Díaz-Canel alla Celac: Cuba non si farà intimidire dall’aggressione

Print Friendly, PDF & Email

Discorso pronunciato dal Presidente della Repubblica di Cuba, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, al VII Vertice della Comunità degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi (CELAC). Buenos Aires, Argentina, 24 gennaio 2023.

Caro Presidente Alberto Fernández:

Eccellenze Capi di Stato e di Governo e altri capi delegazione:

Cari amici latinoamericani e caraibici:

Tornare a Buenos Aires per questo incontro di nazioni è motivo di gioia, soprattutto dopo i giorni di euforia collettiva che hanno fatto traboccare i suoi enormi viali per un trionfo che sentiamo nostro in America Latina e nei Caraibi.

La gioia è completata e onorata dalla piena reincorporazione del Brasile per decisione del nostro caro Lula, al quale esprimiamo il nostro pieno sostegno e solidarietà di fronte agli atti violenti e antidemocratici che hanno cercato di generare il caos e di non rispettare la volontà maggioritaria del popolo brasiliano, che lo ha eletto presidente.

Siamo uniti e chiamati a raccolta dall’indispensabile integrazione latinoamericana e caraibica, in questo meccanismo diversificato e inclusivo, basato su una profonda vocazione all’indipendenza.

A Washington persiste la determinazione a dividerci, stigmatizzarci e subordinarci ai loro interessi, a quasi 200 anni dalla promulgazione della Dottrina Monroe. Lo ha dimostrato l’esclusivo incontro emisferico tenutosi a Los Angeles, dove, abusando del suo potere di padrone di casa e chiudendo gli occhi e le orecchie alle richieste della maggioranza, ci ha escluso, frazionato e ignorato.

Il fallimento politico di quell’incontro ha dimostrato l’isolamento della strategia di egemonismo e dominio di fronte al sentimento di unità e sovranità condiviso dalle nostre nazioni.

Cuba ha ribadito in tutti gli incontri internazionali la pericolosa escalation di azioni che cercano di eternizzare l’egemonismo imperialista attaccando il multilateralismo e la pace.

La realtà ostinata sarà sempre più forte di qualsiasi tentativo di dividerci, perché condividiamo le sfide derivanti da un ordine internazionale ingiusto, saccheggiatore e antidemocratico, che ci impedisce di superare gli allarmanti livelli di povertà, disoccupazione, insicurezza alimentare ed esclusione che caratterizzano il panorama economico e sociale della regione, ancora la più diseguale del pianeta.

È quindi urgente serrare i ranghi e proiettare una visione strategica verso l’integrazione economica, sociale e culturale, che ci permetta di muoverci verso uno sviluppo sostenibile.

Cosa ci impedisce di completarci a vicenda, di stimolare il commercio intraregionale e di incrementare gli investimenti nelle aree di interesse comune?

È urgente trovare soluzioni eque al problema del debito estero ed è essenziale chiedere la fine delle misure coercitive unilaterali e dei blocchi illegali.

Di fronte a un modello culturale egemonico, è necessario difendere la nostra ampia e ricca cultura, frutto genuino di secoli di tradizione e miscegenazione, e pietra angolare del processo di emancipazione e integrazione dei nostri popoli.

Nel complesso e impegnativo mondo post-pandemico, che a livello globale subisce le gravi ripercussioni economiche, politiche e sociali dei conflitti militari e gli impatti inarrestabili del cambiamento climatico, l’unica possibilità per quelli di noi che provengono da un comune passato coloniale e neocoloniale è l’unità.

In questo senso, Cuba sostiene come progetto interessante e utile l’idea di istituire l’Agenzia latinoamericana dei medicinali.

Cari colleghi:

Il governo degli Stati Uniti insiste nel distruggere il modello di sviluppo che noi cubani abbiamo deciso sovranamente di costruire, attraverso una politica di asfissia economica crudele, illegittima, illegale e immorale.

Utilizza la sua egemonia tecnologica e il controllo dei media e delle piattaforme digitali per condurre operazioni di destabilizzazione, una guerra mediatica senza precedenti e per promuovere il cosiddetto “cambio di regime”, con il sostegno di decine di milioni di dollari provenienti dal bilancio federale.

