Cuba riproporrà una risoluzione contro il blocco economico statunitense

Print Friendly, PDF & Email

In un video pubblicato sul suo account Twitter, il ministro ha dichiarato che per la trentesima volta la nazione caraibica porterà all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite la proposta di porre fine a questo assedio, che solo nei primi 14 mesi del governo di Joseph Biden ha causato danni per un valore di seimila 364 milioni di dollari.

Questo ostacola il nostro sviluppo e priva il Paese di entrate che potrebbero essere utilizzate per il benessere del nostro popolo”, ha dichiarato Rodríguez, sottolineando che Washington continua a ignorare le richieste della comunità internazionale e ha inasprito il blocco a livelli senza precedenti.

“È stata una politica fallimentare con l’obiettivo di sovvertire l’ordine costituzionale a Cuba, ma causa carenze, dolore e sofferenze ingiustificabili alle famiglie cubane, limitando l’accesso a cibo, medicine, carburante e altri beni di prima necessità”, ha sottolineato il ministro degli Esteri cubano.

Ha aggiunto che provoca danni reali e significativi ai diritti umani dei cubani e dei Paesi terzi.

A questo proposito, ha commentato che la designazione unilaterale e fraudolenta di Cuba come Stato sponsor del terrorismo rafforza l’impatto dissuasivo e intimidatorio di questa politica di asfissia economica, il cui marcato carattere extraterritoriale colpisce i legittimi legami stabiliti da governi, enti, banche e imprenditori con la nazione caraibica e i suoi cittadini residenti all’estero.

Il ministro degli Esteri ha anche denunciato il fatto che il governo statunitense sta accompagnando questo abuso con operazioni di disinformazione e destabilizzazione contro la più grande delle Antille.

Il blocco pone il Paese del Nord in un profondo isolamento internazionale, lo scredita e suscita il profondo rifiuto dei popoli del mondo, ha osservato il ministro.

La presentazione della bozza di risoluzione è prevista per il 2 e 3 novembre e sarà la trentesima volta che la comunità internazionale voterà sulla questione, un voto che è sempre stato favorevole all’isola.

Fonte: Razones de Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.