Díaz-Canel a Matanzas: “Questa giornata è stata la migliore e apre la strada alla vittoria”

Print Friendly, PDF & Email

“Oggi è stato il giorno migliore; la vittoria genera vittoria”, ha affermato il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista e Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, allo scoccare delle quattro del pomeriggio, dal Posto di Comando Avanzato che sta monitorando le azioni antincendio nella zona industriale.

Tra i membri dell’Ufficio Politico e della Segreteria del Comitato Centrale del Partito Comunista, i membri del Governo, i capi delle Forze Armate Rivoluzionarie e del Ministero dell’Interno e le autorità provinciali, il Capo dello Stato ha analizzato gli ultimi dettagli relativi alla lotta contro l’incendio. In uno spazio brevissimo, dove tutti parlavano guardando immagini che alludevano al disastro, le espressioni erano quelle tipiche di una lotta feroce che ha le sue tattiche, le sue strategie e un campo d’azione.

Tra i nostri combattenti esperti e tra gli esperti della brigata venezuelana arrivata in questi giorni a sostegno di Cuba, si sono sentite idee diverse, tutte convergenti nel comune intento di raggiungere il successo. Da tutti è emersa una frase incoraggiante: “Stiamo passando all’offensiva”.

Il Presidente Díaz-Canel ha paragonato il paesaggio del disastro al colpo dirompente di un vulcano in eruzione. Si è parlato di esplosioni, di pressione dell’acqua, di ciò che è andato perduto e di ciò che è stato conservato, dei droni che sono stati uno strumento formidabile, e un fratello venezuelano ha condiviso le aspettative sue e dei suoi colleghi sul fatto che sono stati compiuti “notevoli progressi”.

Mentre lasciava il sito, pronto a dirigersi verso un altro punto più vicino al disastro, il dignitario ha scambiato con il gruppo di esperti venezuelani che lavorano fianco a fianco con i loro fratelli del Messico e di Cuba. “Grazie per la fiducia”, ha detto un figlio della patria bolivariana al Presidente, e questa confluenza di emozioni è stata il preludio alla presenza del Capo dello Stato al secondo punto dell’itinerario.

La scena affrontata da Díaz-Canel è il tipico paesaggio, nei toni del grigio, della devastazione, ma anche del movimento incessante degli uomini che non smettono di combattere il fuoco. A un certo punto, il presidente ha riflettuto sul fatto che solo l’eroismo ha permesso di invertire la situazione di disastro e ha chiesto, tra tutti i presenti, quale fosse “la cosa più difficile che resta da fare”. Fu allora che un combattente d’eccezione parlò di una tattica essenziale: vigilanza e fuoco; vigilanza e fuoco….

Cubani e messicani che hanno lavorato instancabilmente sul luogo del disastro sono venuti a salutare il leader. Ai figli e alle figlie della terra di Benito Juárez, il dignitario ha detto: “Grazie mille per la vostra solidarietà e il vostro sostegno”. Dai visi sereni e segnati dalle intemperie degli interlocutori si è levata una voce: “Veniamo con tutto il cuore a sostenere il popolo di Cuba”. Siamo al vostro servizio.

“Hanno fatto molto bene”, ha detto il capo di Stato in un paesaggio scosso da camion giganti, pepato di aria calda e polvere scura, occupato da esseri umani che portano le tracce di un lavoro enorme e il peso di una volontà a prova di vulcano.

Il popolo cubano non ha perso le sue virtù.

I giornalisti presenti al secondo punto dell’agenda del presidente hanno chiesto a Díaz-Canel di rilasciare dichiarazioni su queste ore. Volevano sapere della sua certezza che questo martedì è il migliore dei giorni terribili che sono stati vissuti, e della sua idea che la vittoria genera vittoria. Il Presidente ha riflettuto:

“Penso di sì (che sia stato il migliore dei giorni), non per dire che sia stato il meno peggio dei giorni, ma è stato un giorno davvero buono, e ha molto a che fare con le cose che sono successe e che abbiamo visto proprio in questo posto”.

Ha detto che il controllo è stato raggiunto, si potrebbe dire nella prima fase della lotta contro il fuoco, e ha affermato che questo risultato “ha a che fare con la strategia elaborata congiuntamente dalle forze cubane, messicane e venezuelane”.

Il Presidente ha anche sottolineato che sarebbe stato possibile creare “tutta la capacità di pompaggio dell’acqua necessaria per far fronte all’entità di questo incendio, e sapete che per questo abbiamo dovuto fare molto lavoro tecnico, abbiamo dovuto ricevere impianti di pompaggio dal Venezuela e dal Messico, con determinate specifiche, e anche riabilitare parte del sistema danneggiato qui dagli incendi, e fare un gruppo di trasformazioni”.

Creatività sul campo, improvvisazione di strutture, connessioni per unificare tecniche diverse; questo lavoro è stato menzionato dal dignitario, che ha anche parlato della ricerca di luoghi in cui collocare pompe idrauliche con cui estrarre quanta più acqua possibile.

Il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista ha riconosciuto gli sforzi “dei costruttori e degli operai idraulici, che hanno creato tutti questi muri di contenimento con la sabbia, che sono stati quelli che hanno impedito, nei momenti più complessi, che le fiamme dell’incendio si propagassero, soprattutto quelle che sono arrivate con il trascinamento del combustibile in fiamme verso obiettivi chiave”.

