I giovani, puri artefici del cambiamento

Print Friendly, PDF & Email

“Questa è una gioventù che non ha mai fallito con la Rivoluzione”. L’idea espressa mercoledì pomeriggio dalla prima segretaria del Comitato nazionale della Lega dei Giovani Comunisti (UJC), Aylín Álvarez García, ha avuto una connotazione particolare, perché è stata una certezza condivisa durante un incontro in cui hanno coinciso diverse generazioni di cubani.

In modo del tutto naturale e in queste ore che sanno ancora di celebrazioni per i nuovi anniversari della Gioventù comunista e dei Pionieri, si è svolto lo scambio tra la dirigenza del Paese, l’Ufficio nazionale della UJC e i presidenti delle organizzazioni studentesche e dei movimenti giovanili.

Erano presenti i membri dell’Ufficio Politico Esteban Lazo Hernández – Presidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare e del Consiglio di Stato -, il Segretario dell’Organizzazione del Comitato Centrale del Partito Comunista di Cuba, Roberto Morales Ojeda, e il Primo Ministro, Manuel Marrero Cruz, che hanno condiviso le loro impressioni e ascoltato coloro che hanno parlato a nome delle nuove generazioni.

Morales Ojeda è stato il primo a esprimere alcune idee in una giornata dedicata alla riflessione sugli spazi, le responsabilità e le virtù che i giovani cubani hanno oggi.
Morales Ojeda, che è anche membro dell’Ufficio Politico, ha affermato che il programma del 61° anniversario dell’Unione dei Giovani Comunisti e del 62° anniversario dell’Organizzazione dei Pionieri di José Martí (OPJM) non poteva concludersi “senza tenere questo incontro, in cui il vero scopo è riconoscere il lavoro svolto dall’UJC – le organizzazioni studentesche, i loro movimenti – nel presente e per il futuro del Paese”.

È motivo di soddisfazione, ha detto, “potervi incontrare e trasmettervi questo riconoscimento a nome del Primo Segretario e Presidente della Repubblica di Cuba, a nome dell’Ufficio Politico, della Segreteria, a nome dell’Assemblea Nazionale e del nostro governo, con la convinzione che insieme continueremo ad affrontare ognuna delle sfide che oggi ci troviamo ad affrontare con una sfida straordinaria”.

Morales Ojeda ha affermato che non c’è un solo compito nell’ordine politico, ideologico o governativo, nella difesa della Patria, “in cui i giovani non abbiano svolto un ruolo eccezionale”; e ha citato alcuni esempi, come “lo straordinario lavoro” che hanno svolto nel confronto con il COVID-19; così come l’impegno profuso durante gli eventi dell’Hotel Saratoga o della base della superpetroliera nella provincia di Matanzas, o durante il devastante passaggio dell’uragano Ian.

Ha anche espresso il riconoscimento “in nome del nostro Generale dell’Esercito, della generazione storica” della Rivoluzione, e ha sottolineato la fiducia di cui i nuovi continueranno ad essere creditori, sulla strada per continuare a condurre battaglie epiche, e a vivere per continuare a difendere la Rivoluzione e il socialismo.

“In sostanza, anche noi siamo il Partito”.

Aylín Álvarez García ha iniziato il suo intervento ringraziando il Partito Comunista per aver favorito lo spazio per l’incontro tra diverse generazioni, che hanno voluto ripercorrere “tutto quello che è successo da quando ci siamo proposti di realizzare azioni che cercano di migliorare il lavoro della Lega dei Giovani Comunisti”.

La dirigente giovanile ha parlato di un ripensamento dei “modi di fare nelle nostre organizzazioni studentesche e nei movimenti giovanili; e credo che, da quando abbiamo ripensato a questo, abbiamo sempre avuto – come abbiamo sempre avuto in tutti gli anni della Rivoluzione – il sostegno del nostro Partito”.

Aylín ha detto che i primi segretari dei comitati provinciali del Partito, ma anche dei comitati municipali, sono molto coinvolti in tutte le attività proposte dalla Lega dei Giovani Comunisti per il 4 aprile.

“C’è un enorme coinvolgimento in tutto ciò che ha a che fare con la strategia che abbiamo definito e che mira anche a migliorare il lavoro della Lega dei Giovani Comunisti nel presente e per il futuro del Paese”. Aylín Álvarez ha accennato al “necessario ruolo di avanguardia di un’organizzazione che ha la responsabilità di guidare, assistere e rappresentare i bambini, gli adolescenti e i giovani a Cuba”.

