“Cuba non vi deluderà mai”

Print Friendly, PDF & Email

L’incontro di ieri tra il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista e Presidente della Repubblica di Cuba, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, e gli artisti, gli intellettuali e gli accademici della nazione australe è stato emozionante, intelligente e deciso.

BUENOS AIRES, Argentina – Era mezzogiorno quando il Primo Segretario del Comitato Centrale del Partito Comunista e Presidente della Repubblica di Cuba, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha incontrato lunedì artisti, intellettuali e accademici della nazione australe.

“È commovente vedervi qui tutti insieme”, ha detto ai suoi interlocutori, ai quali ha rivolto “l’abbraccio fraterno, l’affetto, l’ammirazione che proviamo per voi” e ha comunicato loro la sua intenzione di “vedervi e parlare per un po'”.

Alzandosi in piedi, il Capo dello Stato ha affermato: “Vi rispettiamo non solo perché siete amici di Cuba, ma anche perché siete stati l’avanguardia intellettuale dell’Argentina. E poi ha ricordato che nel 2019 in questa stessa città si è svolto uno scambio emozionante tra lui e un gruppo di prestigiosi intellettuali della nazione meridionale.

In quella giornata traboccante di intelligenza, cuore e senso della lotta erano presenti, tra gli altri, Tristán Bauer, Hebe de Bonafini, Atilio Borón, Adolfo Pérez Esquivel, Stella Calloni… più di trenta pensatori di altissimo livello. Nel 2019, il Presidente Díaz-Canel li ha definiti “i nostri maestri”, perché secondo lui molti di loro sono stati i nostri maestri, nella misura in cui hanno contribuito a interpretare il mondo con le sue complessità e le sue sfide.

È stato lì che il dignitario, tra le altre riflessioni, ha ricordato agli amici pensatori che “per educazione, formazione rivoluzionaria e convinzioni, non concepiamo l’esistenza dell’essere umano senza uno stretto legame con la scienza, la ricerca politica e sociale, l’arte e la cultura nelle sue più diverse espressioni”.

Nel 2019 ha sottolineato che “le relazioni culturali tra Cuba e l’Argentina hanno la loro origine nella profonda visione che si è aperta in entrambe le società sul ruolo liberatorio della cultura, del pensiero e delle idee”.

Il Presidente ha poi affermato: “Qui credo che oggi abbiamo tutti gettato un seme, e che insieme lo faremo germogliare”.

Il Presidente cubano ha confessato agli oltre 70 pensatori: “Ho un bel ricordo di quell’incontro”. E non ha trascurato il fatto che il tempo è passato, che il mondo è cambiato. Nel fornire dettagli sulla realtà cubana, ha affermato che l’isola è stata vittima del terrorismo statunitense, “ma non abbiamo mai sponsorizzato il terrorismo”. Díaz-Canel ha ricordato che il Paese caraibico ha inviato medici in altre parti del mondo.

I vaccini prodotti in territorio cubano, il confronto con il COVID-19, la mancanza di ossigeno, che a un certo punto è stata critica – una realtà accentuata dal blocco imperiale che ha cercato di impedire a Cuba di risolvere questo problema con ogni mezzo possibile – la filosofia della resistenza creativa, quella che consiste nell’andare avanti e avanzare nonostante tutte le avversità. Il Capo dello Stato ha parlato agli intellettuali di questi temi e ha detto loro che, grazie al loro sostegno a Cuba, anche loro fanno parte di questa resistenza creativa.

“Era essenziale che ci incontrassimo di nuovo”, ha dichiarato il Presidente, che ha descritto l’attuale riunione come una continuazione della precedente. E nell’argomentare perché il mondo è visibilmente cambiato, ha fatto riferimento a quanto sta accadendo in America Latina, a come le forze di sinistra hanno preso posizione mentre il nemico non si dà pace e usa altre tattiche, promuove colpi morbidi, in modo ipocrita e con molte calunnie in mezzo.

In tempi come questi, ha aggiunto il dignitario, dobbiamo chiederci: c’è davvero equilibrio nel mondo? Ha poi descritto un pianeta che usa il linguaggio della guerra, che soffre di un crescente divario tra ricchi e poveri, tra Nord e Sud. Non c’è, denunciava, quell’equilibrio di cui parlava Martí, di cui parlavano i nostri eroi.

