Alla vigilia del 43° Festival Internazionale del Nuovo Cinema Latinoamericano

Print Friendly, PDF & Email

Alla vigilia dell’inizio del 43° Festival Internazionale del Nuovo Cinema Latinoamericano, la rivista Cine Cubano parla con Ramón Samada Suárez, presidente dell’Istituto Cubano di Arte e Industria Cinematografica (Icaic).

Intervista a Ramón Samada Suárez, Presidente dell’Icaic

Il 43° Festival è il primo dopo due anni di edizioni molto ridotte a causa della pandemia di COVID-19. Allo stesso tempo, si svolge in un anno in cui il Paese sta affrontando forti tensioni, soprattutto economiche ed energetiche. Come è possibile organizzare il Festival anche in queste condizioni?

Tutti noi abbiamo vissuto anni molto difficili, soprattutto nel nostro Paese. Il tempo sembra passare velocemente, ma l’intensità degli eventi crea questa sensazione.

Nei momenti più difficili abbiamo continuato a produrre film. Dal 2020, anno in cui il Fondo per lo sviluppo del cinema cubano ha iniziato a operare, ci sono stati quattro bandi di concorso. Di conseguenza, 68 progetti di tutte le categorie e generi hanno ricevuto un sostegno finanziario per un ammontare di 95,6 milioni di pesos. Dodici opere sono già state completate e altre otto lo saranno nei prossimi mesi.

Ramón Samada, presidente del Icaic. Imagen: Tomada de Juventud Rebelde

Allo stesso tempo, altri 36 film sono stati completati per circa 40 milioni di pesos direttamente ai registi, tutti durante il periodo del COVID. Molti riflettono l’impatto della pandemia sulla vita del nostro Paese e sul lavoro dei nostri scienziati.

Con lo stesso impegno dei registi che realizzano le loro opere in modo indipendente, le entità di produzione di Icaic hanno prodotto tre lungometraggi di finzione, documentari e diversi programmi per la televisione cubana. Sono stati inoltre indispensabili per sostenere il cinema indipendente. Sono state realizzate le prime coproduzioni tra il cinema dell’istituzione e i film indipendenti, il che sta dando inizio a una nuova fase dell’industria cinematografica cubana.

Al momento, insieme ai registi, stiamo affrontando un gruppo di priorità come la concessione della personalità giuridica alle società di produzione indipendenti, la risoluzione dell’eccessivo ritardo nei permessi concessi dalle istituzioni per poter girare, oltre a tutte le difficoltà economiche e finanziarie di cui siamo a conoscenza.

Sono giorni difficili. Nonostante ciò, abbiamo organizzato l’inizio della ripresa delle sale cinematografiche nel Paese, un programma approvato dal Comitato Esecutivo del Consiglio dei Ministri, per il quale abbiamo il sostegno dei governi locali e di altri attori economici.

“Il nostro governo ha mobilitato ingenti risorse per il funzionamento ottimale delle nostre migliori sale cinematografiche dotate della necessaria tecnologia di proiezione, per garantire la presenza di ospiti stranieri con le loro opere e tutto ciò che determina il buon andamento di questa edizione”.

Tra poco saremo nel marzo 2023, mese del 64° anniversario dell’Icaic, e abbiamo intenzione di organizzare il primo Festival del Cinema Cubano con tutto il lavoro prodotto in questi anni.

Vi stavo spiegando tutto questo perché è impossibile parlare del Festival al di fuori del suo legame con il cinema cubano, con i suoi registi. Pur essendo un festival internazionale, saranno presenti molte delle nostre opere, in particolare quelle prodotte con il sostegno del Fondo de Fomento.

