Il Bloqueo tutti i giorni; resistenza creativa a tutte le ore

Print Friendly, PDF & Email

Il Presidente Díaz-Canel e il Primo Ministro Manuel Marrero Cruz hanno visitato ieri, a Pinar del Río, i comuni di Sandino, Guane e Mantua, che si sono ripresi dopo l’uragano Ian.

A Mantua – a più di 200 chilometri dall’Avana – il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito e Presidente della Repubblica, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha seguito ieri il voto contro il blocco alle Nazioni Unite.

Là dove, più di un mese fa, sono stati affrontati i danni di un violentissimo uragano, e da più di 60 anni – come in tutta l’isola – contro l’uragano permanente dell’ostilità da parte del governo degli Stati Uniti, il Presidente ha assistito a come lo schermo dell’Assemblea Generale sia diventato verde, sopra pochissimi punti gialli e rossi. Ci sono stati 185 voti favorevoli, due contrari e due astensioni sulla risoluzione che Cuba ha presentato da 30 anni.

I pugni alzati in segno di commovente vittoria e gli applausi in una modesta sala dove si parlava di più di mille case danneggiate (44% recuperate), del ripristino dell’acqua, dell’elettricità e delle comunicazioni nel comune, sono stati l’essenza di questa giornata di visita a Pinar del Río. In altre parole, un Paese che subisce un blocco brutale e si rialza ogni giorno per superarlo.

È stata l’ottava visita del Capo di Stato nel territorio, da quando l’uragano Ian è entrato da La Coloma ed è uscito da Puerto Esperanza, abbattendo tutto ciò che poteva incontrare sul suo cammino.

Questa volta il percorso è stato Sandino, Guane e Mantua, che stanno riprendendo la loro vita quotidiana, con le ferite delle case danneggiate ancora aperte: 2.106 a Sandino; 4.352 a Guane; e 1.166 a Mantua.

“È significativo che, proprio mentre avviene questo sostegno a Cuba, noi siamo qui a Mantua, a Pinar del Río, a condividere con la nostra gente, perché questo riconoscimento da parte della comunità internazionale nella lotta contro il blocco, oltre a riconoscere i valori della Rivoluzione cubana, è un riconoscimento dell’eroismo di questo popolo di cui tutti noi facciamo parte”, ha detto Díaz-Canel a decine di mantuanos che si sono riuniti nella città quando hanno saputo della presenza del Primo Segretario.

In quello che è sembrato più un atto di fervore per la clamorosa vittoria che uno dei soliti scambi che avvengono in questi giri, il Presidente ha sottolineato che, con un blocco intensificato, più il passaggio di un uragano che ci ha devastato, la nostra gente ha fatto l’impossibile, e in tutti i comuni della provincia ha lavorato molto duramente. “Questo eroismo del popolo cubano è ciò che fa sì che il mondo ci capisca e ci sostenga”, ha detto.

Il tour è iniziato a Sandino, dove il Presidente ha visitato un’azienda agricola biologica e la Latteria Comunale, e ha avuto uno scambio con le autorità locali e la popolazione sul recupero del territorio, il più occidentale della provincia. Ha riconosciuto l’agilità con cui si sono “rimessi in piedi” e la solidarietà dimostrata quando le loro brigate, dopo aver recuperato i danni sul posto, si sono spostate in altre località.

Díaz-Canel – accompagnato dal vice primo ministro Alejandro Gil Fernández e da Gerardo Hernández Nordelo, Eroe della Repubblica e coordinatore nazionale dei CDR – si è poi recato a Guane, dove ha visitato l’impianto di impregnazione dei pali telefonici ed elettrici, molto richiesto in questa fase di ripresa.

Ha visitato anche la scuola elementare Celestino Pacheco, che è stata salvata dai danni causati da Ian e ha potuto continuare il suo percorso educativo.

Il Capo dello Stato ha poi visitato María de los Ángeles Dorta, conosciuta nel quartiere come Pupy, per la quale si sta costruendo una confortevole casa in legno con due camere, un soggiorno, una cucina e un bagno. Si tratta di un progetto pilota, che sarà realizzato in una decina di giorni e che, per la sua solidità e facilità di costruzione, dovrebbe essere esteso al resto della provincia.

Qui è arrivato anche alla segheria di Combate de las Tenerías, una delle più grandi del Paese, dove il viavai è costante, in vista della raccolta del tabacco e del recupero delle case.

E tutto questo accadeva mentre all’ONU il mondo si stringeva a fianco di Cuba nella sua battaglia contro il blocco, e il ministro degli Esteri Bruno Rodríguez Parrilla parlava a nome di quest’isola che resiste e crea.