Per quanto riguarda le sfide attuali della regione, il Presidente cubano ha sottolineato che “abbiamo tutta la base di pensiero dell’America Latina per collegare i processi”; ha affermato che esiste un compendio di valori, di concetti, di teoria rivoluzionaria: ciò di cui abbiamo bisogno, ha sottolineato, è vedere come possiamo trasformare queste cose in azioni per invertire l’ordine ingiusto che il mondo sta subendo, e che i Paesi del Sud stanno subendo più di tutti.

VOCI AMICHE, VOCI DI RESISTENZA

La prestigiosa intellettuale Stella Calloni ha detto al presidente e a coloro che lo accompagnavano all’incontro: “Siete diventati il fulcro della resistenza”. A causa di questa realtà, ha commentato, i rivoluzionari sono molto consapevoli di tutto ciò che accade in America Latina.

Calloni ha denunciato che l’imperialismo statunitense sta facendo la guerra a Cuba, perché il Paese caraibico è “il primo muro che vogliono eliminare”.

La distruzione culturale dei nostri popoli, ha detto, è stata terribile, “ma le nostre culture continuano a esistere”. Il rigoroso pensatore ha avvertito che i monopoli della disinformazione ci stanno confondendo e che siamo vittime di una guerra non dichiarata ma chiara e schiacciante.

I Paesi in cui si sono mantenute le vecchie culture hanno più resistenza, ha detto lo scrittore, per il quale è ovvio che “la principale arma di guerra è la disinformazione”.

Questo è uno dei momenti più gravi in America Latina, ha avvertito Stella Calloni, perché i nemici dei processi di liberazione “hanno bisogno di controllarci”. Per quanto riguarda le Grandi Antille, ha affermato: “Dobbiamo difendere Cuba fino alla morte”. Lo ha detto perché “Cuba è il più grande esempio di resistenza in America Latina, non ce ne sono stati altri”.

A queste voci si sono aggiunte altre che hanno posto domande al Presidente cubano, affrontando temi importanti come l’articolazione di un pensiero rigoroso, come mettere al lavoro la scienza, la tecnologia e l’innovazione per risolvere i problemi attuali dell’emisfero.

Che cos’è la vera democrazia e come dovrebbe funzionare ha suscitato più di una riflessione durante la giornata di scambi. A questo proposito, Díaz-Canel Bermúdez ha ricordato che siamo stati portati a credere che la democrazia rappresentativa sia la vera democrazia e che intorno a questo mito sono state costruite molte costruzioni.

Il Capo dello Stato ha ricordato una verità ben nota, sulla quale il Comandante in capo Fidel Castro Ruz è tornato spesso nelle sue riflessioni: non si può parlare di democrazia se le risorse disponibili non sono equamente distribuite; per parlare di democrazia, deve esserci il diritto all’istruzione, alla salute e alle altre opportunità che costituiscono una vita dignitosa.

Sul concetto di democrazia, ha denunciato il dignitario, c’è una costruzione ipocrita il cui scopo è la difesa di interessi egemonici: “Questo è il paradigma che vendono al mondo”, ha sottolineato, per poi parlare dell’importanza che i nostri popoli approfondiscano e assumano una posizione critica su ciò che è falso e sappiano “costruire i veri paradigmi di cui abbiamo bisogno”.

Tristán Bauer, regista e politico argentino e Ministro della Cultura argentino, è intervenuto per ringraziare i cubani per aver difeso la Rivoluzione. Ha definito l’incontro tra Fidel e Che Guevara in Messico come qualcosa di mitico, un incontro in cui sono presenti le radici del trionfo ribelle del 1959.

È importante, ha detto l’intellettuale, che i cubani siano stati in grado di sostenere la Rivoluzione nonostante tante aggressioni. E guardando all’America Latina, visti i tempi attuali, ha ricordato che “questi sono sempre stati tempi difficili”. Ha parlato di unità, fratellanza e fratellanza come premesse essenziali per risolvere i problemi della regione.

Verso la fine dell’incontro, emozionato, il Presidente Díaz-Canel ha parlato dell’importanza di essere molto uniti e ha condiviso con i nostri fratelli in lotta questa certezza: “Siate sempre sicuri che Cuba non vi deluderà mai”.

Fonte: Granma

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *