Gruppi di mercenari si addestrano negli USA per compiere atti terroristici contro Cuba

Print Friendly, PDF & Email

Gruppi controrivoluzionari si addestrano spudoratamente e impunemente in territorio statunitense, con l’obiettivo di compiere atti terroristici contro la nostra patria, approfittando del difficile contesto che vive il nostro Paese, a causa della crisi mondiale generata dalla pandemia e dall’inasprimento del blocco economico statunitense contro l’isola; situazione ora aggravata dal devastante uragano che si è abbattuto pochi giorni fa sulla parte occidentale di Cuba.

Una di queste organizzazioni, recentemente smascherata dalla televisione cubana, si chiama Autodefensa del Pueblo (Adp), che dispone di un piano d’azione, di una struttura molto ben organizzata e di vari collegamenti di comando, diretti da un consiglio di guerra, con a capo il noto terrorista Manuel Milanés come presidente.

Tra gli scopi dell’Adp c’è quello di fornire sostegno finanziario, logistico e mediatico a coloro che a Cuba si prestano ai suoi scopi malsani, ha dichiarato Lázaro García Ríos, che è stato reclutato da questa organizzazione per commettere atti violenti contro obiettivi economici in varie parti del territorio nazionale, per i quali è stato arrestato e ha confessato.

Secondo García Ríos, sono incaricati di questo compito Willy González, tesoriere delle cosiddette Autodefensas del Pueblo, e Alfredo González, incaricato di reclutare persone nel nostro Paese, attraverso le reti sociali, alle quali offre ricariche, denaro e altri regali.

Per portare a termine le loro azioni violente, l’APD dispone di armi moderne, tra cui lanciarazzi, mitragliatrici, pistole e granate, oltre ad altre attrezzature militari, nonché di imbarcazioni, ha detto García Ríos, il tutto avviene sotto gli occhi del governo degli Stati Uniti, che, lungi dall’affrontare questo comportamento, ha cinicamente incluso Cuba nella sua lista di Paesi che sponsorizzano il terrorismo.

Ma tutto questo non è una novità per l’isola. Dallo stesso 1959, elementi controrivoluzionari protetti dagli Stati Uniti hanno intrapreso azioni che, fino al 1999, hanno provocato 3.478 morti e 2.099 invalidi, oltre a innumerevoli danni economici.

Tra i principali atti terroristici vi furono il sabotaggio del piroscafo francese La Coubre, la promozione del banditismo, il mitragliamento e il bombardamento di città, paesi e zuccherifici, l’incendio di campi di canna da zucchero, l’assassinio di operai e miliziani, il sabotaggio di uffici commerciali e sedi diplomatiche all’estero e i tentativi di attentato ai principali leader della Rivoluzione.

Tra gli scopi di ADP c’è quello di fornire supporto finanziario, logistico e mediatico a coloro che a Cuba si prestano ai suoi scopi malsani Foto: tratto da tvcubana.icrt.cu

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...