L’intervento integrale del Ministro degli Affari Esteri della Repubblica di Cuba all’ONU

Print Friendly, PDF & Email

Intervento del Ministro degli Affari Esteri della Repubblica di Cuba, Bruno Rodríguez Parrilla, al dibattito generale del Segmento di Alto Livello dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

New York, 21 settembre 2022

Signor Presidente:

Illustri delegati:

L’impatto della pandemia di Covid 19 ha messo a nudo, come mai prima d’ora, la vera essenza dell’ordine internazionale ingiusto e insostenibile che prevale.

Mai prima d’ora l’umanità ha avuto questo formidabile potenziale scientifico e tecnico, questa straordinaria capacità di generare ricchezza e benessere, eppure mai prima d’ora il mondo è stato così diseguale e l’iniquità così profonda.

828 milioni di persone, il 10% della popolazione mondiale, soffrono la fame e quasi 50 milioni di bambini soffrono di deperimento, la forma più letale di malnutrizione.

Nel 2022 la disoccupazione interesserà 207 milioni di persone, 21 milioni in più rispetto al 2019. Nel bel mezzo della quarta rivoluzione industriale, 773 milioni di esseri umani non sanno né leggere né scrivere.

Quasi 6,5 milioni di persone sono morte a causa della pandemia di Covid-19. I vaccini sono inaccessibili a un miliardo di persone nei Paesi a basso reddito. Nel 2021, le transnazionali del settore farmaceutico hanno guadagnato 84,588 miliardi di dollari.

Il debito estero è stato pagato più volte, ma si sta moltiplicando. Paradossalmente, la spesa militare globale è in aumento e per la prima volta supera i 2.000 miliardi di dollari.

Non c’è alcuna giustificazione al fatto che l’umanità sia ancora minacciata dall’esistenza di quasi 13.000 armi nucleari. Sosteniamo l’universalità del Trattato sulla proibizione delle armi nucleari.

Quante cose potremmo fare di più se queste risorse venissero spese per promuovere la salute e lo sviluppo? Quante morti per il Covid-19 e per altre cause si sarebbero potute evitare? Quanti bambini sarebbero stati salvati dalla fame e da malattie prevenibili o curabili?

Signor Presidente:

I gas serra hanno registrato concentrazioni record nel 2021 e lo stesso accadrà nel 2022. Il livello medio del mare ha raggiunto un nuovo massimo. Gli ultimi sette anni sono i più caldi mai registrati.

Non possiamo continuare a ignorare gli avvertimenti di un’imminente catastrofe climatica. Abbiamo una sola Terra, l’unica casa per tutti noi. Dobbiamo agire senza ulteriori indugi.

La “filosofia della guerra e dell’espropriazione” e i modelli irrazionali di produzione e consumo del capitalismo porteranno alla catastrofe.

Le relazioni internazionali sono su una strada molto pericolosa. L’offensiva statunitense volta a sottomettere gli Stati attraverso minacce e coercizione economica, militare e politico-diplomatica, per sottometterli a un ordine basato sulle sue regole capricciose, insieme all’espansione della NATO e allo sviluppo di una dottrina aggressiva e di una guerra non convenzionale di quinta generazione, portano inevitabilmente a un clima di tensione e conflitto, le cui conseguenze sono imprevedibili.

Signor Presidente:

Cuba, un piccolo Stato insulare in via di sviluppo, ha pagato a caro prezzo la difesa del suo legittimo diritto di esistere come nazione sovrana e indipendente.

Per oltre sei decenni, abbiamo resistito a un blocco economico, commerciale e finanziario spietato e unilaterale che si è intensificato a livelli senza precedenti dal 2019 e durante la pandemia.

A trent’anni dalla prima risoluzione di questa Assemblea contro il blocco, il governo degli Stati Uniti continua a ignorare la richiesta quasi unanime della comunità internazionale di cessare la sua politica illegale e crudele contro Cuba.

Persevera nei suoi sforzi per generare carenze materiali, scarsità, sofferenza, per seminare scoraggiamento e insoddisfazione e per causare danni al popolo cubano.

Il governo degli Stati Uniti rafforza le pressioni su governi, istituti bancari e aziende di tutto il mondo interessati ad avere relazioni con Cuba e persegue ossessivamente tutte le fonti di reddito e gli afflussi di valuta estera verso il Paese, al fine di provocare un collasso economico.

Di conseguenza, l’economia cubana ha subito pressioni straordinarie, che si sono manifestate nell’industria, nei servizi, nella carenza di cibo e medicinali e nel deterioramento del livello dei consumi e del benessere generale della popolazione.

