Cuba nel 2022: di fronte alle avversità, la speranza

Print Friendly, PDF & Email

La perdita di decine di vite umane e di miliardi di pesos è stata il risultato dell’impatto di disastri di vario tipo sulla realtà cubana del 2022, di fronte ai quali ha prevalso la solidarietà della popolazione.

Le bandiere hanno sventolato più volte a mezz’asta nelle piazze pubbliche e nei cuori degli abitanti dell’isola, per rendere omaggio alle vittime mortali di disastri che sono diventati unici nella storia recente del Paese per i record negativi che hanno stabilito.

Tra le immagini di tristezza e dolore, c’erano anche la speranza e la solidarietà dei vigili del fuoco, dei soccorritori, degli amici provenienti da altri Paesi e di migliaia di persone che si sono offerte volontariamente per aiutare a riparare i danni causati.

UNA FERITA NEL CUORE DELL’AVANA

Il 6 maggio 2022, un forte boato ha sconvolto la routine quotidiana nel centro storico dell’Avana Vecchia. Mentre un’autocisterna stava scaricando il gas al piano terra del Saratoga Hotel, si verificò un’esplosione che distrusse la struttura e numerosi edifici circostanti, causando 46 morti e un centinaio di feriti.

Per quasi una settimana, i soccorritori hanno lavorato per trovare le persone intrappolate nelle macerie, sotto lo sguardo speranzoso di un Paese che vedeva in ogni superstite salvato una vittoria sulla morte.

Più di 90.000 tonnellate di macerie sono state rimosse in seguito al disastro, che ha cambiato il paesaggio di un angolo trafficato della capitale e la vita delle famiglie e degli amici delle vittime.

Le perdite sono state valutate in milioni di dollari. L’hotel a cinque stelle, dove avevano pernottato star della musica e dell’arte, si sta ancora riprendendo, così come diversi edifici residenziali i cui abitanti sono stati trasferiti in alloggi temporanei.

Secondo gli storici, questo è stato uno dei più gravi disastri provocati dall’uomo a Cuba negli ultimi decenni.

INFERNO SULLA TERRA

Cuba è uno dei Paesi in cui si registra il maggior numero di fulmini, nonché di morti e incidenti ad essi associati. È una curiosità, date le dimensioni dell’isola, ma la notte del 5 agosto 2022 è stata l’inizio di una delle più impressionanti tragedie naturali del Paese.

Uno dei serbatoi di carburante della base della superpetroliera nella baia di Matanzas, nella parte occidentale del Paese, è stato colpito da un fulmine, provocando un incendio che si è rapidamente propagato ad altri serbatoi, causando esplosioni e fiumi di fuoco e cenere. L’incendio ha provocato la morte di 17 persone, la maggior parte delle quali vigili del fuoco, e più di un centinaio di feriti. L’incendio ha distrutto l’infrastruttura di uno dei più grandi e moderni impianti di stoccaggio di carburante della nazione.

Per cinque giorni, miliardi di litri cubi di acqua sono stati riversati sulla terra, nell’aria e nel mare, mentre i cieli sopra la cosiddetta Città dei Ponti di Cuba sono stati anneriti dai gas e dalle ceneri prodotti dalla combustione.

Esperti dal Messico e dal Venezuela sono venuti a sostenere il lavoro dei pompieri e dei soccorritori cubani, la cui azione, secondo gli specialisti, è stata un’impresa umana.

I resti dei defunti sono stati localizzati, ma non sono mai stati identificati, a causa delle alte temperature a cui sono stati esposti; ciò non ha impedito all’intera città di rendere loro un commosso omaggio presso la sede del primo museo dedicato ai vigili del fuoco a Cuba, nella città di Matanzas.

Con l’aiuto del Venezuela, la base della superpetroliera di Matanzas è attualmente in fase di ripristino e il progetto tiene conto delle cause dell’evento per mitigare il possibile impatto di un altro fulmine, uno dei fenomeni naturali più distruttivi.

Le vittime hanno ricevuto il sostegno del governo per recuperare le loro case e i loro beni, mentre le autorità ambientali hanno effettuato tre ispezioni, i cui risultati non hanno riportato danni alla baia, alle acque sotterranee o alle colture.

URAGANO IAN

Nel 2022, gli esperti hanno previsto una stagione ciclonica attiva per Cuba, con un’alta probabilità che un uragano di grande intensità colpisca la geografia nazionale con i suoi venti, le sue piogge e le sue penetrazioni marine.

Il 27 settembre, le previsioni sono diventate certezza e poi tensione e angoscia per gli abitanti della parte occidentale del Paese, compresa la capitale, quando il cono di traiettoria dell’uragano Ian, di categoria tre della scala Saffir-Simpson, ha confermato il suo imminente impatto.

Venti di oltre 185 chilometri all’ora, piogge torrenziali e l’impeto del mare hanno creato scompiglio nell’economia, nella natura e nei mezzi di sussistenza di milioni di persone. L’instabilità del sistema elettrico nazionale ne ha causato l’eccezionalità e il collasso per diversi giorni.

Fonti governative hanno confermato la morte di tre persone, il danneggiamento di oltre 100.000 abitazioni e danni ingenti alle infrastrutture elettriche, di comunicazione e agricole, queste ultime soprattutto nella coltivazione del tabacco, per il quale Pinar del Río è un riferimento mondiale.

L’isola sta attraversando una situazione economica difficile a causa dell’intensificarsi del blocco statunitense e della crisi post pandemia del Covidio 19. Per questo motivo la strategia di recupero ha tenuto conto della promozione di soluzioni di sviluppo locale.

Mentre l’elettricità, l’acqua e le reti di comunicazione sono state ripristinate, la ricostruzione delle case crollate e il recupero delle infrastrutture produttive richiederanno più tempo.

Tuttavia, nessuno è stato lasciato indietro e all’indomani dell’uragano naturale, un altro essere umano è arrivato da ogni angolo del Paese nelle regioni più remote dell’ovest con donazioni, risorse, presentazioni artistiche e mani pronte a pulire, sgomberare, sostenere e costruire.

DI FRONTE ALLE AVVERSITÀ, LA SPERANZA

Nonostante la loro diversità, i disastri verificatisi a Cuba nel 2022 presentano diversi elementi comuni.

L’organizzazione istituzionale del Paese e i servizi di base sviluppati dalla Rivoluzione cubana hanno permesso non solo di affrontare queste situazioni, ma anche di mitigarle, recuperare e incorporare le lezioni apprese.

In ogni momento, fin dai primi minuti, le massime autorità del Paese si sono recate sul luogo degli eventi e hanno parlato con la popolazione e gli specialisti per prendere le misure più vicine alla realtà. Decisiva in questa azione è stata anche la solidarietà di cittadini e amici che hanno dimostrato che Cuba non è sola.

All’estremo opposto ci sono state le varie campagne di disinformazione organizzate dall’estero dai nemici del processo di trasformazione socio-economica di Cuba, soprattutto sulle reti sociali, con l’obiettivo di diffamare il governo e seminare il caos.

Tutti i tentativi di destabilizzazione sono falliti perché con la stessa forza naturale delle esplosioni, delle tempeste elettriche e degli uragani che hanno causato la distruzione, il Paese ha iniziato a riprendersi con ciò che aveva imparato, rispondendo alle avversità con solidarietà.

di José Armando Fernández Salazar – Giornalista per la redazione di Cuba di Prensa Latina

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...