Le sfide, ha riflettuto, sono enormi, ma “credo che questa sia una gioventù che non ha mai fallito con la Rivoluzione”. E in questo senso ha sottolineato come le nuove generazioni abbiano ereditato gli insegnamenti del “nostro Partito”; e “siamo sicuri che continueremo ad esserlo”.

Il primo segretario del Comitato nazionale della Lega dei Giovani Comunisti ha ricordato che “nessuna fase è stata facile per la Rivoluzione”, e che le nuove generazioni hanno sempre dovuto superarle tutte.

La prima segretaria ha anche parlato di scuotere le fondamenta dell’organizzazione giovanile, di far sì che il comitato di base, il gruppo studentesco, la brigata, ricevano l’impronta di tutto ciò che l’organizzazione giovanile d’avanguardia vuole fare, e ha fatto riferimento a nuovi modi di rappresentare i giovani, alla necessaria ricerca di spazi in cui le nuove persone, militanti o meno, possano incontrarsi e accrescere il loro senso di appartenenza.

Come queste ore ispirate dal 4 aprile sono state di slancio su fronti produttivi, o di sottolineatura di passaggi storici mentre si recitava in concerti o si scalavano montagne, la leader dei giovani ha fatto riferimento a queste attività come a cose che dovrebbero continuare a essere fatte.

“Non stiamo solo celebrando il 4 aprile, ma anche la vittoria del 26 (marzo), per la quale questo Paese ha lavorato tanto e per la quale ha contato sui suoi giovani; e credo che abbiano dimostrato che siamo ancora i giovani dell’avanguardia”.

Aylín Álvarez ha detto ai dirigenti presenti allo scambio che “ci sentiamo molto accompagnati da voi e che ci sentiamo anche orgogliosi di avere un Partito che si preoccupa sempre dei suoi giovani. Siamo uguali: questa è la gioventù del Partito, in sostanza siamo anche noi il Partito”.

Il dialogo come strumento

“Nel metodo che ho imparato e nel quale sono stato educato per più di 60 anni, quando parlo con i giovani, non è per parlare ma per chiedere, per sapere se hanno chiaro il compito principale del momento”, ha detto Esteban Lazo mercoledì pomeriggio; e con diverse domande rivolte ai giovani ha arricchito le sue riflessioni sulle sfide che la Rivoluzione sta affrontando in questo momento.

Il Presidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare ha chiesto ai rappresentanti delle nuove generazioni: “Qual è il compito principale che avete in questo momento?” e in risposta a questa domanda, un giovane ha affermato che il compito principale dei suoi contemporanei, compreso lui stesso, è quello di contribuire alla crescita della coscienza socialista e comunista nelle nuove generazioni.

Il giovane ha condiviso la sua certezza che “nella misura in cui saremo in grado di formare meglio queste generazioni ai principi del lavoro, del contributo e della vita collettiva”, la società aumenterà i livelli di coscienza di cui Cuba ha bisogno.

La presidente della Federazione degli Studenti dell’Istruzione Secondaria (FEEM), Janny Blanco Gómez, ha affermato che il corpo studentesco deve unirsi in un unico scopo: “difendere la Rivoluzione con le unghie e con i denti”. Ha ricordato l’importanza di “tenere sempre presente il principio studio-lavoro come nostro principale dovere”, oltre a essere consapevoli del “momento storico in cui viviamo”.

Che cosa significa per te il combattimento con la spada”, ha chiesto il Presidente del Consiglio di Stato a Janny. E la ragazza, con la tipica freschezza che non abbandona mai i suoi coetanei, ha spiegato che si tratta di “una frase popolare che viene usata in vari contesti”.

Nel caso specifico della sua idea, ha detto, si tratta di usare tutte le armi della lotta ideologica, comunicativa o di qualsiasi altro tipo che possa aiutare nella Cuba del presente. “La nostra trincea, in questo momento, è lo studio”, ha detto dei suoi coetanei e di se stessa.

Altre domande poste ai giovani hanno aiutato Esteban Lazo a fare diverse riflessioni: “Che importanza si deve dare al ruolo della storia nell’educazione ideologica?”, ha chiesto nei primi momenti del suo intervento, per poi ragionare: “Credo che uno studente che conosce tutto ciò per cui abbiamo lottato, tutto ciò che i cubani hanno trasceso per ottenere ciò che abbiamo ora, faccia un passo in più nella sua preparazione politico-ideologica.

Cosa difendere dalla Rivoluzione? Per rispondere a questa domanda, Esteban Lazo ha utilizzato delle figure per rappresentare la società che esisteva prima del trionfo del 1959 e quella che è stata costruita da allora. Un giovane ha detto che “la prima cosa che abbiamo è la dignità, e abbiamo milioni di motivi per fare la Rivoluzione ogni giorno”, a cui il Presidente dell’Assemblea Nazionale del Potere Popolare ha aggiunto altre frasi interrogative:

Quante università c’erano a Cuba quando la Rivoluzione ha trionfato, quanti studenti, quanti medici c’erano all’epoca del 1959 e qual era il tasso di mortalità infantile?

“Noi – ha detto – abbiamo un’opera sociale creata dalla Rivoluzione che, a prescindere dalle difficoltà del presente, abbiamo la responsabilità di difendere. Se perdiamo la Rivoluzione, perdiamo quell’opera”. Questo aspetto è stato sottolineato da Esteban Lazo, che ha invitato a cercare dati per illustrare il valore di una Rivoluzione come quella cubana.

In 50 anni, calcolate quante vite sono state salvate: c’è qualcosa di più sacro in termini di diritti umani della vita di un bambino? Prima del 1959, qual era l’aspettativa di vita nel Paese caraibico? Nessuno con un senso di giustizia metterebbe in dubbio il valore di un’opera che ha a cuore l’essere umano, ragiona Esteban Lazo.

E chi sono gli artefici di questo lavoro così umano, chi è andato a insegnare l’alfabetizzazione, chi è andato a Girón”, ha proseguito il Presidente del Consiglio di Stato, condividendo subito questo concetto: gli artefici di tutto questo lavoro sono stati i giovani.

Riguardo ai tempi a venire e all’agenda che attende l’Assemblea Nazionale del Congresso del Popolo, ha commentato: “Posso immaginare che ruolo enorme avranno i giovani nella prossima Assemblea”. Ha detto questo perché il 20% dei deputati sono giovani, e per ovvie ragioni “arrivano con nuove idee, proponendo criteri”.

Spazio e luce verde per i giovani

“Credo che sia stata una magnifica lezione di storia, e credo che contenga soprattutto quella parte di storia che riguarda il ruolo svolto dai giovani in tutte le fasi”. Così il capo del governo, Manuel Marrero Cruz, ha valutato il discorso di Esteban Lazo Hernández.

Il Primo Ministro ha denunciato il fatto che il nemico “cerca sempre di imporre l’opinione che il cambiamento voluto dall’imperialismo sarà realizzato dai giovani”.

È una generazione, ha detto, che viene dipinta come scontenta, come una generazione che non si identifica con la Rivoluzione e quindi non la sostiene. Ma “quello che è successo in questi tempi complessi”, ha detto Marrero Cruz, “dimostra più che sufficientemente quanto il nemico si sbagli”, dimostra “questa riaffermazione e questo ruolo di primo piano che la gioventù sta giocando e continua a giocare in tutta la vita politica, economica e sociale del Paese”.

Il capo del governo ha parlato dell’insegnamento della storia come di una questione essenziale per l’educazione delle nuove generazioni. Si tratta di una sfida che richiede la ricerca di “metodi innovativi, metodi diversi che ci permettano di trasmettere in modo attraente questa ricca storia, questa eredità storica che il Paese possiede come pochi altri al mondo”.

Sulla base delle buone lezioni apprese dai recenti incontri dei candidati deputati con la popolazione, Marrero Cruz ha parlato mercoledì dell’importanza di continuare a generare opportunità affinché “la gente possa esprimersi liberamente”, e affinché l’impulso naturale che i giovani hanno di dire le cose possa trovare la sua strada.

L’errore sarebbe, ha avvertito, “se non fornissimo questi spazi”. Dobbiamo continuare a cercare soluzioni a tutte le preoccupazioni e i problemi che si presentano, e anche a cercare una partecipazione più attiva in tutti i processi, con i giovani che svolgono un ruolo di primo piano”.

Senza dubbio, ha sottolineato il Primo Ministro, dobbiamo fare cose diverse, con un modo diverso di pensare e davvero, con azioni concrete, darvi (ha detto ai giovani) quella partecipazione”.

In un altro punto del suo discorso, il Capo del Governo ha affermato: “Nei tempi in cui viviamo, è più che dimostrato che il presente e il futuro sono nelle mani di voi, i giovani”. E verso la fine del suo discorso ha affermato:

“Ovunque, in tutto ciò che facciamo, ci sono i giovani; e nella maggior parte dei casi sono loro a svolgere il ruolo di motivatori, a rivoluzionare e a cambiare le cose”.

(Tratto dal sito web della Presidenza)

Fonte: acn

Traduzione: italiacuba.it

Potrebbero interessarti anche...