Il danno umano causato da questa politica a tutte le famiglie cubane, impossibile da quantificare, è enorme, crudele e immorale.

Il blocco è un atto di guerra economica in tempo di pace.

L’attuale governo degli Stati Uniti mantiene in vigore le misure di pressione più aggressive contro il nostro Paese adottate dal governo del presidente Donald Trump.

Continua l’ingiustificata inclusione di Cuba nell’elenco arbitrario e unilaterale del Dipartimento di Stato dei Paesi che presumibilmente sponsorizzano il terrorismo.

Questa classificazione calunniosa impone uno stigma sulle nostre entità e istituzioni e rende estremamente difficili le transazioni finanziarie e commerciali, i pagamenti e i crediti.

Cuba, che è stata vittima del terrorismo di Stato, non promuove e non promuoverà mai il terrorismo. Al contrario, lo condanniamo in tutte le sue forme e manifestazioni.

Il governo statunitense manipola opportunisticamente questioni molto delicate come il terrorismo, la religione, la democrazia, la giustizia, la corruzione e i diritti umani.

Due pesi e due misure, incoerenza, selettività e manipolazione politica danneggiano la causa dei diritti umani.

Il precedente discorso del cancelliere ceco, che non osa menzionare il crimine del blocco di Cuba, ne è un triste esempio.

Abbiamo chiaramente avvertito il governo degli Stati Uniti che devono essere affrontati i fattori che incoraggiano la migrazione irregolare e causano perdite di vite umane, come il mancato adempimento, dal 2017, dell’obbligo previsto dagli accordi bilaterali esistenti di concedere non meno di 20.000 visti annuali per i migranti; l’esistenza della legge di aggiustamento cubano, il trattamento privilegiato politicamente motivato, le pressioni restrittive sui Paesi di transito regolari e il rafforzamento del blocco economico.

L’annuncio odierno che l’elaborazione dei visti per i migranti tornerà all’ambasciata statunitense all’Avana è un passo positivo.

Cuba ribadisce la sua volontà di procedere verso una migliore intesa con il governo degli Stati Uniti e di sviluppare relazioni civili e persino di cooperazione tra i due Paesi, sulla base del rispetto reciproco, dell’uguaglianza sovrana e senza minare la nostra indipendenza e sovranità, nonostante le profonde differenze.

Sottolineiamo il prezioso impegno e le recenti manifestazioni dei cubani e dei discendenti cubani a tutte le latitudini e in questo Paese, di rispetto dei diritti sovrani di Cuba e di rifiuto della spietata aggressione degli Stati Uniti, in particolare del blocco economico.

Sono anche profondamente grato per le dichiarazioni dei capi di Stato e di governo in questo dibattito generale, per il sostegno storico di quest’Assemblea e per le espressioni di solidarietà verso Cuba da parte di governi, personalità, organizzazioni politiche e movimenti solidali, sociali e popolari di tutto il mondo.

Oggi, questa solidarietà e questo sostegno continuano a essere essenziali.

Signor Presidente:

Nonostante le enormi sfide, il popolo e il governo cubano non hanno ceduto alla determinazione di andare avanti nella costruzione di una società socialista più giusta, democratica, prospera e sostenibile.

Abbiamo superato il Covid-19 con le risorse, i nostri vaccini e la forza del nostro sistema sanitario e scientifico. Siamo stati in grado di collaborare modestamente inviando 58 brigate mediche nel momento peggiore della pandemia in 42 Paesi e territori.

Abbiamo lavorato per ripristinare la vita economica e sociale del Paese, per sostenere la trasformazione delle nostre comunità e per sostenere ed espandere i programmi sociali.

Continuiamo a migliorare il nostro sistema giuridico, il nostro Stato socialista di diritto e giustizia sociale, per garantire il pieno godimento di tutti i diritti umani da parte di tutti i cubani e per arricchire il sistema di giustizia sociale di cui hanno goduto diverse generazioni.

Il 25 settembre, dopo un ampio processo di partecipazione e consultazione popolare, si terrà il referendum legislativo su un nuovo e inclusivo Codice delle famiglie. Sarà un esercizio di vera democrazia diretta e di potere effettivo del popolo cubano.

Signor Presidente:

L'”unità nella diversità” proposta dall’allora presidente Raúl Castro è possibile nei Paesi del Sud e nella Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi, che si sta rafforzando sempre di più e sta creando le condizioni affinché la nostra regione avanzi verso forme più elevate di integrazione e cooperazione, sulla base dei postulati della Proclamazione dell’America Latina e dei Caraibi come Zona di Pace.

