I deputati francesi considerano inaccettabile il blocco di Cuba

Print Friendly, PDF & Email

I deputati francesi Rodrigo Arenas (La France Insoumise) e André Chassaigne (Partito Comunista Francese) hanno considerato oggi inaccettabile la prosecuzione del blocco economico, commerciale e finanziario degli Stati Uniti contro Cuba e ne hanno chiesto la revoca.

In una conferenza stampa all’Assemblea Nazionale, hanno ripudiato le conseguenze di questa politica sul popolo cubano e sulla comunità internazionale, hanno denunciato il suo impatto extraterritoriale e hanno invitato ad agire in Francia per respingerla.

I parlamentari, insieme all’ambasciatore dell’isola Otto Vaillant e all’ex presidente del Gruppo di amicizia Francia-Cuba dell’Assemblea François-Michel Lambert, hanno partecipato all’incontro nel contesto della presentazione e del dibattito di questo mercoledì all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di un nuovo progetto di risoluzione sulla necessità di porre fine al blocco.

Secondo Arenas, il blocco applicato da Washington è contrario agli interessi dei popoli e pregiudica il lavoro tra i Paesi per affrontare sfide come il cambiamento climatico.

Il deputato ha affermato in questa capitale che il blocco statunitense è contrario anche agli interessi della Francia, motivo per cui ha chiesto uno sforzo congiunto per chiederne la cessazione.

Dobbiamo lavorare insieme, parlamentari e associazioni, e sfruttare la forza della società civile per agire in modo intelligente, fare pressione e sensibilizzare l’opinione pubblica”, ha dichiarato a Prensa Latina quando gli è stato chiesto cosa fare di fronte alla decisione degli Stati Uniti di ignorare le risoluzioni dell’ONU come quella discussa oggi, che sarà messa ai voti domani in Assemblea Generale.

Da parte sua, Chassaigne ha sottolineato la resistenza di Cuba e del suo popolo e ha insistito sul fatto che per più di un secolo l’imperialismo statunitense ha cercato di impadronirsi dell’isola.

Ha anche avvertito che Washington cerca di mettere a tacere un Paese che difende un’alternativa al neoliberismo.

Stiamo combattendo questa battaglia perché Cuba potrebbe essere la nostra ultima occasione per dimostrare che è possibile costruire una società socialista e un modello di democrazia diverso da quello occidentale”, ha dichiarato il parlamentare e leader comunista.

L’ex deputato Lambert ha inoltre condannato il blocco statunitense e ha parlato dei danni che esso provoca alle aziende, alle banche e ai cittadini francesi.

L’ecologista ha riconosciuto la solidarietà di Cuba con le altre nazioni e ha affermato che attaccarla significa attaccare il mondo.

Nel suo discorso, l’ambasciatore Vaillant ha ringraziato la Francia per il suo sostegno alla più grande delle Antille e ha espresso piena fiducia in una nuova vittoria domani per il progetto di risoluzione sulla necessità di porre fine al blocco, una politica che ha definito crudele, ingiusta e disumana.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...