Venezuela: comunicato

Print Friendly, PDF & Email

Venezuela denuncia l’ultimo rapporto sui diritti umani del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d’America.

Il governo della Repubblica Bolivariana del Venezuela respinge in modo categorico l’ultimo rapporto sui diritti umani del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, un paese che, pur mantenendo un’aggressione permanente contro i diritti del popolo venezuelano, pretende di giudicare le azioni di altri governi.

Uno Stato che esattamente 20 anni fa ha lanciato una delle invasioni più brutali della storia dell’umanità contro il popolo iracheno, causando centinaia di migliaia di morti, adottando metodi di tortura e utilizzando armi da guerra contro i civili, pretende cinicamente impartire lezioni al resto dell’umanità su come salvaguardare i diritti umani. Questo dimostra solo che per il governo statunitense i diritti umani sono semplicemente uno strumento da usare per convenienza politica, sulla base di narrazioni distorte.

Ancora una volta, questo rapporto viene pubblicato per attaccare paesi sovrani, le cui decisioni non sono prese con il consenso di Washington, mentre gli Stati Uniti, a livello nazionale, non riescono a contenere la crescente povertà, non riescono a mitigare la brutalità del razzismo istituzionalizzato della polizia, non rinunciano a misure arbitrarie per privare i migranti irregolari della loro libertà e non smettono di applicare misure coercitive illegali e unilaterali contro almeno il 30% della popolazione mondiale.

Pur denigrando altre nazioni, gli Stati Uniti non hanno firmato o ratificato accordi importanti come: la Convenzione internazionale sui diritti delle persone con disabilità; lo Statuto di Roma; il Protocollo opzionale alla Convenzione contro la tortura e altre pene o trattamenti crudeli, inumani o degradanti; la Convenzione internazionale sulla protezione dei diritti di tutti i lavoratori migranti e dei membri delle loro famiglie; la Convenzione sui diritti dell’infanzia; la Convenzione sull’eliminazione di tutte le forme di discriminazione nei confronti delle donne; ecc. Nel frattempo, i principali artefici di guerre criminali, come quella in Iraq, godono di una totale impunità.

Il Governo bolivariano, nonostante le aggressioni permanenti degli Stati Uniti e dei suoi complici, continua a difendere i diritti economici, politici e sociali di tutta la popolazione e continuerà a rispettare i suoi impegni multilaterali per garantire una vita dignitosa a tutti i suoi cittadini.

Caracas, 20 marzo 2023

Potrebbero interessarti anche...