La controrivoluzione con sede all’estero offre “sponsor” in cambio di azioni terroristiche a Cuba

Print Friendly, PDF & Email

I recenti piani dei gruppi controrivoluzionari con sede all’estero includono l’offerta di benefici per l’immigrazione a coloro che commettono atti terroristici “con un impatto” all’interno dell’isola. Lo rivela un messaggio pubblicato ieri dal Guerriero cubano sul suo canale Youtube.

L’e-mail trapelata rivela le intenzioni destabilizzanti: “Bisogna cercare persone fidate per fare “cose forti” e noi garantiamo la libertà vigilata. Ci sono molti soldi e sponsor per questo”.

Intendono provocare esplosioni sui tralicci in diversi territori del Paese nello stesso momento. Stanno tornando al modus operandi di reclutare elementi criminali per ostacolare il ripristino del sistema elettrico nazionale. “L’isola deve essere chiusa”, sottolineano. Dopo l’interruzione generale dell’energia elettrica, avrebbero usato gli influencer per incitare alla ribellione.

Lo scambio online mostra anche i piani dell’Assemblea della Resistenza e del terrorista Manuel Milanés riguardo al processo di Cuba davanti a un fondo avvoltoio a Londra e al VII Vertice della Comunità degli Stati americani.

Secondo la lettera, i tentativi “sono stati uno spreco di tempo e denaro, senza alcun impatto”. “La causa è comprensibile. I fondi avvoltoio hanno una cattiva reputazione, soprattutto nei tribunali di tutto il mondo.

Alla luce degli ultimi fallimenti, hanno intenzione di “attaccare con tutte le loro forze il nuovo processo elettorale”, che si terrà a marzo di quest’anno. “Il panico deve diffondersi in modo che la gente non vada alle urne e sarà una sconfitta”, dicono.

Fonte: Razones de Cuba

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...