Lo faccio, ha detto, “a nome del coraggioso, nobile e dignitoso popolo cubano, che nonostante le avversità non è stato e non sarà sconfitto; a nome dei nostri bambini e dei nostri giovani, che si oppongono alle politiche di odio, ma ne subiscono gli effetti crudeli; a nome delle generazioni di cubani che sono nati e che nasceranno sotto il sistema di misure coercitive più crudele e prolungato che sia mai stato applicato contro qualsiasi Paese, e che deve essere abolito, per il bene di tutti”.

Continueremo a fare progressi nella ripresa

Sebbene ci sia ancora molto da fare, il primo ministro Manuel Marrero Cruz ha dichiarato che, in questa provincia, è stato fatto un duro lavoro per cancellare le tracce dell’uragano Ian.

Il capo del governo ha visitato le aree legate alla produzione di cibo e materiali da costruzione, alla costruzione di case per le vittime e alla riabilitazione degli obiettivi sociali colpiti dalla tempesta.

Ha chiesto quali progressi sono stati fatti e quali problemi impediscono ulteriori risultati, oltre a questioni delicate come la situazione delle famiglie le cui case sono state completamente distrutte.

Nel comune di Consolación del Sur, il secondo più popolato di Pinar del Río e uno dei più colpiti da Ian, ha appreso che sono state colpite più di 17.900 famiglie, di cui solo 1.657 hanno potuto accedere ai materiali.

Marrero Cruz ha chiesto informazioni sul funzionamento degli uffici, sul ritmo di costruzione e sulla previsione del tempo necessario al territorio per completare il recupero.

A questo proposito, René Mesa Villafaña, Ministro dell’Edilizia, ha sottolineato che ci sono comuni che hanno concentrato i materiali in un solo punto, mentre il resto dei punti rimane senza rifornimenti, e ha anche assicurato che le risorse non sono sempre localizzate dove sono le più colpite.

Vivian Rodríguez Rodríguez, direttore nazionale dell’edilizia, ha avvertito che non c’è corrispondenza tra la quantità di materiali venduti e il numero di case recuperate.

In questo senso, ha detto che non risolviamo i problemi quando forniamo le risorse, ma quando il problema è risolto.

Un altro degli ostacoli che hanno frenato il progresso della ripresa è stata la carenza di utensili, una questione su cui il membro dell’Ufficio Politico del Comitato Centrale del Partito ha invitato a prendere spunto dalle esperienze di altre province, in cui molti utensili sono realizzati con l’uso di rifilature e industrie locali.

Nel circolo infantile Clodomira Acosta, nel comune di Consolación del Sur, ha potuto apprezzare il lavoro dei bambini che compongono La Colmenita di quel territorio e il modo in cui l’istituzione funziona, nonostante i danni causati dall’uragano.

Il Capo del Governo ha colto l’occasione per consegnare una donazione di giocattoli, inviati dai figli del personale diplomatico che lavora presso l’Ambasciata di Cuba in Francia.

Marrero Cruz ha spiegato che, durante il suo transito a Parigi, nell’ambito del suo recente tour nei Paesi asiatici, l’ambasciatore cubano in quella nazione gli ha parlato dell’iniziativa che i figli dei nostri funzionari lì presenti avevano spontaneamente preso, dopo aver appreso degli enormi danni causati dallo Ian a Pinar del Río.

Un altro degli obiettivi della visita è stata la fattoria El Mango, appartenente all’agricoltore Amado Blanco Rodríguez, legato all’Empresa Integral y de Tabaco consolareña, che si è interessato alla strategia di reimpianto delle aree danneggiate e alle colture che saranno disponibili per la popolazione entro la fine dell’anno.

Ha inoltre ricevuto una spiegazione dettagliata delle azioni in corso per garantire la campagna sul tabacco. Tra questi, la costruzione accelerata di circa 600 case di essiccazione naturale, che dovrebbero essere pronte al più tardi entro febbraio.

“È stato fatto molto lavoro nella provincia”, ha detto il Primo Ministro.

Con il Consiglio di Difesa Municipale, ha chiesto informazioni sul ripristino di servizi vitali come l’elettricità, che attualmente raggiunge il 93% dei clienti, e ha esortato a prendere tutte le precauzioni per evitare un altro incidente come quello che è costato la vita, nei giorni scorsi, a un giovane elettricista della provincia di Camagüey, che stava lavorando a Vueltabajo.

La visita ha incluso anche la cava di Reinaldo Mora e il centro di allevamento di suini di El Tigre, in cui è stato accompagnato da Rubén Ramos Moreno, il governatore provinciale.

Come di consueto in queste visite, anche il Capo del Governo ha dialogato con la popolazione che gli è venuta incontro, e ha affermato che, sebbene non sarà possibile risolvere contemporaneamente tutti i problemi lasciati dall’uragano, continueremo a fare progressi nella ripresa.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...