Apprezziamo la posizione dignitosa assunta da diversi Paesi della nostra regione di fronte alle esclusioni arbitrarie nei forum emisferici.

Rinnoviamo il nostro sostegno e la nostra solidarietà alla Repubblica Bolivariana del Venezuela, al suo Presidente costituzionale, Nicolás Maduro Moros, e all’unità civile-militare del suo popolo, di fronte ai tentativi di destabilizzare e sovvertire l’ordine interno di questo fraterno Paese. Respingiamo l’applicazione di misure coercitive unilaterali contro il Venezuela.

Denunciamo i tentativi imperialisti di destabilizzare il Governo di Riconciliazione e Unità Nazionale del Nicaragua. Ribadiamo il nostro fermo sostegno al fraterno popolo nicaraguense e al suo Presidente, Daniel Ortega.

Siamo solidali con le nazioni sorelle dei Caraibi e sosteniamo la loro legittima richiesta di risarcimento per gli effetti dannosi del colonialismo e della schiavitù. Hanno bisogno e meritano un trattamento equo, speciale e differenziato.

Riaffermiamo il nostro impegno storico per l’autodeterminazione e l’indipendenza del popolo di Porto Rico.

Haiti ha bisogno di un contributo speciale da parte della comunità internazionale per la sua ricostruzione e il suo sviluppo. L’umanità è in debito con quella Repubblica fondatrice.

Sosteniamo la legittima rivendicazione del Presidente Alberto Fernandez e del popolo della Repubblica argentina alla sovranità sulle isole Malvinas, Sandwich del Sud e Georgia del Sud e sulle aree marittime circostanti.

Esprimiamo la nostra piena solidarietà alla vicepresidente argentina, Cristina Fernández de Kirchner, che, vittima di un ingiusto e immotivato accanimento giudiziario e mediatico, ha recentemente subito un efferato attentato.

Ribadiamo il nostro fermo impegno per la pace in Colombia. La manifesta volontà di pace dell’attuale presidente Gustavo Petro e delle parti interessate merita il sostegno della regione e della comunità internazionale.

Le risorse necessarie devono essere messe a disposizione per sostenere l’Agenda 2063 dell’Unione Africana, che stabilisce la tabella di marcia per lo sviluppo di questo continente fratello.

Sosteniamo la ricerca di una soluzione pacifica e negoziata alla situazione imposta alla Siria e chiediamo la cessazione delle interferenze esterne e il pieno rispetto della sua sovranità e integrità territoriale.

Sosteniamo una soluzione giusta, globale e duratura del conflitto in Medio Oriente, che garantisca l’esercizio reale del diritto inalienabile del popolo palestinese di costruire il proprio Stato entro i confini precedenti al 1967, con capitale a Gerusalemme Est, e la fine dell’occupazione israeliana dei territori palestinesi occupati.

Ribadiamo la nostra incrollabile solidarietà al popolo Saharawi.

Respingiamo le misure coercitive unilaterali imposte alla Repubblica Islamica dell’Iran.

Condanniamo l’imposizione di ingiuste misure economiche unilaterali contro la Repubblica Popolare Democratica di Corea e l’interferenza esterna nei suoi affari.

Ci opponiamo alle interferenze negli affari interni della Repubblica di Bielorussia.

Ribadiamo il nostro rifiuto dell’imposizione di sanzioni unilaterali contro la Federazione Russa.

Condanniamo le campagne diffamatorie infondate contro la Repubblica Popolare Cinese e i tentativi di minare la sua integrità territoriale e la sua sovranità. Ribadiamo il nostro incrollabile sostegno al principio di una sola Cina.

Sosteniamo una soluzione diplomatica seria, costruttiva e realistica all’attuale guerra in Ucraina, con mezzi pacifici e in conformità alle norme del diritto internazionale, che garantisca la sicurezza e la sovranità di tutti.

Signor Presidente:

Cuba continuerà ad alzare la voce per rifiutare il dominio e l’egemonismo, le misure coercitive unilaterali, i blocchi genocidi e il tentativo di imporre al mondo una cultura e un modello unici.

Non rinunceremo mai alla difesa dell’indipendenza, della sovranità e dell’autodeterminazione dei popoli, senza interferenze o interventi stranieri.

Per il nostro glorioso passato, per il presente e per il futuro delle nuove generazioni di cubani, con la guida del Presidente Miguel Díaz-Canel, resisteremo in modo creativo e lotteremo instancabilmente fino a quando non realizzeremo i nostri sogni di pace e sviluppo con equità e giustizia sociale per Cuba e per il mondo.

Grazie mille.

(Cubaminrex)

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.