Alla sua 43a edizione, il Festival porta il peso di una storia di lavoro a favore del cinema latinoamericano. La presenza in tanti anni di molti cineasti del continente, che hanno contribuito con la loro visione e con l’immagine dei sogni realizzati e di altri quasi sempre rimandati, dei popoli dell’America Latina, così diversi e unici allo stesso tempo, è riuscita a mettere il centro di questo cinema all’Avana; lo ha reso visibile. Qui si sono riuniti importanti registi e intellettuali di tutto il mondo.

Come fare un festival con questa eredità e nelle nostre condizioni?

Sarà più modesto rispetto alle altre edizioni. Nonostante ciò, il nostro governo ha mobilitato importanti risorse per il funzionamento ottimale delle nostre migliori sale cinematografiche dotate dell’indispensabile tecnologia di proiezione, per garantire la presenza di ospiti stranieri con le loro opere e tutto ciò che determina il buon andamento di questa edizione. Abbiamo un programma eccellente che i nostri colleghi della Casa del Festival hanno organizzato e che annunceranno tra poche ore, quindi restate sintonizzati.

È un regalo al pubblico cubano, l’essenza del Festival, che riconosce e distingue questo evento come uno dei più rinomati.

“Anche se si tratta di un festival internazionale, saranno presenti molte delle nostre opere, in particolare quelle prodotte con il sostegno del Fondo de Fomento”. Immagine: presa dal sito web di Mincult

Vicenta B, il film che ha vinto il Fondo de Fomento, ha generato in questi giorni sui social network opinioni sulla sua partecipazione al Festival. Può spiegare cosa sta succedendo?

Si tratta di un film che ha ricevuto il sostegno del secondo bando del Fondo di promozione. La giuria, composta da prestigiosi cineasti, ha apprezzato la qualità della sceneggiatura, il design della produzione e l’approccio a un settore complesso dei problemi della nostra società. Icaic è stata fortemente coinvolta, perché il team di produzione di questo lungometraggio ha girato in una delle fasi più acute del COVID nel 2021. In questo senso, è un’opera che accompagniamo e alla quale, senza esserne i produttori, abbiamo contribuito molto alla sua realizzazione. Questo è il lavoro che vogliamo mostrare al pubblico cubano.

D’altra parte, il suo direttore ha pubblicamente rotto con la Rivoluzione cubana, con tutte le istituzioni culturali, con la Scuola Internazionale di Cinema e Televisione, con l’Uneac, con l’Icaic e con il suo Registro del Creador, usando un linguaggio sempre più offensivo e volgare nei confronti dei colleghi della leadership del Paese, delle sue istituzioni e degli artisti e intellettuali che non condividono le sue idee. Ha usato la presentazione del film ai festival internazionali come passerella politica per insultare e attaccare la Rivoluzione cubana.

A luglio gli è stato chiesto di inserire una sua opera nel programma estivo. Nella sua risposta pubblica, ha ribadito i suoi termini aggressivi nei confronti dell’istituzione, la sua totale rottura e il suo rifiuto di permettere la proiezione del suo lavoro nei nostri cinema. In contraddizione con questa posizione e con un atteggiamento incoerente, ha iscritto Vicenta B al Festival.

L’opera è stata invitata a essere mostrata all’evento e i produttori, avvalendosi dei loro diritti, hanno rifiutato la proposta che abbiamo fatto loro. Vicenta B non è censurata.

“Nella sua 43ª edizione, il Festival porta il peso di una storia di lavoro a favore del cinema latinoamericano”.

Hai altre considerazioni da condividere con noi?

È nostra intenzione offrire al pubblico cubano il miglior evento possibile. Lo sforzo che abbiamo dovuto fare per portare avanti il Festival è molto grande. Ma è il nostro desiderio ed è per questo che dedichiamo il nostro lavoro allo sviluppo del cinema cubano in condizioni molto difficili. In questo, i cineasti cubani e questo Festival Internazionale del Nuovo Cinema Latino Americano, pieno di storia e di ricordi indimenticabili, avranno sempre un posto speciale, il più importante.

Fonte: la Jiribilla

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...