Il blocco statunitense a Cuba definito vendicativo

Print Friendly, PDF & Email

Il blocco economico, finanziario e commerciale del governo statunitense contro Cuba si basa su idee punitive, ha avvertito oggi all’Avana la famosa documentarista americana Abby Martin.

L’amministrazione statunitense pratica una politica di vendetta per il fatto che questo Paese caraibico ha preso la sua strada e ha il diritto di vivere”, ha sostenuto la giornalista in un incontro con colleghi cubani e stranieri presso la sede dell’Unione dei giornalisti cubani (UPEC).

Ha assicurato che la campagna in tal senso, che include la Repubblica Bolivariana del Venezuela e altri, costituisce un disegno ufficiale per i loro media aziendali che agiscono contro la verità e reprimono i diritti umani interni ed esterni.

Per questi motivi, ha avvertito, è molto difficile fare giornalismo indipendente all’interno degli Stati Uniti, con poche piattaforme per raccontare le nostre storie, ed ha esemplificato con le limitazioni sulle reti venezuelane TeleSur e Russia Today, di cui i suoi canali principali non parlano.

Rispondendo a una domanda dell’Agenzia di stampa cubana, ha spiegato che sta preparando un documentario sulle basi militari del Pentagono, che sono circa un migliaio e che si distinguono come i maggiori inquinatori dell’ambiente nel mondo.

Ha accusato l’esercito statunitense e il suo governo di essere i principali responsabili di questo degrado e ha citato i casi delle Hawaii, delle isole di Guam e di Okinawa, di cui i cittadini di Washington D.C. non hanno la minima idea di cosa stia accadendo.

Ha ricordato che il governo israeliano gli ha negato l’ingresso in Palestina nel 2019 per la presentazione del suo documentario Gaza Fights For Freedom e, durante l’incontro di oggi all’UPEC, ha espresso la conclusione che il regime israeliano è oggi quello che era diventato il Sudafrica ai tempi dell’apartheid.

Rosa Miriam Elizalde, prima vicepresidente di tale organizzazione sociale e professionale, ha annunciato che il materiale in questione è disponibile sul sito ufficiale https://www.cubaperiodistas.cu/.

Fonte: CubaSi

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...