La sua decisione infondata e unilaterale di includere Cuba nella lista fasulla dei presunti sponsor statali del terrorismo ha un forte impatto sulle nostre aspirazioni di sviluppo.

Ringrazio ancora una volta la Comunità e i suoi Stati membri per aver chiesto con forza la rimozione di Cuba dalla lista e la revoca del blocco.

Cuba non si lascerà intimidire da tali aggressioni. Non tradiremo la storia di resistenza, dignità e difesa della giustizia sociale che ha reso la Rivoluzione cubana una forza emancipatrice per gli esseri umani.

Non ci limitiamo alla resistenza. Cuba non ha smesso di creare, nei duri anni di confronto con la pandemia e il blocco intensificato dalle 243 misure applicate dall’amministrazione Trump. Vaccini, decine di nuovi farmaci e protocolli di cura delle malattie, oltre a nuove attrezzature e trattamenti, confermano il valore di questa resistenza creativa.

Illustri colleghi:

Siamo incoraggiati dai cambiamenti nel panorama politico regionale, orientato alla giustizia sociale e alla ricerca di pace e sovranità.

In questo momento il popolo peruviano merita la nostra attenzione e solidarietà. Spetta ai nostri fratelli e sorelle peruviani trovare da soli le soluzioni alle loro sfide.

Con gli ampi argomenti che la storia ci offre, dico anche che non riconosciamo e non riconosceremo alcuna autorità all’OSA, che è l’organizzazione che, al servizio degli Stati Uniti, ha appoggiato e continua ad appoggiare interventi militari, colpi di Stato e interferenze in America Latina e nei Caraibi contro governi popolari e legittimi. L’OSA è l’organizzazione che non ha fatto nulla contro gli omicidi, le torture, le sparizioni forzate e le persecuzioni dei leader sociali, progressisti e di sinistra della regione, che rimarranno per sempre nella nostra memoria.

Cuba ha ripetutamente riaffermato, ma oggi è superfluo dirlo, il suo sostegno e la sua ferma solidarietà ai governi legittimi di Venezuela, Nicaragua e Bolivia, che sono soggetti a persistenti tentativi di destabilizzazione.

Allo stesso modo, sosteniamo le giuste richieste di riparazione per i danni della schiavitù e del colonialismo dei nostri fratelli caraibici, che hanno bisogno e meritano un trattamento equo, speciale e differenziato.

Accompagneremo sempre le cause nobili: l’indipendenza di Porto Rico; la stabilità e la pace ad Haiti, basate sul pieno rispetto della sua sovranità; il processo di pace in Colombia; il diritto dell’Argentina sulle isole Malvinas, Sandwich Meridionali e Georgia del Sud e sugli spazi marittimi circostanti.

Ripudiamo le azioni e le minacce contro la delegazione del presidente Nicolas Maduro, denunciate dal governo venezuelano.

E dalla nostra cara Argentina, le cui donne hanno segnato la storia regionale con un eroismo senza pari, trasmetto tutta la nostra solidarietà e il nostro sostegno alla Vicepresidente Cristina Fernandez.

Amici dell’America Latina e dei Caraibi:

Sotto la guida dell’Argentina e del suo Presidente, Alberto Fernández, la CELAC ha registrato notevoli progressi nel 2022, che dobbiamo continuare a consolidare. Estendiamo il nostro pieno sostegno a Saint Vincent e Grenadine e al fratello Ralph Gonsalves durante la sua presidenza della Celac nel 2023, sempre guidati dalla massima unità nella diversità, dalla solidarietà e dalla cooperazione, con una stretta aderenza ai postulati della Proclamazione dell’America Latina e dei Caraibi come Zona di Pace.

Nel corso di quest’anno potrete contare anche su Cuba come presidente del Gruppo dei 77 più la Cina, in cui lavoreremo instancabilmente per rappresentare degnamente gli interessi delle nazioni del Sud.

Ci ispiriamo agli ideali integrazionisti degli eroi latinoamericani e caraibici. La CELAC è opera di tutti noi. Rafforzarla è una necessità urgente e un dovere condiviso per raggiungere l’unità e l’integrazione della Nostra America.

Grazie mille.

Fonte: Cubaminrex

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *