Documentario a Cuba evoca la fertile giovinezza di Fidel Castro

Print Friendly, PDF & Email

La prima del documentario La giovinezza feconda di Fidel si è svolta ieri per rievocare momenti cruciali della vita del rivoluzionario cubano, in occasione del sesto anniversario della sua morte, avvenuta il 25 novembre.

Il materiale, della durata di 27 minuti, è stato prodotto dall’Empresa de Informática y Medios Audiovisuales (Cinesoft) e dai registi Dinora Romo e Julio Alberto Salve, che si sono soffermati a mostrare quanto le esperienze vissute a Biran abbiano influenzato l’educazione di Fidel.

Abbiamo scelto immagini molto fresche della famiglia per sostenere la storia. Abbiamo mostrato il verde degli spazi e gli animali, così come la malizia di Fidel da bambino e le sue proiezioni in difesa dei suoi fratelli e delle persone intorno a lui”, ha spiegato Salve a Prensa Latina.

Secondo il responsabile del Gruppo Audiovisivo, l’iniziativa è stata resa possibile grazie all’aiuto del Centro Fidel Castro, del Memorial de la Denuncia e, in particolare, della giornalista Katiuska Blanco, che si è occupata di condurre il documentario attraverso storie e aneddoti.

Credo che il periodo universitario sia stato una delle tappe più importanti per il Comandante in capo, perché ha rafforzato i suoi ideali. Per questo abbiamo usato un titolo molto sui generis, perché vedremo sempre Fidel come un eterno ribelle, un eterno pioniere e un eterno giovane”, ha detto il leader del team Cinesoft.

Secondo Julio Alberto Salve, il tempo di produzione è stato di circa tre mesi e per le riprese sono stati utilizzati i luoghi del Centro Fidel Castro, oltre a immagini e video d’archivio per rafforzare l’idea che i creatori volevano trasmettere.

L’intenzione per il futuro è quella di proiettare l’audiovisivo nei centri educativi di tutto il Paese, con l’obiettivo di continuare ad approfondire e scoprire le sfaccettature del Comandante, grazie ai consigli degli insegnanti che hanno contribuito con le loro conoscenze a realizzare il progetto.

Fonte: Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *