuba ha trasmesso più di cento programmi regolari e speciali dedicati alla solidarietà con l’isola e alla denuncia del blocco imposto dagli Stati Uniti, hanno sottolineato i suoi coordinatori.

Parlando a Prensa Latina, José Antonio Toledo, Haydeline Díaz e Patricia Pérez hanno sottolineato che la piattaforma attivata nell’ottobre 2020 ha accumulato 91 programmi domenicali, nei quali ha affrontato la realtà di Cuba, la resistenza del suo popolo di fronte alle aggressioni e il rifiuto di queste in Europa e nel mondo.

Allo stesso modo, ha trasmesso sul suo canale YouTube e sulle reti sociali diversi programmi speciali per evidenziare date ed eventi di solidarietà con la nazione delle Antille, per un totale di oltre 100 trasmissioni, una cifra che fissa nuovi obiettivi, hanno dichiarato in questa capitale.

In questo senso, hanno affermato che la priorità continuerà ad essere la denuncia, la condanna e la mobilitazione contro il blocco economico, commerciale e finanziario che gli Stati Uniti applicano da più di sei decenni, una politica che hanno definito genocida e criminale.

Nell’ambito del rafforzamento dell’Europa per Cuba, amplieremo gli spazi di partecipazione e di collaborazione, attraverso dibattiti e altre azioni interattive, con temi quali il blocco stesso e il ruolo dei media in questa lotta per la giustizia e la verità”, hanno spiegato Toledo, Díaz e Pérez.

Secondo i coordinatori della piattaforma, inoltre, si faranno nuovi appelli per mobilitazioni a sostegno dell’isola, sulla base dell’esperienza delle carovane e della maratona mediatica organizzata, a cui hanno aderito migliaia di persone in decine di Paesi europei e in altri continenti.

Prevediamo un appello in ottobre contro il blocco, azioni di strada e azioni sui social network che coincideranno con il secondo anniversario del canale”, hanno dichiarato a Prensa Latina.

Fonte: Prensa Latina

Trauzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.