Ha anche sottolineato “il lavoro delle forze del Ministero dell’Interno, delle Forze Armate Rivoluzionarie, dei nostri pompieri, dei nostri compagni che hanno operato instancabilmente con gli elicotteri – e gli elicotteri sono stati decisivi qui per spruzzare acqua per spegnere gli incendi”. E ha sottolineato “le truppe del Venezuela e del Messico, che sono venute con un impegno enorme, indipendentemente dal mandato dei loro presidenti, dal mandato delle loro istituzioni”.

A proposito di questa forza amica, Díaz-Canel Bermúdez ha affermato che l’impegno di questi fratelli “si vede quando si esprimono, quando si salutano, quando parlano”. Sono venuti anche con l’impegno del popolo, con un impegno che è segnato dall’amicizia tra le nostre patrie, tra i nostri popoli e tra i nostri governi”, ha detto. E ha elogiato l’ambiente di lavoro creato, la complementarietà tra tutti, che è stata la chiave per raggiungere i risultati di martedì.

Il Presidente ha affermato che è fondamentale che “la fiducia nel risultato non ci tolga la capacità di pensare”, perché l’esperienza in questo tipo di eventi, ha detto, rende chiaro che “ci sono ancora possibilità che il combustibile prenda di nuovo fuoco; quindi, ora dobbiamo continuare a lavorare per concludere, per spegnere ciò che è acceso, e poi continuare con la sorveglianza e con le tecnologie in cui il combustibile viene rimosso, in cui si continua a raffreddarlo e si applicano altre sostanze chimiche per evitare che gli incendi si riaccendano”.

Man mano che si compiono progressi e nel più breve tempo possibile, ha detto il Presidente, “saremo in grado di iniziare a recuperare le vittime”. Lo ha fatto in riferimento “ai vigili del fuoco che hanno dato la vita nel primo momento in cui hanno affrontato questo incidente”. È un momento, ha riflettuto, “che ha molto a che fare con il dolore delle famiglie che da giorni sono in angoscia, in attesa di notizie dei loro cari”. Penso che sarà un periodo duro, un periodo difficile, per il quale dobbiamo essere preparati. Dobbiamo dare tutto il sostegno possibile a queste famiglie.

Come missioni future, e non appena sarà possibile intraprenderle, il presidente cubano ha parlato di effettuare un’indagine “di tutti i danni e di tutti gli effetti”, per poi “programmare i lavori di restauro”. Díaz-Canel ha condiviso questa certezza: “Recupereremo questa base di superserbatoi”.

Il capo di Stato ha dichiarato che la leadership del Paese e tutte le autorità responsabili stanno monitorando attentamente la situazione dell’inquinamento, “in modo da avere il minor impatto possibile”, al fine di mitigare l’inquinamento che persisterà mentre si combatte per spegnere l’incendio.

“Credo che si stia lavorando in modo integrato su tutte le questioni e credo che oggi sia il giorno in cui siamo più sicuri di essere vicini alla vittoria”, ha detto il Presidente. E ha sottolineato: “Oggi è stata una giornata di vittoria nel confronto (con il fuoco), e la vittoria genera vittoria, quindi credo che saremo in grado di uscire da questo evento nel più breve tempo possibile”. Ha avvertito che ci aspetta un duro lavoro e una ripresa.

Ai giornalisti che hanno raccontato ogni evento legato alla catastrofe, Díaz-Canel ha voluto riconoscere ancora una volta “tutto il sostegno che la stampa ha dato”, per “l’efficacia, l’obiettività, la creatività e soprattutto per come si sono affidati alle belle storie di vita qui di dedizione, di lavoro, di molti dei protagonisti che sono negli scenari fondamentali e che voi avete saputo riflettere da un punto di vista emotivo, sentimentale”. Questo, ha detto, dà molta credibilità a ciò che viene fatto.

Della popolazione di Matanzas, il dignitario ha apprezzato il fatto che sia stata molto disciplinata. E nella sua riflessione non ha ignorato che ci sono stati “molti attacchi sui social network, molte notizie false, incitamento alla sfiducia, e questo avrebbe potuto causare disordine, avrebbe potuto provocare un po’ di sfiducia”; ma, ha sottolineato, la gente di Matanzas, oltre a mostrare disciplina, ha partecipato, ha donato sangue, ha avuto molteplici gesti di dedizione e solidarietà.

Il Presidente ha poi parlato della gente di Cuba: “La gente è venuta qui da quasi tutto il Paese”. E ha elencato il lavoro delle cooperative, dei lavoratori autonomi, delle PMI, delle istituzioni statali e delle organizzazioni di massa.

“Credo – ha dichiarato – che questo abbia dimostrato che il popolo cubano non ha perso nessuna virtù, al contrario, e lo dimostra nei momenti in cui deve dimostrarlo: solidarietà, amore, fiducia, sostegno e volontà, molta volontà e molto impegno”. Ed è così che continueremo a vincere, avversità dopo avversità e vittoria dopo vittoria.

Fonte: CubaSi

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...